Operatori addetti ai servizi di pulizia (repertorio)
Operatori addetti ai servizi di pulizia (repertorio)
Cronaca

«La beffa oltre il danno. Lavoratori in area Covid senza indennità di rischio»

Gli ausiliari pulitori in servizio nel reparto di malattie infettive del "Vittorio Emanuele II" lamentano di non poter usufruire dell'infortunio in caso di contagio

La diffusione dei contagi da Covid, in Puglia e più in generale su tutto il territorio nazionale, è in fase di incremento esponenziale nelle ultime settimane. Diviene essenziale, a maggior ragione, badare a tutte le precauzioni possibili per scongiurare una recrudescenza di casi, specie all'interno delle strutture sanitarie. Il racconto relativo a quanto si verificherebbe nell'unità operativa di malattie infettive dell'ospedale "Vittorio Emanuele II" di Bisceglie è perciò interessante. Gli operatori di Sanitaservice in servizio come ausiliari pulitori lamentano l'eccessiva esposizione al rischio di infezioni oltre ad altre criticità in merito al mancato riconoscimento di rischia fini retributivi «al contrario degli altri operatori che come noi si bardano per accedere alle aree Covid» come ha spiegato un dipendente.

«Nel reparto di malattie infettive, peraltro, è doveroso rimarcare che non circola soltanto il Covid e può accadere anche di risultare positivi nonostante tutti gli accorgimenti» ha aggiunto. «Il problema, in quel caso, è l'inammissibilità dell'infortunio che costringe l'operatore a mettersi in malattia, con la conseguenza della sottrazione di una quota dal premio di produzione. Una situazione davvero assurda» ha osservato.

«È la beffa che va oltre il danno: i lavoratori sono obbligati ad entrare in area Covid e in un reparto di malattie infettive senza percepire un solo centesimo di indennità di rischio, con forti penalizzazioni nell'eventualità di un contagio, senza considerare la possibilità di trasmettere i virus ai propri familiari». Una disparità di trattamento alla quale bisognerebbe porre rimedio.
  • Asl Bt
  • ospedale Bisceglie
  • Covid
  • Covid-19
Altri contenuti a tema
Si riduce ancora il numero degli attualmente positivi al Covid in Puglia Si riduce ancora il numero degli attualmente positivi al Covid in Puglia 19 decessi registrati nelle ultime ore
Definiti data e luogo dei funerali del dottor Sinigaglia Definiti data e luogo dei funerali del dottor Sinigaglia Il medico biscegliese si è spento improvvisamente all'età di 60 anni
Covid in Puglia, si abbassa il tasso di positività agli ultimi test Covid in Puglia, si abbassa il tasso di positività agli ultimi test 752 nuovi casi registrati in queste ore
Scomparsa Sinigaglia, le testimonianze di cordoglio dal territorio Scomparsa Sinigaglia, le testimonianze di cordoglio dal territorio Le parole di politici e rappresentanti delle istituzioni
Silvestris: «Non ci sono abbastanza parole per ringraziare Andrea Sinigaglia» Silvestris: «Non ci sono abbastanza parole per ringraziare Andrea Sinigaglia» «In prima linea durante il Covid, si è impegnato per garantire cure e servizi»
Morte Sinigaglia, l'Asl Bt: «Andrea c'era sempre e per tutti» Morte Sinigaglia, l'Asl Bt: «Andrea c'era sempre e per tutti» Nota dell'azienda sanitaria: «Le nostre lacrime sono per lui»
Il cordoglio del Sindaco Angarano per la scomparsa del dottor Sinigaglia Il cordoglio del Sindaco Angarano per la scomparsa del dottor Sinigaglia «Il nostro abbraccio e quello della comunità biscegliese alla famiglia»
1 È morto il dottor Andrea Sinigaglia È morto il dottor Andrea Sinigaglia Già direttore medico dell'ospedale di Bisceglie, ora alla guida del "Bonomo" di Andria, è stato stroncato da un infarto
© 2001-2022 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.