Famiglia Ucraina aiutata dalla Caritas
Famiglia Ucraina aiutata dalla Caritas
Attualità

Finalmente una casa nuova

Riceviamo e pubblichiamo la testimonianza di una famiglia ucraina che grazie al supporto di Caritas ha trovato un nuovo alloggio

Purtroppo la guerra tra Israele e Palestina ha messo in sordina l'altro conflitto che non è affatto terminato: quello russo/ucraino. E così la nostra attenzione è distolta e si parla tanto dei morti e dei profughi palestinesi e di quelli ucraini non se ne sa più nulla.

La Caritas cittadina, che dal primo momento si è spesa per l'accoglienza agli Ucraini giunti a Bisceglie (è stata la cittadina che ne ha accolti di più nella BAT), vuole ricordarli con il racconto di un'esperienza di positiva integrazione nel tessuto sociale biscegliese di una famiglia allargata. Ecco la testimonianza di Anastasiia Podduda, una bella 37enne fuggita da Mariupol insieme alla madre Halina 67enne, alla sorella Olena 39enne sposata con il 41enne Yuhen e col figlio undicenne Dmitri e la suocera 78enne Valentyne.

Al cadere delle bombe che hanno provocato la distruzione delle loro abitazioni, in sei sono partiti in auto da Mariupol: la destinazione di arrivo era ben chiara: Italia, Puglia, Bisceglie. Qui risiede da anni una cugina del cognato di Anastasiia, sposata con un biscegliese, Mauro Baldini, purtroppo defunto.

Un viaggio difficoltoso e travagliato: in auto in sei, 29 posti di blocco da superare da Mariupol alla Crimea in 14 giorni di guida, il fermo in Crimea di Yuhen per 20 ore con le donne ed il ragazzino al freddo, senza cibo e senza notizie, col timore di un arresto improvviso. È pure capitato di non trovare un hotel che li accogliesse per la notte!

Finalmente rilasciato l'unico autista del gruppo, arrivati in Estonia, è stata venduta l'auto per acquistare i biglietti aerei per Roma. Da Roma in Puglia, a Bisceglie, in treno arrivati l'11 maggio 2022. Ospitati per qualche giorno dalla cugina, tutta la famiglia ha trovato una sistemazione provvisoria per 10 giorni in un b&b; poi è stata accolta in due locali della Caritas e qui è iniziata la gara per aiutarli, tutti desiderosi di darsi da fare. Sergio, Antonio, Ibrahim e tutti i volontari, che permettono all'emporio eco-solidale e RecuperiAmoci di offrire il loro servizio quotidiano, hanno operato il miracolo.

Sono stati seguiti per la regolarizzazione dei documenti, compito facilitato dalla disponibilità dei nostri uffici comunali, che per "l'emergenza Ucraini" erano dotati di una disponibilità ad hoc. Tutti hanno seguito, durante l'estate, un corso di italiano per stranieri attivato preso il Seminario di Bisceglie da un gruppo di insegnanti volontari coordinati dal dott. Mauro De Cillis. Quest'anno frequentano il corso pomeridiano per stranieri presso la Scuola Media Battisti- Ferraris. Anastasiia e Yuhen sono stati assunti con contratto a tempo determinato, che si è rinnovato, a Barletta nell'azienda Agritalia grazie alla determinazione ed alla buona intermediazione di Ibrahim, coordinatore di "Terre solidali".

Olena ha trovato lavoro come aiutante nelle faccende domestiche in alcune famiglie e in una pizzeria: il lavoro al mattino le permette poi di seguire il piccolo Dmitro. Il ragazzino frequenta al mattino la prima media presso la Scuola Media Monterisi ed al pomeriggio online le lezioni della sua scuola ucraina che non sono contemplate nel corso di studi italiano. Sta superando il trauma degli scoppi delle bombe: la nostra sirena delle 8 e delle 12 provocava in lui grande terrore perché la associava al suono degli allarmi per le incursioni aeree con sgancio di bombe. All'arrivo aveva paura di tutti i nuovi incontri. Ora pian pano sta superando ogni timore grazie al clima accogliente in Caritas, alla frequenza dei corsi e della scuola ed all'inserimento nel club calcistico Olimpiadi.

