Discoteca (repertorio)
Discoteca (repertorio)
Attualità

Discoteche pronte a riaprire in Puglia: le nuove regole

Salvo ulteriori divieti, si potrà tornare a ballare dall'11 febbraio

Dopo uno stop di oltre due mesi, in Puglia si potrà tornare a ballare. Salvo ripensamenti da parte del Governo e ulteriori proroghe, la data di riapertura dei locali sarà l'11 febbraio. Molte attività hanno intanto cominciato l'organizzazione per la serata di San Valentino, anche se le paure del settore e le incertezze sono ancora tante.

«Dopo due anni di enormi difficoltà, a cui si è aggiunta la doccia fredda che ci ha imposto una nuova chiusura a ridosso delle festività di fine anno, abbiamo bisogno di riappropriarci del nostro diritto al lavoro. Ne abbiamo bisogno per scongiurare lo spettro del fallimento che aleggia sulle nostre imprese in grande difficoltà. Tra l'altro non posso evitare di far notare che, come già successo in passato, anche quest'ultima chiusura delle discoteche non ha scongiurato il rischio assembramenti, tant'è che si è ballato ovunque e senza il controllo che avrebbero garantito i nostri imprenditori» aveva dichiarato in una nota il presidente di Silb-Fipe Maurizio Pasca.

Non sono state ancora definite con certezza quali saranno le regole che verranno imposte alle discoteche. Quasi sicuramente sarà obbligatorio il super green pass per accedere e l'utilizzo della mascherina nel caso di locali al chiuso, eccezion fatta sulla pista da ballo e quando si consumano alimenti e bevande. Dalle indiscrezioni, confermate da Gianni Indino, presidente Silb Fipe Emilia Romagna, la capienza massima sarà ridotta (capienza solo al 50% delle persone, che potrà aumentare al 75% nel caso di strutture all'aperto).

«Importante riaprire, anche se molte delle nostre attività al 50% non sono remunerative dal punto di vista economico. Apriamo comunque perché è il momento di riprenderci la nostra vita, dobbiamo in qualche modo iniziare a oliare i nostri ingranaggi, dare lavoro alle persone rimaste a casa troppo tempo e trascurate dagli interventi dello Stato, perché i ristori o non sono mai arrivati o se sono arrivati sono stati limitati» ha affermato Indino in diretta su Radio 1, in rappresentanza di tutto il settore.
  • Regione Puglia
  • governo
  • Covid
  • discoteche
Altri contenuti a tema
«La beffa oltre il danno. Lavoratori in area Covid senza indennità di rischio» «La beffa oltre il danno. Lavoratori in area Covid senza indennità di rischio» Gli ausiliari pulitori in servizio nel reparto di malattie infettive del "Vittorio Emanuele II" lamentano di non poter usufruire dell'infortunio in caso di contagio
Covid in Puglia, oltre 6500 casi positivi nelle ultime ore Covid in Puglia, oltre 6500 casi positivi nelle ultime ore Attualmente contagiati e ricoverati in crescita
Covid in Puglia, dati preoccupanti: quasi un test su due è positivo Covid in Puglia, dati preoccupanti: quasi un test su due è positivo Sale ancora il dato dei ricoverati
Pronto soccorso, confronto proficuo tra Asl Bt e Usppi Pronto soccorso, confronto proficuo tra Asl Bt e Usppi Le rassicurazioni dell'azienda sanitaria su alcune questioni sollevate dal sindacato
Covid in Puglia, oltre 300 pazienti ricoverati Covid in Puglia, oltre 300 pazienti ricoverati Superati i 40 mila attualmente positivi nelle ultime ore
Covid in Puglia, impennata di casi positivi nelle ultime ore Covid in Puglia, impennata di casi positivi nelle ultime ore Tasso superiore al 30%: dati preoccupanti
Covid in Puglia, attualmente positivi sopra quota 35 mila Covid in Puglia, attualmente positivi sopra quota 35 mila Registrati 3 decessi nelle ultime ore
Caldo da bollino rosso in Puglia: l'allerta del ministero Caldo da bollino rosso in Puglia: l'allerta del ministero Le regole di comportamento diffuse dalla Protezione Civile
© 2001-2022 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.