Michele Spadavecchia
Michele Spadavecchia
Territorio

In ricordo del collega Michele Spadavecchia

Un pensiero del dottor Antonio Marzano

La notizia mi è arrivata tramite sms, glaciale.
Sono trascorsi alcuni giorni: non riesco a contarli, il mio pensiero gira intorno, paranoico, all'sms. È come se si fosse inchiodato nel cervello e qualsiasi tentativo ponga in atto per provare a rimuoverlo a almeno a spegnerlo, risulta inutile.

E sì che la "cartolina precetto" può arrivare in qualsiasi momento e bisogna essere pronti a partire, ma non so... È come se il medico avesse un privilegio particolare: come se, prendendo in cura i bambini, avesse diritto a una dilazione, a ritardare la partenza, che so se non altro quando il suo Servizio fosse finito. E invece...

Un amico mi ha chiesto più di una volta: "Tonio, ma perché fumare, bere, mangiare molto e bene fa male?" Io non ho saputo rispondere. Ho solo detto: "Prova a fare una telefonata lassù, magari Lui la risposta ce l'ha!".

Niente fattori di rischio, niente esagerazioni, niente trasgressioni, quanto piuttosto interessi nella vita di vario genere; studioso della storia con la S maiuscola, con vari hobby tra cui la vita di mare. Vederlo con la divisa della Marina faceva un bell'effetto. Educato, disponibile, affettuoso, premuroso, affabile, ottimista e sorridente: Michele lo avevo cercato e sentito solo qualche giorno prima per una nostra condivisione e l'ho ritrovato sereno e affettuoso.

Michele era alto, robusto, fiero di essere medico dei bambini e delle squadre sportive, fiero di essere molfettese, fiero della divisa di medico di bordo che di tanto in tanto indossava. Michele Spadavecchia era una brava persona e io lo ricorderò così come un collega bravo e positivo.

Non è giusto ma è così. Penso a sua moglie ai suoi figli, al vuoto che si lascia, all'impegno profuso negli anni per prendere la laurea e la specializzazione, per conquistare la fiducia e la stima dei pazienti, per essere sempre presenti, sempre corretti, sempre disponibili, sempre in servizio permanente effettivo...

E poi un giorno, al lavoro in studio, piuttosto che un altro paziente da visitare, arriva la "cartolina precetto" e devi partire. Mi viene da dire: "E che c... fammi almeno finire!".
  • Antonio Marzano
  • dottor Antonio Marzano
Altri contenuti a tema
È arrivata l'estate! È arrivata l'estate! Rubrica di pediatria a cura del dottor Antonio Marzano - pediatra di famiglia
Recital della pianista Ilaria Loatelli per il nono compleanno di Foné Recital della pianista Ilaria Loatelli per il nono compleanno di Foné Sabato 22 giugno al Grand Hotel delle Terme di Margherita di Savoia
La terza sonata di Beethoven La terza sonata di Beethoven «Capace di suscitare un profondo turbamento e di evocare, una riflessione sulla vita, sulle sue aspettative, sul dolore, sull'amore, sulla morte»
Per qualche bacio in più Per qualche bacio in più Rubrica di pediatria a cura del dottor Antonio Marzano - pediatra di famiglia
1 Ortona, la piccola Stalingrado: una battaglia dimenticata Ortona, la piccola Stalingrado: una battaglia dimenticata Viaggio alla scoperta di un episodio caduto nell'oblio
Provare per credere... Provare per credere... Rubrica di pediatria a cura del dottor Antonio Marzano - pediatra di famiglia
Clint è sempre Clint Clint è sempre Clint Una riflessione sull'ultimo film del grande attore 88enne
1 Le mie Termopili Le mie Termopili La "battaglia" di via Giovanni Bovio
© 2001-2019 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.