La madre di Anastasiia ha trovato lavoro come assistente notturna di una signora anziana. Ma, durante il giorno, non è mai ferma: chiunque la poteva vedere intenta a tenere pulito ed in ordine il giardino ed il cortile della sede Caritas ai Cappuccini. L'unica a non lavorare all'esterno è la madre di Yuhen, perché malata, ma si occupa di preparare il pranzo e la cena per tutti e quanto è necessario per il benessere della famiglia. Ed il miracolo ultimo è stato un contratto di affitto per un appartamento di quattro stanze e cucina dove tutta la famiglia si è trasferita: questo è l'ennesimo sogno che si è realizzato; ora la famiglia potrà vivere con i propri costumi e le proprie tradizioni, in una tranquillità ed intimità che non è possibile quando si devono condividere cucina, servizi ed altri luoghi comuni.

Anastasiia ha imparato molto bene l'italiano: è lei a raccontare le peripezie del viaggio, la nostalgia per la casa distrutta e gli amici lasciati in Ucraina, anche se li sente spesso per telefono. Finchè ci sarà la guerra, non pensano al ritorno, desiderato tantissimo soprattutto dalle due anziane, ascoltano le notizie su canali ucraini attraverso internet e leggono i loro giornali. Intanto Anastasiia sogna di poter avere un contratto di lavoro a tempo indeterminato, di imparare sempre meglio la nostra lingua, prendere il passaporto e frequentare la scuola guida per poter prendere la patente. E auguriamo a tutti loro anche un affetto e un amore duraturo.

È questa una bella storia di integrazione e di una comunità accogliente, che grazie agli sforzi di tanti volontari e di una rete di supporto ha dato un risultato positivo. Ci sono però altre storie non così positive: questo deve spronare tutti ad un maggiore impegno, per una comunità inclusiva ed accogliente. " ….perchè ero straniero e mi avete accolto…" Mt 25, 35.
  • Caritas Bisceglie
  • guerra Ucraina-Russia
Altri contenuti a tema
Caritas e "Il Buon Samaritano" per la raccolta del farmaco Caritas e "Il Buon Samaritano" per la raccolta del farmaco La raccolta del farmaco si svolgerà da martedì 6 a lunedì 12 febbraio 2024
Caritas Bisceglie, "L'antispreco alimentare" - LE FOTO Caritas Bisceglie, "L'antispreco alimentare" - LE FOTO È stata presentata venerdì 19 gennaio nell’Aula Magna della “Battisti Ferraris” la seconda fase del progetto "antispreco alimentare"
Caritas, un appello per nuovi volontari e attività dei giovani SCU Caritas, un appello per nuovi volontari e attività dei giovani SCU L'appello del coordinatore Sergio Ruggieri è rivolto a insegnanti, studenti universitari e studenti dell'ultimo biennio delle superiori
Pranzo di Natale Caritas, amicizia e solidarietà Pranzo di Natale Caritas, amicizia e solidarietà Riceviamo e pubblichiamo una nota a cura di Caritas Bisceglie
Aiuti alla Caritas, il ringraziamento del coordinatore Sergio Ruggieri Aiuti alla Caritas, il ringraziamento del coordinatore Sergio Ruggieri Ruggieri: «La gamma degli interventi che la Caritas mette in campo è amplissima»
Presentato a Bisceglie il progetto Vertigine Presentato a Bisceglie il progetto Vertigine Innovativo percorso di reinserimento nella società di soggetti destinatari di misure alternative alla detenzione o a fine pena
Torna il pranzo di Natale di Caritas Bisceglie Torna il pranzo di Natale di Caritas Bisceglie Macchina organizzativa attiva a pieno ritmo. L'appello per i volontari
Pranzo di solidarietà a Roma Intangibile Pranzo di solidarietà a Roma Intangibile L'appuntamento solidale si è svolto domenica 10 dicembre
© 2001-2024 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.