Vino
Vino
Economia e lavoro

«6.5 milioni di litri di vino in cantina, serve distillazione»

L'allarme di Coldiretti: «Non bisogna perdere altro tempo. Occorre intervenire»

«Oltre 6.5 milioni di litri di vino sono fermi nelle cantine in Puglia per effetto della chiusura di ristoranti, bar ed enoteche, che ha fatto crollare i consumi fuori casa con gravi difficoltà per il settore vitivinicolo regionale in particolar modo quello legato ai vini a indicazione geografica, a maggior valore aggiunto». A lanciare l'allarme Coldiretti, sottolineando che al 31 gennaio si è verificato un aumento di almeno 310mila litri rispetto allo scorso anno, secondo l'ultimo aggiornamento reso disponibile dal ministero delle politiche agricole.

«Non bisogna perdere altro tempo, intervenendo con una distillazione di emergenza nelle aree più produttive con l'obiettivo di togliere dal consumo alimentare vini e mosti a valori paragonabili a quelli di mercato, per garantire la sopravvivenza delle aziende, non escludendo il ricorso alla vendemmia verde al fine di prevenire surplus di produzione in caso di annata molto favorevole.
La diffusione dei contagi fa prevedere un aggravamento della situazione per il prolungamento delle misure di contenimento con un forte squilibrio di mercato, che rischia di vanificare l'impegno di qualificazione dei produttori per aumentare il valore delle produzioni e il successo sui mercati internazionali, dove per la prima volta dopo anni le vendite sono risultate in calo del 3%» ha affermato il presidente Savino Muraglia.

«Con quasi 4 cantine su 10 (39%) che fanno registrare difficoltà a seguito dell'emergenza, occorre intervenire rapidamente per sostenere le esportazioni, alleggerire le scorte, ridurre i costi e tagliare la burocrazia, con il preciso dovere di pensare a strumenti per il settore che semplifichino, siano agili e flessibili e immediatamente fruibili. Urgenti le campagne promozionali regionali, nazionali e internazionali perché bisogna recuperare spazi e rapporti con i mercati esteri che hanno subito una battuta d'arresto durante il lungo lockdown a causa del Covid e la segmentazione dei canali della distribuzione» ha concluso Gianni Cantele, responsabile della consulta vitivinicola di Coldiretti Puglia.
  • coldiretti puglia
  • Vino
  • Coldiretti
Altri contenuti a tema
Sale la presenza di olio straniero in Puglia, Coldiretti: «Sos qualità» Sale la presenza di olio straniero in Puglia, Coldiretti: «Sos qualità» «Oltre 900mila bottiglie su scaffali di supermercati, negozi e discount»
1° maggio, Coldiretti: «Crack per bar, ristoranti, pizzerie e agriturismi» 1° maggio, Coldiretti: «Crack per bar, ristoranti, pizzerie e agriturismi» «Una situazione di difficoltà che ha fatto chiudere il 14.4% delle attività del settore»
Coldiretti: «Consumo di vino pugliese all'estero in netto calo» Coldiretti: «Consumo di vino pugliese all'estero in netto calo» «Il settore è tra i più colpiti dagli effetti delle misure restrittive anti-Covid»
«Un cittadino su tre desidera la riapertura dei ristoranti in Puglia» «Un cittadino su tre desidera la riapertura dei ristoranti in Puglia» L'analisi di Coldiretti: «La situazione ha tagliato pesantemente i redditi degli operatori, con un crollo del fatturato del 42% solo nel 2020»
Maltempo, Coldiretti: «Gelo brucia oltre il 50% di frutta e verdura» Maltempo, Coldiretti: «Gelo brucia oltre il 50% di frutta e verdura» «Raccolti devastati nella Bat. Gravi ripercussioni sulle ciliegie, con 3 fiori su 4 in fumo»
"Mundus Vini 2021": prestigiosi riconoscimenti per l'Azienda Conte Spagnoletti Zeuli "Mundus Vini 2021": prestigiosi riconoscimenti per l'Azienda Conte Spagnoletti Zeuli "Condividere questi riconoscimenti con la straordinaria famiglia dei miei collaboratori", sottolinea il Conte Onofrio
1 Avviato l'iter per la costituzione del distretto produttivo dell'uva da tavola Avviato l'iter per la costituzione del distretto produttivo dell'uva da tavola Caracciolo: «Occasione di sviluppo per gli operatori e per il territorio»
Coldiretti: «Oltre il 40% dei pugliesi in sovrappeso» Coldiretti: «Oltre il 40% dei pugliesi in sovrappeso» Lo smart working, la maggiore tendenza a dedicarsi alla cucina e la riduzione del tempo medio di attività fisica alla base dell'incremento
© 2001-2021 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.