Casa della Divina Provvidenza
Casa della Divina Provvidenza
Economia e lavoro

Universo Salute, situazione di stallo

Nessun progresso nella difficile mediazione tra azienda e sindacati sulla natura del contratto per i dipedenti

Prosegue la vertenza promossa dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentantive tra i dipendenti dei complessi aziendali di Bisceglie e Foggia di Universo Salute-Opera Don Uva. Le sigle Cgil, Cisl, Uil e Fials hanno dichiarato lo stato di agitazione di tutti i lavoratori a seguito «dell'improvvisa e inopportuna comunicazione - da parte della società - di non poter più garantire a tutto il personale il Contratto nazionale di lavoro Aiop/sanità privata che tra l'altro dopo 14 anni si stava firmando definitivamente in questi giorni».

I referenti di Universo Salute avrebbero annunciato apertamente l'applicazione del Contratto nazionale di lavoro Aiop/Rsa per il 70% della forza lavoro in servizio nelle strutture. Una fattispecie che, a giudizio dei sindacati, «penalizza i dipendenti immediatamente e nel tempo».

La questione è stata già discussa lo scorso 4 agosto in Prefettura a Barletta. Le organizzazioni sindacali hanno rappresentato le motivazioni e la loro contrarietà al cambio del contratto «che era stato tra l'altro garantito in sede ministeriale quando Universo Salute si era proposta come acquirente della ex Casa della Divina Provvidenza in amministrazione straordinaria». Secondo Cgil, Cisl, Uil e Fials, in sostanza, l'azienda avrebbe manifestato l'impossibilità di sostenere il peso degli adeguamenti contrattuali che sarebbero derivati dalla sottoscrizione del nuovo accordo Aiop/sanità privata in corso sui tavoli nazionali.

«È inammissibile che stessi dipendenti con pari qualifica e che svolgono identiche mansioni abbiano una diversità di retribuzione» hanno sottolineato i rappresentanti sindacali (Pellegrini per la Cgil, Amoruso per la Cisl, Ambrosino per la Uil, Cosmai per la Fials). «Evidentemente la società, per non discriminare i pochi, intende portare indietro il 70% e non far avanzare gli altri anche se pochi» hanno aggiunto. Universo Salute ha lasciato intendere che «nel momento in cui la Regione Puglia dovesse intervenire con un adeguamento delle tariffe delle degenze, con copertura di almeno il 50% dei costi rivenienti dal Ccnl sanità privata, potrebbe essere disponibile al riconoscimento di quanto dovuto dopo la firma del contratto a livello nazionale.

Il Prefetto ha invitato le parti alla concertazione attraverso una moratoria provvisoria lasciando inalterata la situazione economica fino alle definizione di nuove intese con le Regioni Puglia e Basilicata e mantenendo in essere, nell'attesa, il contratto nazionale Case di cura sanità privata a tutto il personale. I sindacati hanno quindi chiesto il ritiro o la sospensione del provvedimento assunto unilateralmente da Universo Salute. La società, dal canto suo, ha ribadito l'intenzione di perseguire il percorso assunto fino a un intervento risolutivo delle Regioni sulle rette. La situazione, insomma, è in stallo. I sindacati hanno confermato la volontà di portare avanti «le azioni di lotta e mobilitazione del personale fino al raggiungimento della serenità per tutti».
  • CGIL
  • cisl
  • Opera don Uva
  • uil
  • Fials
  • Universo Salute
Altri contenuti a tema
Ambulatori post-Covid con accesso gratuito a Universo Salute Ambulatori post-Covid con accesso gratuito a Universo Salute Ne potranno beneficiare tutte le persone colpite dal virus, che desiderano approfondire gli effetti della pandemia
Vaccini anti-Covid, l'Asl Foggia accoglie la proposta di Universo Salute Vaccini anti-Covid, l'Asl Foggia accoglie la proposta di Universo Salute L'azienda aveva chiesto di somministrare in autonomia le dosi vaccinali a pazienti e operatori sanitari. Nessuna novità riguardo la sede di Bisceglie
Opera Don Uva, tra speranze e certezze a un passo dal centenario Opera Don Uva, tra speranze e certezze a un passo dal centenario Alfredo Nolasco: «Il futuro comincia nel 2021»
Vaccini anti-Covid, Universo Salute chiede di diventare centro di distribuzione Vaccini anti-Covid, Universo Salute chiede di diventare centro di distribuzione Vigilante: «L'avvio di una rapida campagna vaccinale tutelerà pazienti in carico e operatori sanitari in campo»
Spazio all'istituendo Premio Don Uva nella trasmissione "Gran Galà Italia" Spazio all'istituendo Premio Don Uva nella trasmissione "Gran Galà Italia" Passaggio televisivo lunedì in prima serata sul canale 68 per il programma condotto da Alfredo Nolasco ed Elena Presti
«Emergenza personale e pronto soccorso in tilt negli ospedali della Bat» «Emergenza personale e pronto soccorso in tilt negli ospedali della Bat» La Fials: «Dipendenti allo stremo, situazione insostenibile»
D'Alberto: «Servizio Usca non solo al tempo del Covid» D'Alberto: «Servizio Usca non solo al tempo del Covid» Il segretario generale della Cgil risponde alla nota dell'Asl Bt
Bisceglie "Dementia friendly", un altro passo in avanti Bisceglie "Dementia friendly", un altro passo in avanti Massiccia partecipazione al corso di formazione rivolto ai commercianti su impulso dell'associazione Alzheimer Bari
© 2001-2021 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.