champagne
champagne
Memorie di un amore

Notte d'amore

Le poesie di Liliana Salerno

La Mia Penna sorseggia
una Ninfa,
senza ghiaccio, né olive,
né toast.
Una ninfa
screziata d'Amianto,
giovane, illusa, screziata di pianto!
Tu sei sempre l'Uomo d'un Tempo
dolce Satiro d'Eterno calore?
L'Uomo sincero,
che asciugò il suo pianto,
col suo sorriso, vergato d'Amianto?
La sua Rosa
è perduta;
è perduta
e finta,
è d'Amianto,
ignifugo
al fuoco del Nostro
procace,
profano Inferno
profano Amore!
Dolce Ninfa
screziata d'Amianto
che sorseggi l'Attesa,
il Suo stesso Veleno,
imbriglia i sogni arditi,
ammaina le vele
ed il palvese;
e parti per il Tuo Viaggio Nuovo,
verso Scilla e Cariddi,
dove le Sirene
lo attesero invano.
Una Circe straniera
avvolse di Mare
il suo cinto,
e Lui, povero, onesto
Bengalino
t'attese, con gli Occhi bendati
dalla Maga,
che ne distolse le Ali.
Maga Magò entrò nel Talamo,
candido e deserto,
e liberò i Rospi, le Rane
della Batracomiomachia
Leopardiana.
Uccisero,
senza Amore Uccisero,
senza Cristo Uccisero,
ma salvarono il Buddha,
e un Pettirosso Scarlatto,
Tenero,
Satanico Assassino;
la sua Ninfa d'Amianto,
la sua Ninfa screziata,
l'avvolse il Mare
e la sottrasse
ai mostri marini,
ai Leones,
vestendola d'Amianto,
con coda di Sirena!

Dove sei,
Longevo Assente?
Dov'è Orfeo
con la sua Cetra?
È rimasto negli Occhi
Eterni,
ormai spenti
della Madre
che ti tenne al petto!
La mia penna sorseggiò
quel Martini,
con ghiaccio, olive e Toast.
Dividendo le ali plananti,
con un Falco Pellegrino,
o un'Aquila Rapace,
Ottusa.
Era nel Talamo, onesto,
vuoto e sincero
segreto,
pagano,
col Suo Nome sussurrato,
nel Nostro, Amore
Profano.
Dolce Satiro
canuto e sincero,
Satiro Assente,
giovane cantore
di gesta osannate,
cantate
e pregate,
Satiro Assente e Baciatore Assassino,
hai Tu violato
la Dama,
che lasciò,
nella Notte,
la tela?

Dolce Ninfa triste,
hai il Suo stesso Destino.
T'attende il treno
che illuse il Nostro sentire,
caduco e profano.
Il volo nel buio,
la Rupe di Leucade.
Dolce Ninfa,
sorseggia il Martini,
e Taci, smetti di vaneggiare,
e considera perduto,
quello
che è perduto,
nella goccia, nelle bollicine
frizzanti,
annega il Dolore
di una Notte d'Attesa,
Notte d'Amore.

La mia penna
ha sorseggiato il Tuo Martini,
Longevo Assente,
con ghiaccio, olive e Toast.
  • Liliana Salerno
  • memorie di un amore
Memorie di un amore

Memorie di un amore

Le poesie di Liliana Salerno su BisceglieViva

Indice rubrica
Giornata della memoria 4 maggio 2021 Giornata della memoria
Un forse... 27 aprile 2021 Un forse...
Amore cieco 20 aprile 2021 Amore cieco
Le ceneri 13 aprile 2021 Le ceneri
Assenza 6 aprile 2021 Assenza
Colpo di fulmine 2 aprile 2021 Colpo di fulmine
San Valentino 30 giugno 2020 San Valentino
Altri contenuti a tema
Giornata della memoria Giornata della memoria La poesia di Liliana Salerno, dedicata a Marco Tempesta
Un forse... Un forse... Le poesie di Liliana Salerno
Amore cieco Amore cieco Le poesie di Liliana Salerno
Le ceneri Le ceneri Le poesie di Liliana Salerno
Assenza Assenza Le poesie di Liliana Salerno
Colpo di fulmine Colpo di fulmine Le poesie di Liliana Salerno
"Memorie di un amore", la poesia torna protagonista su BisceglieViva "Memorie di un amore", la poesia torna protagonista su BisceglieViva Riparte la seguitissima rubrica di Liliana Salerno, al lavoro su un nuovo progetto per i lettori
Piero ha un buco nella testa Piero ha un buco nella testa Rubrica a cura di Liliana Salerno
© 2001-2021 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.