Savio Caccavo. <span>Foto Fanpage</span>
Savio Caccavo. Foto Fanpage
Cronaca

«La mia vita è cambiata ma rifarei tutto». Parla il buttafuori ferito a Bisceglie nel 2016

Savio Caccavo si racconta in un'intervista. L'appello: «Chiedo solo di lavorare e poter vivere dignitosamente»

Fu suo malgrado protagonista di uno dei più cruenti fatti di sangue avvenuti a Bisceglie nell'ultimo decennio. La sua vita, da quel 12 agosto del 2016, è cambiata in modo radicale. Savio Caccavo, l'ex buttafuori originario di Andria e residente a Corato ferito gravemente a colpi di pistola nei pressi dell'ingresso di un locale della movida biscegliese da alcuni individui che aveva allontanato poco prima ritenendoli degli spacciatori ha deciso di raccontare la sua vicenda rilasciando un'intervista al portale Fanpage.it (clic per saperne di più).

L'uomo, impegnato nel servizio d'ordine al "Toma la luna", sulla panoramica Umberto Paternostro, fu raggiunto da quattro proiettili a bruciapelo: colpito al polmone, all'intestino, alla gamba sinistra e al fegato, Caccavo finì in coma. Una situazione dalla quale ha faticato parecchio per ristabilirsi e le cui conseguenze sono tangibili: per camminare indossa un tutore e sconta dei problemi respiratori.

Tre dei quattro soggetti (tutti biscegliesi) indagati per quell'agguato sono stati condannati in primo grado fra rito ordinario e abbreviato mentre un altro è stato ritenuto estraneo ai fatti benché presente fisicamente nel luogo dell'aggressione, frutto secondo quanto ricostruito di una rivalsa per la precedente cacciata dal locale.

«Non ho più trovato lavoro e non riesco a trovarlo. C'è stato un processo, ci sono state delle condanne ma io non ho ricevuto alcun risarcimento. Nessuno mi ha aiutato» ha spiegato Caccavo con voce ferma e grande compostezza.
«Vivo di una rendita di 500 euro al mese derivante dall'invalidità e non posso mantenere la mia famiglia. Chiedo alle istituzioni di non essere dimenticato. Rifarei ciò che ho fatto ma vorrei che qualcuno mi dia una mano per riconquistare la mia libertà, il mio orgoglio, e per evitare che questa mia condizione si ripercuota su mio figlio» ha aggiunto.

L'auspicio è che l'intervista possa dare risalto alla storia dell'uomo e consentirgli di reperire un impiego sulla base delle qualità umane e dei valori dimostrati. Definito "eroe" nel 2016, Savio Caccavo è oggi una persona che chiede solo di poter lavorare e vivere dignitosamente. Sarebbe emblematico e molto significativo se questo lavoro lo trovasse grazie a un imprenditore biscegliese.

Immagine da Fanpage.it
  • criminalità
  • Savio Caccavo
Altri contenuti a tema
Contrasto alla criminalità, Amendolagine protesta per la mancata convocazione della conferenza di servizi Contrasto alla criminalità, Amendolagine protesta per la mancata convocazione della conferenza di servizi «Disatteso l'impegno, assunto in consiglio comunale a fine luglio, a convocarla entro 45 giorni»
Commissione criminalità organizzata, La Notte: «Informazione costante ai cittadini» Commissione criminalità organizzata, La Notte: «Informazione costante ai cittadini» Il biscegliese: «Segnale di compattezza indispensabile con la sinergia nelle nomine tra maggioranza e opposizione»
«Biscegliese vittima di rapina a mano armata, episodio di gravità inaudita» «Biscegliese vittima di rapina a mano armata, episodio di gravità inaudita» La denuncia del consigliere regionale Francesco La Notte, che ha chiesto la convocazione di una riunione del comitato per l'ordine pubblico e la sicurezza
«Dobbiamo accettarlo: qui la mafia c'è» «Dobbiamo accettarlo: qui la mafia c'è» Riflessioni su un evento che potrebbe aver finalmente smosso le coscienze dei biscegliesi
Galantino: «Lavoriamo per incrementare la presenza delle forze dell'ordine nella Bat» Galantino: «Lavoriamo per incrementare la presenza delle forze dell'ordine nella Bat» Il deputato biscegliese di Fratelli d'Italia: «Mi batto per questo fin dall'inizio del mandato»
1 Il capo della Procura di Trani Renato Nitti: «La Bat rischia di diventare terra di nessuno» Il capo della Procura di Trani Renato Nitti: «La Bat rischia di diventare terra di nessuno» Le organizzazioni criminali avrebbero «scarsa considerazione della capacità di reazione delle istituzioni»
Indice di criminalità, Bat prima in Italia per numero di auto rubate in rapporto alla popolazione Indice di criminalità, Bat prima in Italia per numero di auto rubate in rapporto alla popolazione I dati diffusi nell'analisi annuale de "Il sole 24 ore"
Gruppo interforze antimafia riunito contro il rischio infiltrazioni criminali Gruppo interforze antimafia riunito contro il rischio infiltrazioni criminali Le attività di prevenzione della Prefettura di Barletta-Andria-Trani proseguono spedite
© 2001-2021 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.