Antonino Di Maio
Antonino Di Maio
Attualità

Consiglio di Stato: «Viziata la nomina del magistrato Di Maio a Procuratore di Trani»

Accolto il ricorso del pm Nitti contro la decisione del Csm

Il Consiglio di Stato ha stabilito che il provvedimento col quale il Csm (consiglio superiore della magistratura) ha nominato il magistrato Antonino Di Maio procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Trani è affetto da un vizio di legittimità per eccesso di potere.

L'organo di giustizia amministrativa ha accolto parzialmente il ricorso del pm del Tribunale di Bari Renato Nitti, fra i concorrenti al posto di procuratore presso la sede tranese. In primo grado, il 30 gennaio 2018, il Tar del Lazio aveva respinto il ricorso di Nitti. I giudici di Palazzo Spada, invece, hanno respinto il ricorso di Nitti nella parte in cui lamentava l'inammissibilità della proposta di Di Maio di organizzazione dell'ufficio della Procura ritenendola "generica e inconsistente", tanto da "dover essere considerata inesistente". Ma lo ha accolto nella parte relativa al possesso dei titoli utili per il concorso, poiché solo tre mesi prima della nomina di Di Maio a procuratore di Trani, lo stesso Csm ha ritenuto Di Maio non idoneo a guidare la Procura di Chieti perché "non ha mai svolto funzioni neppure di fatto direttive e presenta un profilo professionale, piuttosto che indirizzato a temi organizzativi, maggiormente volto all'approfondimento scientifico delle questioni giuridiche".

Una valutazione simile era stata fatta per Di Maio in precedenza, per un altro concorso per ricoprire un incarico semi-direttivo nella Procura (poi soppressa) di Nicosia. Quindi - è il ragionamento dei giudici - "non si intende come un tale profilo possa essere ritenuto in presenza di un concorrente con i titoli documentati dal ricorrente". "Un tale dato - è scritto in sentenza con riferimento alla delibera di nomina di Di Maio del Csm - per la manifestazione di contraddittorietà e discontinuità logica che esprime, manifesta una irragionevole incoerenza nell'attività amministrativa ed è pertanto indice rivelatore di un vizio di illegittimità del giudizio e, con esso, del provvedimento finale".

Gli atti sulla nomina del procuratore di Trani tornano ora al Csm che potrebbe confermare la nomina di Di Maio motivandola in modo diverso dal primo atto, confermare la nomina con le stesse motivazioni (ma in questo caso si potrebbe far nuovamente ricorso al Consiglio di Stato) oppure nominare a procuratore di Trani il ricorrente Nitti.
  • Antonino Di Maio
  • Consiglio di Stato
  • Tribunale di Trani
Altri contenuti a tema
Il Movimento 5 Stelle Bisceglie risponde al sindaco Angarano Il Movimento 5 Stelle Bisceglie risponde al sindaco Angarano «È il momento di fare una seria riflessione sulle conseguenze che la permanenza al governo potrebbe creare alla città»
Spina: «Tre batoste umilianti, eppure Angarano dice di aver vinto» Spina: «Tre batoste umilianti, eppure Angarano dice di aver vinto» «Questo è il più brutto spettacolo che un'amministrazione comunale abbia mai offerto in Italia»
Spina: «Il Consiglio di Stato conferma le violazioni di legge dell'amministrazione Angarano» Spina: «Il Consiglio di Stato conferma le violazioni di legge dell'amministrazione Angarano» «Bisceglie merita la giusta e sacrosanta attenzione per il rispetto delle regole e dell'interesse generale della comunità»
Dup, il Consiglio di Stato decide se sospendere gli effetti della sentenza del Tar Dup, il Consiglio di Stato decide se sospendere gli effetti della sentenza del Tar Per la decisione definitiva sarà necessaria un'altra udienza di merito
Bilancio, il Consiglio di Stato fissa la data dell'udienza Bilancio, il Consiglio di Stato fissa la data dell'udienza Respinta la richiesta di sospensione degli effetti della sentenza del Tar
Il pm Scimè coinvolto nell'inchiesta della Procura di Lecce Il pm Scimè coinvolto nell'inchiesta della Procura di Lecce Avrebbe ricevuto 75 mila euro dall'imprenditore D'Introno
Personale della giustizia in agitazione Personale della giustizia in agitazione Dotazioni organiche dimezzate al Tribunale di Trani
1 Usavano minorenni per consegnare la droga. Scacco alla criminalità biscegliese Usavano minorenni per consegnare la droga. Scacco alla criminalità biscegliese 28 misure cautelari eseguite dai Carabinieri. Spaccio alla luce del giorno in via Trento, a pochi passi da Palazzo San Domenico
© 2001-2020 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.