Due biscegliesi fra i 43 coinvolti nell'operazione antidroga della Dia
Due biscegliesi fra i 43 coinvolti nell'operazione antidroga della Dia
Cronaca

Due biscegliesi fra i 43 coinvolti nell'operazione antidroga della Dia

I loro nomi compaiono fra i destinatari di un'ordinanza di custodia cautelare

Ci sono anche due biscegliesi, rispettivamente di 55 e 34 anni, fra le 43 persone coinvolte nell'operazione effettuata dalla Direzione Investigativa Antimafia di Bari a partire dalle prime luci dell'alba di mercoledì 14 marzo.

I loro nomi figurano nell'elenco dei soggetti per i quali è stata disposta un'ordinanza di custodia cautelare. L'indagine, denominata "Shefi", riguarda un traffico di sostanze stupefacenti tra l'Italia e l'Albania. Dei 43 sottoposti alle misure cautelari 20 sono italiani, 21 albanesi e due rumeni. Un vera e propria 'holding' della droga come l'ha definita lo stesso Procuratore della repubblica di Bari Giuseppe Volpe, che aveva la base in Albania e gli acquirenti in Puglia che poi smistavano gli stupefacenti nel resto d'Italia, in Europa e anche nel Nord Europa.

Oltre 2300 chilogrammi di droga tra marijuana, cocaina ed eroina sono stati sequestrati per proventi stimati in oltre 15 milioni di euro considerando le circa 7 milioni di dosi singole ricavabili dallo spaccio.

Il traffico avveniva via mare utilizzando natanti appositamente equipaggiati sull'asse "Albania-Puglia", lo sbarco era effettuato in sinergia con le organizzazioni criminali pugliesi, i depositi erano a Bari e Provincia, uno in particolare nel quartiere Carrassi con a capo un cittadino albanese considerato al vertice di una delle due organizzazioni criminali, il trasporto sull'asse "Puglia-territorio nazionale" veniva effettuato "via terra" da corrieri italiani con "veicoli staffetta", i destinatari erano in Puglia, in Sicilia, Campania, Calabria e Abruzzo.

Le complesse indagini, effettuate con intercettazioni telefoniche, ambientali, video-riprese e servizi di osservazione pedinamento e controllo, hanno permesso, tra l'altro, di arrestare in mare a Polignano con il supporto del Reparto Aeronavale della Guardia di Finanza di Bari - due scafisti provenienti dall'Albania con oltre una tonnellata di stupefacente, fermare a Bari Carrassi un corriere italiano con un furgone carico di oltre mille chili di marijuana sbarcata poco prima a Torre a Mare dall'Albania, intercettare in autostrada a Grottaminarda ed a Vasto due corrieri italiani mentre trasportavano 13 chili di stupefacente destinato a Salerno e a Tortoreto (Teramo), arrestare due corrieri albanesi con 8 chili di stupefacente a Scicli (Ragusa) dopo essere scesi da un autobus proveniente da Bari, individuare un altro deposito a Mola di Bari all'interno del quale sono stati sequestrati oltre cinquanta chili di droga e un panetto di cocaina purissima.

Per il Giudice per le Indagini Preliminari Roberto Oliveri del Castillo "la disponibilità e l'importazione di ingenti quantitativi di sostanza stupefacente, ha denotato l'inserimento dei personaggi coinvolti nei reati in contesti associativi di primissimo spessore. Per poter disporre di diversi chili di sostanza stupefacente si devono avere canali di approvvigionamento ben collaudati ed efficienti che solo i narcotrafficanti di rilievo posseggono. Così come per ottenere importare grossi quantitativi addirittura superiori ai mille chilogrammi di marijuana "all'ingrosso" bisogna avere credenziali nel mondo della criminalità e avere la disponibilità di contante derivante da attività di spaccio. In altri termini, si tratta di professionisti del traffico di stupefacente."

L'operazione è stata resa possibile dall'impiego di circa duecento uomini della Dia, con l'ausilio in fase esecutiva dell'Arma dei Carabinieri, della Polizia di Stato, della Guardia di Finanza, dell'Interpol e della Polizia albanese.

  • Droga
  • Bisceglie
  • Bari
  • Dia
  • Direzione Investigativa Antimafia
  • stupefacenti
  • operazione antidroga
  • traffico internazionale di stupefacenti
Altri contenuti a tema
Puglia in zona gialla, cosa cambia a partire da lunedì Puglia in zona gialla, cosa cambia a partire da lunedì Novità principali relative a spostamenti, spettacoli, bar e ristoranti
La Puglia torna in zona gialla La Puglia torna in zona gialla Dati in netto miglioramento dopo l'ultimo monitoraggio
Libri nel Borgo Antico lancia un nuovo percorso formativo per i volontari Libri nel Borgo Antico lancia un nuovo percorso formativo per i volontari Si tratta del progetto "I sognalibri" e permetterà a due ragazzi di ottenere una borsa di studio per partecipare alla Luiss summer school
Bari-Bisceglie, Bucaro: «Squadra in grande crescita» Bari-Bisceglie, Bucaro: «Squadra in grande crescita» Il trainer nerazzurro: «Abbiamo provato a vincere. Decisioni arbitrali non mi sono piaciute». Romizi: «Ora pensiamo alla Paganese»
Niente ribaltone, playout con svantaggio per il Bisceglie Niente ribaltone, playout con svantaggio per il Bisceglie Nerazzurri sconfitti al "San Nicola" da un Bari ancora convalescente, il ritorno della doppia sfida con la Paganese sarà in trasferta
Bari-Bisceglie, Auteri: «Servirà attenzione e motivazione per fare punti» Bari-Bisceglie, Auteri: «Servirà attenzione e motivazione per fare punti» Il trainer biancorosso confessa: «La squadra sta bene e io ho grande fiducia. Pronto il tridente D'Ursi-Cianci-Antenucci»
Bisceglie, è la tua occasione Bisceglie, è la tua occasione Una vittoria nel derby col Bari per sperare nel terzultimo posto. Altobello, uno degli ex di turno: «Cercheremo di dire la nostra»
Bari-Bisceglie, la terna arbitrale Bari-Bisceglie, la terna arbitrale Il match sarà diretto da Marco Monaldi di Macerata
© 2001-2021 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.