Suv
Suv
Attualità

I Suv e la distanza di sicurezza

Arrivano così, alle spalle, in un battibaleno... e sembra che vogliano fare di te un sol boccone

Nell'agosto del 1972 ho preso la patente di guida dell'automobile. Avevo 18 anni appena compiuti,e con grande meraviglia di mio padre, in occasione di una gita d'estate, gli chiesi di mettermi alla guida della Giulia e guidai così... senza sapere niente.

Non feci scuola guida, eppure in occasione dell'esame, lessi sia pure distrattamente quanto meno le regole. Ricordo le due che mi rimasero stampate in mente: divieto di suonare il clacson in paese e rispettare la distanza di sicurezza. Ora ad essere sincero anche io negli anni della giovinezza non sono stato sempre ligio nel rispettare queste regole. Tuttavia, se il clacson di tanto in tanto in paese l'ho utilizzato, la distanza di sicurezza sono certo di averla sempre rispettata. E non tanto perchè "bisogna fare così" ma perchè mi resi subito conto che, se non lo avessi fatto e non lo facessi, sarei poi responsabile, in caso di frenata improvvisa di chi mi precede di un tamponamento. Ma si sa, i tempi cambiano e così le buone abitudini degli automobilisti.

È vero,guidare sempre uguale è noioso e poi noi italiani, specie noi dell sud, alle regole non siamo tanto affezionati. Ora però ho l'impressione ed è di questa impressione che vorrei rendere partecipi gli attenti lettori di BisceglieViva, che si sia fatto veramente un bel passo in avanti, credo anche sostenuto da una tipologia di mezzo di locomozione per la guida sportiva. E che su strade, ampie e magari poco trafficate questo mezzo di locomozione si sia trasformato da sportivo quasi a minaccioso: il Suv.

Nelle mani giuste (e ho l'impressione che siano la stragrande maggioranza) i "suvisti" sono automobilisti particolari che vanno doverosamente rispettati.

Qualche settimana fa, mentre raggiungevo la mia auto, piccola, bassa e poco ingombrante, nel parcheggio antistante l'ospedale civile di Bisceglie a fine turno Scap, mi sono ritrovato un bellissimo Suv che occupava, giustamente, tutto il tratto di strada. Non senza difficoltà, nell'arco di dieci minuti, sono riuscito a fare manovra e a dileguarmi. Nel mentre, una signora raggiungeva la sua auto, completamente bloccata: mi ha guardato e ha chiesto "È sua questa macchina?". Le ho risposto: «Le pare? Guardi che le conviene armarsi di santa pazienza perchè chi ha lasciato l'auto così di certo aveva una gran fretta!».

La stessa fretta giustificata che sostiene i "suvisti" in una guida straordinaria. Il mostro d'acciaio, sempre tirato a lucido, lo vedo nello specchietto retrovisore, arrivare alle spalle sempre dico sempre inferocito. Sarà la sua forza esplosiva... ma mi raggiunge così e ho l'impressione che voglia fagocitarmi. Infine si posiziona con il suo enorme muso a un millimetro dal retro della mia auto e non si sposta manco per niente. Vuole la strada, vuole correre: è fatto così. Mi sposto sulla destra e scalpita alle mie spalle, sputando fuoco dal tubo di scappamento.

Non sempre riesce a sorpassare, perchè non solo la sua mole è notevole ma ci sono anche le auto che arrivano di fronte. Ma lui niente. Il suo vigore è indomabile, arriva quasi a lambire il retro della mia umile auto, che, tapina, chiede scusa... Continua a urlare strada, magari con una strombazzata di clacson che quasi quasi solleva la mia auto dal manto stradale. Infine quando mi sposto quasi del tutto fuori strada, ecco che vomitando ardore e potenza indomabile, esercita un sorpasso, ributtandomi completamente nella polvere.

Troppo forti questi Suv alti grossi potenti: se rimane una frazione di secondo per osservare l'espressione del suvista, mi guarda, mo è, dall'alto in basso schifato, inferocito e sembra esclamare: «Ma cè vè facénne pe chèra mècchene? Rembambéte!»

E ha ragione. I Suv sono troppo forti. Altro che distanza di sicurezza... sono i Suv auto troppo potenti!
Che dire... vanno capiti, vanno giustificati. Insomma; il mondo cambia, per cui viva i Suv!
  • Bisceglie
  • Italia
  • traffico
  • viabilità
Altri contenuti a tema
Ecco come si potrà andare al mare a Bisceglie Ecco come si potrà andare al mare a Bisceglie Le linee guida disposte dall'Inail per garantire la massima sicurezza anche in spiaggia
Bar e ristoranti riaprono il 18 maggio: ecco a quali condizioni Bar e ristoranti riaprono il 18 maggio: ecco a quali condizioni Le disposizioni sono state stabilite dal vertice fra Governo e Regioni
Marcopolo omaggia anche Bisceglie tra le 60 mete da amare Marcopolo omaggia anche Bisceglie tra le 60 mete da amare Un video che evidenzia le bellezze della Puglia
Limitazione alla circolazione veicolare in via Monte Cucco Limitazione alla circolazione veicolare in via Monte Cucco Disposto un divieto di transito per i mezzi di altezza superiore ai due metri e mezzo
Il giro d'Italia di Luca Naso passa anche da Bisceglie Il giro d'Italia di Luca Naso passa anche da Bisceglie Partito da Catania, il 38enne percorrerà tutta il paese in un anno
La ditta andriese Di Ruvo – Bike Store guarda al futuro e lancia nuove idee sul mercato La ditta andriese Di Ruvo – Bike Store guarda al futuro e lancia nuove idee sul mercato Numerose proposte nello storico negozio in via Gorizia 6 ad Andria
Bisceglie ottiene finanziamento regionale per l'abbattimento delle barriere architettoniche Bisceglie ottiene finanziamento regionale per l'abbattimento delle barriere architettoniche Il sindaco Angarano: «Passo importante per garantire maggiore sicurezza»
Bisceglie, al via il servizio di assistenza specialistica per gli alunni con disabilità Bisceglie, al via il servizio di assistenza specialistica per gli alunni con disabilità Riguarderà le scuole medie, primarie e dell’infanzia
© 2001-2020 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.