Dibattito culturale palazzo tupputi. <span>Foto Serena Ferrara</span>
Dibattito culturale palazzo tupputi. Foto Serena Ferrara
Cultura

"Il costo dell'ignoranza": «Perché tutti i politici si sono mossi per chiedere contributi per il Bisceglie Calcio e nessuno lo fa per la cultura?»

Gli spunti del dibattito organizzato dal Presidio del Libro a Palazzo Tupputi

Coraggio, rete, confronto. Sono queste le parole chiave del dibattito pubblico tra istituzioni e operatori della cultura che il Presidio del libro di Bisceglie ha voluto dedicare al tema "Il costo dell'ignoranza".
A confrontarsi sul tema, l'editore Giuseppe Laterza, che più volte ha detto la sua con articoli pubblici sul tema, il sindaco Francesco Spina, l'imprenditore e commercialista Alessandro Ricchiuti, il direttore del Teatro Garibaldi Carlo Bruni.
A Palazzo Tupputi, mercoledì 11 maggio, si è affrontato un tema insolito: quello di un'Italia che, pur avendo un patrimonio artistico tra i maggiori del mondo, si distingue per i più bassi consumi culturali d'Europa.
Per Laterza le conseguenze dell'ignoranza sono chiare: stagnazione economica e morale e altra ignoranza che si autoalimenta. La politica, per l'editore, ha il dovere di dare l'esempio, partendo dall'idea di una responsabilità comune da rilanciare.
Di "approccio alla cultura del politico", ha parlato il sindaco Francesco Spina, che ha raccontato la storia dei tanti contenitori culturali recuperati e donati alla città dal comune di Bisceglie negli ultimi anni, attraverso una certosina opera di ricerca di bandi e finanziamenti. «Nonostante tutti i volumi e le copie anastatiche che quest'amministrazione ha finanziato e distribuito ai cittadini, più che alla cultura libraria credo a quella relazionale - ha detto il sindaco Spina. - Troppa gente si crede superiore ed evita il confronto, privilegiando le logiche di appartenenza al buonsenso e al bene comune. Io che non mi credo colto, ho invece sempre accettato il confronto. Chi altri avrebbe dato totale carta bianca ad un operatore culturale nella gestione di un intero sistema teatrale? Pur provenendo da altra estrazione politica, ho lasciato che Carlo Bruni, direttore del Teatro Garibaldi, prendesse ad esempio in mano tutta la gestione di un teatro che è oggi cuore delle politiche culturali permanenti di Bisceglie».
A confermare l'assoluta autonomia di azione, lo stesso Bruni, che vive il teatro «con commozione, un luogo in cui muoversi insieme. Fui sorpreso - ha raccontato - dall'invito del sindaco alla direzione del teatro, dal momento che avevo appena chiuso il rapporto in modo brusco con un altro comune. Poi pensai che proprio il teatro potesse diventare un esercizio per rimettere in moto la comunità che mi aveva dato i natali e a cui tutto sommato ero grato. Pensai potesse essere un modo per rappresentare sul fronte artistico la pluralità delle voci che anima la cultura. Il Sistema Garibaldi non è ancora arrivato alla fase di maturazione totale. Ma ha già lanciato il suo messaggio: vincere l'ignoranza si può, vincendo l'attitudine ad ignorare gli altri e fare da soli».
Poiché fare cultura è un'impresa e come ogni impresa ha i suoi costi, che i semplici acquirenti dei biglietti non ripagano, è quale il ruolo dell'imprenditore? Giusto, come stanno facendo le case di moda, che i finanziamenti alle grandi opere di recupero del passato diventino una forma di promozione?
Bisceglie in pochi anni ha prospettive ribaltate, aperto tanti contenitori contro l'idea di conservazione. Restauri e recuperi per milioni di euro.
A rispondere in modo chiaro alla domanda, Alessandro Ricchiuti, contrario agli "oboli" da parte delle imprese che pretendono un ritorno da ogni investimento: «l'imprenditore è come un padre - ha spiegato - e al di là della paghetta o del regalo di natale, ha l'obbligo di doversi battere per cambiamento a lungo termine, per il bene dei suoi figli. Ci vuole coraggio e crescere non sempre significa avere coraggio. Mi chiedo perché una intera città si sia mossa per dare tributo al Bisceglie Calcio dopo la promozione e perché tutti gli amministratori abbiano iniziato a far pressioni sull'imprenditoria locale affinché supportasse economicamente la squadre. Non ho mai visto tanta passione nei confronti di un'operazione culturale. Se al posto del Bisceglie Calcio ci fosse stato il Presidio del Libro, chi avrebbe mosso un dito?»
  • Circolo dei lettori – Presidio del Libro di Bisceglie
  • Giuseppe Laterza
  • Carlo Bruni
  • Alessandro Ricchiuti
Altri contenuti a tema
Mese della memoria, appuntamento del Presidio del Libro Bisceglie in collaborazione con Alterazioni Mese della memoria, appuntamento del Presidio del Libro Bisceglie in collaborazione con Alterazioni Il presidio del libro di bisceglie propone una riflessione tra parole e musica in occasione del mese della memoria 2024
Circolo dei Lettori – Presidio del Libro di Bisceglie, rassegna Diversiinversi Circolo dei Lettori – Presidio del Libro di Bisceglie, rassegna Diversiinversi La nota: «L’importanza di sviluppare la lettura e l’ascolto del genere poetico è fondamentale»
Il Circolo dei Lettori di Bisceglie riprende con tre iniziative coinvolgenti Il Circolo dei Lettori di Bisceglie riprende con tre iniziative coinvolgenti Dal tema "Immagina il Mondo" alle letture senza schemi, il progetto 2024 del Circolo dei Lettori offre un programma ricco di eventi culturali a Bisceglie
Il diritto alla salute: ciclo di incontri promossi dal Circolo dei Lettori di Bisceglie Il diritto alla salute: ciclo di incontri promossi dal Circolo dei Lettori di Bisceglie Riflessioni e approfondimenti per affrontare il tema del disagio tra le giovani generazioni
AlterAzioni presenta a Bisceglie “Omaggio a Calvino” tra musica e letteratura AlterAzioni presenta a Bisceglie “Omaggio a Calvino” tra musica e letteratura Uno speciale omaggio a Italo Calvino domenica alle 20:30 al Politeama
Si avvicina la 19ª edizione della Festa Nazionale dei Lettori. Ecco il programma Si avvicina la 19ª edizione della Festa Nazionale dei Lettori. Ecco il programma "Nessun uomo è un'isola...se ha un libro per amico" il claim di quest'anno
Successo per le prime due giornate della rassegna “Parole a(r)mate”, oggi il gran finale Successo per le prime due giornate della rassegna “Parole a(r)mate”, oggi il gran finale Si chiude stasera la kermesse poetica di Beppe Costa per il coordinamento di Graziella De Cillis
Festa Patronale, lettera aperta di Carlo Bruni Festa Patronale, lettera aperta di Carlo Bruni «Reduce da un’iniziativa dedicata alla sostenibilità, ho avvertito come un insulto il carattere di mercato che questo tradizionale appuntamento cittadino va assumendo»
© 2001-2024 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.