danni causati dalle gelate
danni causati dalle gelate
Economia e lavoro

Protesta Coldiretti per la mancanza di attenzione di regione e governo sul caso delle gelate di febbraio

Sit in sotto la presidenza della giunta regionale lunedì 31 dicembre: «Non ci sposteremo fino a che non avremo risposte»

Una manifestazione lunedì 31 dicembre 2018, a partire dalle prime ore della mattinata. Gli agricoltori della Bat, della provincia di Foggia e dell'Area Metropolitana di Bari sono pronti a un sit in sotto il palazzo della presidenza della giunta regionale pugliese di Bari, l'ultimo giorno dell'anno, per protestare contro la mancanza di opportuna attenzione di regione e governo nazionale su una calamità che ha piegato il settore olivicolo.

Coldiretti Puglia ha chiesto incontri urgenti coi Prefetti di Bari e Bat per spiegare le ragioni della vertenza «che non si placherà sino a quando non saranno trovate soluzioni concrete» hanno fatto sapere i referenti dell'organizzazione.

«Il fronte della protesta sarà sia regionale che nazionale. Dopo il presidio a Bari il 31 dicembre, da cui non ci sposteremo fino a che non avremo risposte, ci trasferiremo a Roma l'8 gennaio dove incontreremo il sottosegretario Manzato, perché anche il governo deve farsi carico del problema che è nazionale, considerato che la Puglia produce oltre il 50% dell'olio italiano» ha spiegato Savino Muraglia, Presidente di Coldiretti Puglia.

«Le gelate del 26 di febbraio scorso hanno seriamente compromesso la produzione olivicola e olearia pugliese con un tonfo del 65% - ha rimarcato Coldiretti Puglia – ma la gravità della situazione pare non sia stata adeguatamente valutata e presa in carico da regione e governo».
    © 2001-2019 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.