Allevamento pugliese
Allevamento pugliese
Economia e lavoro

Coldiretti Puglia: «"Spariti" 92mila animali in cinque anni»

L'allarme lanciato in occasione della festività di Sant'Antonio Abate

La "fattoria Puglia" ha perso oltre 92mila esemplari tra mucche, maiali, pecore e bufali negli ultimi 5 anni. L'allarme lo ha lanciato la Coldiretti in occasione della festività di Sant'Antonio Abate, patrono degli animali.

«Solo tra i più grandi sono "spariti" 9mila maiali, 25mila mucche, mille bufali e quasi 57mila pecore» hanno fatto notare dall'organizzazione dei coltivatori diretti. «Una perdita grave e molto sofferta dagli allevatori che ha molteplici cause, dagli alti costi di gestione delle stalle, ai bassi costi di latte e carne riconosciuti ai nostri produttori, dalla burocrazia matrigna che rende sempre più difficile fare l'allevatore fino agli attacchi dei predatori. Agli animali uccisi si aggiungono i danni indotti dallo spavento e dallo stato di stress provocato dagli assalti, con ridotta produzione di latte e aborti negli animali sopravvissuti».

Il fenomeno ha riguardato soprattutto le aree interne più difficili dove mancano condizioni economiche e sociali minime per garantire la permanenza di pastori e allevatori, spesso a causa dei bassi prezzi e per la concorrenza sleale dei prodotti importati dall'estero

«Le speculazioni mettono a rischio la "fattoria Puglia" dove sono riuscite a sopravvivere con grande difficoltà in Puglia appena 2700 stalle, a causa principalmente del prezzo del latte, dovuto non solo alla crisi, ma anche e soprattutto a queste evidenti anomalie di mercato» ha affermato il presidente Savino Muraglia. «Oltre all'inganno a danno dei consumatori, si tratta di concorrenza sleale nei confronti degli stessi industriali e artigiani che utilizzano esclusivamente latte locale».

Serve responsabilità nella difesa degli allevamenti, dei pastori e allevatori che con coraggio continuano a presidiare le aree zootecniche e a garantire la bellezza del paesaggio. Senza i pascoli aree straordinarie muoiono, l'ambiente si degrada e frane e alluvioni minacciano le città.

«La resistenza degli agricoltori è al limite: è urgente trovare nuove modalità di azione che permettano di organizzare in maniera più efficace un sistema di gestione di questi animali predatori, che non sono più specie in via di estinzione» hanno concluso da Coldiretti Puglia.
  • coldiretti puglia
  • allevamento
Altri contenuti a tema
Maltempo, Coldiretti: «Gelo su peschi e mandorli in fiore, addio frutta» Maltempo, Coldiretti: «Gelo su peschi e mandorli in fiore, addio frutta» Danni anche agli ortaggi coltivati secondo il monitoraggio effettuato dall'organizzazione
«Un pugliese su due ha ridotto gli sprechi alimentari» «Un pugliese su due ha ridotto gli sprechi alimentari» Secondo i dati diffusi da Coldiretti i consumatori hanno riscoperto le ricette con gli avanzi di cucina
Puglia in zona gialla: servizio al tavolo in 22mila tra bar, ristoranti e trattorie Puglia in zona gialla: servizio al tavolo in 22mila tra bar, ristoranti e trattorie Accesso al pubblico consentito anche in 876 agriturismi. Ma la pandemia ha significato chiusura definitiva per il 14.4% delle attività
I giovani tornano in campagna, +12% negli ultimi cinque anni I giovani tornano in campagna, +12% negli ultimi cinque anni L'analisi di Coldiretti che rimarca la necessità di tempi più rapidi per l'esito delle domande di finanziamento dal Psr
Comparto pesca in crisi per la chiusura di 20 mila ristoranti in Puglia Comparto pesca in crisi per la chiusura di 20 mila ristoranti in Puglia Crescono gli acquisti di prodotto surgelato. Le raccomandazioni di Coldiretti
Coldiretti lancia l'allarme: «Natale in Puglia con 200mila poveri» Coldiretti lancia l'allarme: «Natale in Puglia con 200mila poveri» Necessario accelerare nella presentazione dei bandi per gli aiuti agli indigenti
Spesa a domicilio, +90% in Puglia dall'inizio dell'emergenza Spesa a domicilio, +90% in Puglia dall'inizio dell'emergenza L'analisi di Codiretti
«Chiusura delle attività, 400 milioni di euro in fumo» «Chiusura delle attività, 400 milioni di euro in fumo» Coldiretti stima gli effetti di un mese di restrizioni per 20 mila fra bar, ristoranti, pizzerie e agriturismi
© 2001-2021 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.