Franco Mastrogiacomo, presidente dell'Azione Cattolica Diocesana
Franco Mastrogiacomo, presidente dell'Azione Cattolica Diocesana
Attualità

Elezioni: «È il momento della partecipazione e della responsabilità»

Il documento diffuso dall'Azione Cattolica Diocesana, presieduta dal biscegliese Franco Mastrogiacomo

L'Azione Cattolica Diocesana ha diffuso un messaggio, a firma del presidente diocesano Francesco Mastrogiacomo, dal titolo "È il momento della partecipazione e della responsabilità".

«Un documento predisposto per sollecitare e sensibilizzare al voto in occasione delle elezioni politiche del prossimo 25 settembre. Il comunicato, oltre portare l'attenzione a questo momento importante per quanto determinerà in futuro, implicitamente testimonia la posizione dell'Azione Cattolica diocesana» ha commentato il biscegliese Mastrogiacomo. «In seguito, come deciso in presidenza, avvieremo una campagna social sui nostri gruppi e siti di attenzione al voto, con frasi di testimoni e personalità, vignette e quant'altro ritenuto utile».

Il testo del messaggio

Tutti Noi, cittadini, Siamo chiamati al Voto, ci ritroviamo inconsapevolmente a rieleggere il Parlamento.
La Politica, la più alta forma di Carità, come definita da San Paolo VI, lo è nel "Servizio", nel prendersi cura. Assistiamo purtroppo ad interventi demagogici, a gioco di lobby, rimpalli di responsabilità, di cui questa strana campagna elettorale estiva è troppo contaminata.
Per fortuna reggono ancora, nonostante i continui attacchi alla Costituzione, alcune istituzioni come il Presidente della Repubblica. A Matterella, siamo grati per quanto svolge e regge.
È comunque questo il momento della partecipazione e della responsabilità. La sfiducia per la politica è il primo motivo per più Politica.
Non possiamo fare come gli struzzi o gli immaturi che alle difficoltà, scappano o si girano dall'altra parte. Nonostante la difficoltà nel dover decidere, tutti siamo chiamati a farci carico del futuro, della difficoltà dei giovani, delle giovani famiglie, degli anziani La generale situazione d'incertezza richiede la responsabilità di tutti, una partecipazione popolare, auspicando una forte presa di coscienza.
Auspichiamo una campagna elettorale guidata dal buon senso. E' quanto chiediamo ai partiti. La legge elettorale, da tutti ritenuta da riformulare, non ci permette di votare i candidati, impegnandoli direttamente con il proprio elettorato, espressione della sovranità popolare.
L'inflazione continua a erodere il potere d'acquisto dei cittadini e le fasce più deboli vivono ansie e preoccupazioni. Serve dare prospettive ai giovani e sicurezza agli anziani, proponendo e realizzando non interventi tampone, ma programmi concreti mirati a creare quella stabilità necessaria, senza creare nuovo debito a discapito dei figli e nipoti. E' necessario avviare processi di economia circolare, rispettosa dell'ambiente, della persona, sostenibile e di per se innovativa, che riporti i nostri giovani in Italia, con le loro capacità e conoscenze per attivare processi di sviluppo, nuove risorse e maggiore stabilità economica per chi ha tanti anni davanti per costruire il proprio futuro in Italia. Così come c'è bisogno di dare serenità a chi ha lavorato una vita, evitando il rischio di trovarsi con in mano un pugno di mosche per gli anni che gli restano.
È il momento di «una politica coniugata al futuro». Il momento della responsabilità, come ha detto il cardinale Matteo Zuppi, e di un «rinnovato impegno dei cattolici». Ma più che sui contenitori, sui contenuti. «Immaginando una visione più ampia per il Paese e alimentando il senso di comunità che i personalismi e le contrapposizioni esasperate hanno sfilacciato». Così il presidente nazionale dell'Azione Cattolica, Giuseppe Notarstefano, guarda al prossimo passaggio elettorale, lanciando nel contempo un appello: «Non è l'ora dell'astensionismo, ma di una grande partecipazione».
Domenica 25 settembre insieme al voto di ciascuno di noi, ci sia l'impegno a far partecipare quanti a noi vicini, qualsiasi sia la loro scelta. Non è compito dell'Azione Cattolica dare indicazioni di voto, ma aiutare a vivere questo passaggio con attenzione, senso critico e in maniera informata. L'astensionismo è la ruggine della democrazia. È darla vinta, sin d'ora a chi arbitrariamente vuol gestire il nostro portafoglio e le nostre vite.
Ai giovani, che più di altri affronteranno il cambiamento epocale che si prospetta, ricordo che la democrazia, la libertà, la Pace, sono sempre motivo di impegno personale e collettivo per ottenerli. La partecipazione anche arrabbiata, avete pienamente ragione, al momento politico elettorale è il fondamento della democrazia, il primo passo del cambiamento».
  • azione cattolica
  • Franco Mastrogiacomo
  • Arcidiocesi Trani-Barletta-Bisceglie
Altri contenuti a tema
Si terrà a Corato l'Assemblea della diocesi di Trani-Barletta-Bisceglie Si terrà a Corato l'Assemblea della diocesi di Trani-Barletta-Bisceglie La lettera di invito a tutta la diocesi di mons. Leonardo D’Ascenzo
Incontro per le coppie a Bisceglie: «Una bellezza di riscoprire. Uno spazio e un tempo dedicati alla coppia» Incontro per le coppie a Bisceglie: «Una bellezza di riscoprire. Uno spazio e un tempo dedicati alla coppia» Domenica alle 17 nell'auditorium "Don Pierino Arcieri"
Domenica 17 marzo la professione di fede di suor Pascasie Ndayishimiye Domenica 17 marzo la professione di fede di suor Pascasie Ndayishimiye La professione si terrà nella chiesa di San Silvestro
Incontro formativo dei catechisti a Bisceglie Incontro formativo dei catechisti a Bisceglie Un momento di riflessione presso la parrocchia di Santa Maria di Costantinopoli
Azione Cattolica diocesana, una biscegliese nella nuova equipe Azione Cattolica diocesana, una biscegliese nella nuova equipe Durante la dodicesima assemblea è stato eletto il nuovo consiglio diocesano di AC
«Ma che cos’è il Msac? E cosa fa?», il congresso a San Silvestro «Ma che cos’è il Msac? E cosa fa?», il congresso a San Silvestro Domenica 4 febbraio 2024, dalle ore 9:30 alle ore 16:00, si terrà il terzo congresso del Movimento studenti di Azione Cattolica (Msac) diocesano
Suor Paola Pizzi è entrata nella casa del Padre Suor Paola Pizzi è entrata nella casa del Padre Aveva 81 anni. Originaria di Cerignola, entrata nelle figlie della carità nel 1962, fu trasferita a Bisceglie nel 2019
Anche i giovani biscegliesi si preparano alla giornata diocesana della gioventù Anche i giovani biscegliesi si preparano alla giornata diocesana della gioventù L'appuntamento sabato 25 novembre nella Cattedrale di Trani
© 2001-2024 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.