Carabinieri
Carabinieri
Cronaca

Operazione "Canusium", 21 provvedimenti cautelari

Indagine della Procura di Trani su scavi clandestini di importantissimi reperti archeologici

Oltre 300 Carabinieri sono stati impegnati, fin dalle prime luci dell'alba di mercoledì 24 maggio, nell'operazione "Canusium", in corso di svolgimento su tutto il territorio nazionale. Su richiesta della Procura della repubblica di Trani sono stati eseguiti 21 provvedimenti restrittivi oltre a decine di perquisizioni nei confronti di persone ritenute appartenenti ad uno strutturato sodalizio che si sarebbe reso responsabile in concorso di numerosi scavi clandestini, ricettazione e illecita commercializzazione, in ambito nazionale ed internazionale, di importantissimi reperti archeologici, di inestimabile valore storico-culturale e ingente valore commerciale.

I Carabinieri per la tutela del patrimonio culturale hanno agito in collaborazione con il Ros di Roma, i militari dei Comandi dell'Arma competenti territorialmente e lo Squadrone eliportato "Cacciatori Puglia".

L'attività investigativa è stata avviata nel 2022 a seguito dell'individuazione, nell'agro di Canosa, di diversi scavi clandestini. L'inchiesta, sviluppata e ampliata, anche sul piano internazionale, a partire dallo scorso autunno, supportata da attività tecniche, dinamiche e telematiche, ha consentito di individuare un'organizzazione criminale composta dal classico repertorio strutturato di soggetti che compongono la filiera tipica del fenomeno delinquenziale in danno dei beni culturali: tombaroli, ricettatori di zona (primo livello) e areali (secondo livello), oltre che trafficanti internazionali. Il sodalizio, con basi operative nella Bat e diramazioni in Campania, Lazio e nel resto della Puglia, aveva avviato un fiorente canale commerciale di monete archeologiche che, frutto di scavi clandestini eseguiti in Puglia e Campania, venivano poi cedute dai vari ricettatori ai diversi trafficanti internazionali, i quali provvedevano a immetterle sul mercato illecito globale, attraverso case d'asta estere.

Nel corso delle investigazioni sono state recuperate e sequestrate diverse migliaia di reperti archeologici, tra ceramiche e monete archeologiche in oro, argento e bronzo, 60 tra metal detector e arnesi idonei allo scavo clandestino, nonché documentazione contabile attestante le transazioni illecite in Italia e con l'estero. Le misure coercitive e le perquisizioni sono state eseguite in più comuni dell'Abruzzo, Basilicata, Campania, Lazio e Puglia.

Durante le investigazioni si è rivelata di fondamentale importanza la consultazione della "Banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti" del ministero della cultura, in via esclusiva gestita, alimentata e sviluppata sul piano tecnologico dai Carabinieri dell'arte. Il database la più grande del mondo nel suo genere, con oltre 1.3 milioni di files relativi a opere da ricercare.
  • Carabinieri
  • Procura di Trani
  • Carabinieri Bat
  • Nucleo tutela patrimonio culturale
Altri contenuti a tema
Nuovo furto in appartamento nel quartiere San Pietro Nuovo furto in appartamento nel quartiere San Pietro Non si tratta del primo episodio nella zona. Forze dell'ordine al lavoro per risalire ai responsabili
A lezione con Carabinieri, per la formazione della “cultura della legalità” A lezione con Carabinieri, per la formazione della “cultura della legalità” Continuano gli incontri tra Carabinieri e giovani alunni di diverse scuole della provincia
Intensificata la presenza dei militari dell’Arma per la ricerca dell’evaso e la sicurezza stradale del territorio anche a Bisceglie Intensificata la presenza dei militari dell’Arma per la ricerca dell’evaso e la sicurezza stradale del territorio anche a Bisceglie Mentre continua la caccia all’evaso si rafforzano i posti di controllo e le perquisizioni da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale BAT
Catturato uno dei due evasi dal carcere di Trani. Continuano le ricerche su tutto il territorio Catturato uno dei due evasi dal carcere di Trani. Continuano le ricerche su tutto il territorio L'uomo è stato fermato a Barletta dai Carabinieri
Giovane scomparso a Molfetta: biscegliese ai Carabinieri: «L'ho ucciso io» Giovane scomparso a Molfetta: biscegliese ai Carabinieri: «L'ho ucciso io» Il 29enne avrebbe confessato l'omicidio di un 23enne nella sua abitazione
I consigli dei carabinieri per evitare una truffa I consigli dei carabinieri per evitare una truffa Finto "maresciallo dei carabinieri" è la figura scelta dai truffatori per raggirare gli anziani
10 Febbraio, Giorno del Ricordo: “Vittime con gli alamari” 10 Febbraio, Giorno del Ricordo: “Vittime con gli alamari” Bandiere a mezz’asta: così l’Arma dei Carabinieri ricorda tutte le vittime e i militari che sacrificarono la loro vita per la Patria
Carabinieri, intensificati i controlli del territorio dal Comando Provinciale Bat Carabinieri, intensificati i controlli del territorio dal Comando Provinciale Bat Un servizio a largo raggio con controlli a tappeto e perquisizioni per ricerca di armi e stupefacenti
© 2001-2024 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.