"La rivolta dei giochi del tempo passato" al quarto circolo didattico
Scuola

"La rivolta dei giochi del tempo passato" col quarto circolo didattico

Spettacolo natalizio con diversi spunti di riflessione nel teatro della chiesa di San Silvestro

I giochi del passato si ribellano e non hanno tutti i torti. Protagonisti di un tempo che non c'è più, benché i giochi elettronici abbiano preso il sopravvento non si arrendono e organizzano la rivolta. Convinti di un complotto ordito per far sì che i bambini dimentichino la loro esistenza, mettono su una strategia infallibile: entrare nel mondo dei sogni dei più piccoli e tornare a farsi amare.

"La rivolta dei giochi del tempo passato" è solo uno dei momenti del progetto teatrale portato in scena giovedì 20 dicembre dal quarto circolo didattico "don Pasquale Uva" di Bisceglie e promosso dalle insegnanti Donatella Cangelli, Felicia Lauro e Mariateresa Mastropasqua col supporto del dirigente scolastico Francesca Castellini.

I piccoli sono stati impegnati fin dal mese di ottobre nella realizzazione dell'evento, che si è svolto nel teatro interno alla chiesa di San Silvestro, concesso gentilmente dal parroco Don Fabio. L'obiettivo, far riscoprire ai bambini il gusto per i giochi semplici che stimolano la fantasia perché richiedono la partecipazione attiva e la creatività dei giocatori e di valorizzare i giochi del passato che riflettono l'immediatezza semplice e pragmatica dei bambini, stimolandone la comunicazione e la socializzazione, la fantasia e il senso di avventura.

Le docenti hanno pensato di utilizzare l'attività teatrale come strumento comunicativo di grande efficacia e capace di assolvere a una funzione "sociale".
    © 2001-2019 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.