Gabriella Ferri
Gabriella Ferri
Le parole di Sherazade

Amore di guerra

Rubrica a cura di Liliana Salerno

La storia commovente di un'amore al tempo di una violenta guerra.
Il racconto, scritto da Liliana Salerno, riesce a descrivere tutti i brutti scenari di un conflitto e a far emergere la speranza e l'unione di due persone, che nonostante la paura esprimono i loro sentimenti e pensano al loro futuro.
a cura di Luca Ferrante

Corvi silenziosi, enormi di morte, sfiorano i nostri cieli notturni, bui di oscuramento e paura.
Dietro i loro occhi di vetro, paradossalmente, mani di uomo segnano la rotta, puntano il bersaglio, spiano e sparano.
Il fragore si espande di luce e terrore, la sirena impazzita dell'allarme, troppo tardi ci ha tratti dal sonno inquieto e tormentoso.
Io ti cerco, amore, tra la folla che urla, tra le urla di mio padre e mia madre che mi hanno perduta tra la gente in fuga.
Similmente una bimba di pochi anni strilla impaurita di dolore. I suoi occhi non potranno più dimenticare.
Una donna l'ha raccolta.
Non è sua madre, ma la porta in braccio ugualmente.
Io, corro controcorrente.
Il tuo rione è in fiamme.
Non vedo più volti umani, solo sangue e ferite, arti spezzati… e morti.
Ma non ho lacrime per questa disperazione, per il mio presente senza futuro, senza certezze.
Un ragazzino scemo ruba un pane dalla sacca di un vecchio innocente. Non si cura della folla, del fragore, delle urla: la sua fame è più forte del terrore.
Finalmente ti vedo, livido amore di guerra, tu, in licenza, col braccio fasciato.
Rimaniamo soli, la folla è scomparsa, nel buio non più rischiarato, a guardarci; ancora un sibilo, mi getti per terra, in un angolo, coprendomi con il tuo corpo.
Uno scoppio, un altro palazzo in fiamme, crollato…
Ma noi siamo insieme, e vivi, qui, ad attendere.
Il bombardamento è solo un attimo interminabile: finirà!
Tutto, forse!, sarà come prima e potremo sperare di avere ancora un bambino che, altri stringono, un bambino che nasca sicuro, che non abbia fame e paura!
Cessa l'attacco, la sirena invola il suo suono sicuro nell'aria, la gente ritorna a casa se ha ancora una casa: alcuni sono quasi sereni, altri in lacrime o biascicano con forza sulle corone del rosario.
Io non voglio guardarti negli occhi. Non voglio dirti ciò che penso. Il mio è un bilancio personale, ed, in un certo senso, collettivo. Come il grido che sorge, intatto, sui rottami del mio animo e si solleva in questa notte di paura, sui tetti delle case, ed è sempre e solo la speranza che finisca.
In che modo non so.
In qualsiasi modo, forse!
Ora so cosa voglio: solo pace, e amore… con te.


Nuovo appuntamento con "Le parole di Sherazade" di Liliana Salerno martedì 12 gennaio

  • Liliana Salerno
  • Le parole di Sherazade
Le parole di Sherazade

Le parole di Sherazade

Rubrica a cura di Liliana Salerno

Indice rubrica
Piero ha un buco nella testa 16 febbraio 2021 Piero ha un buco nella testa
Re Arturo 9 febbraio 2021 Re Arturo
Nella riserva 2 febbraio 2021 Nella riserva
Mara la slava 26 gennaio 2021 Mara la slava
La vittoria del giunco 19 gennaio 2021 La vittoria del giunco
La terrorista 12 gennaio 2021 La terrorista
Randagio e la luna 29 dicembre 2020 Randagio e la luna
Il diario di Dadà 22 dicembre 2020 Il diario di Dadà
Altri contenuti a tema
Piero ha un buco nella testa Piero ha un buco nella testa Rubrica a cura di Liliana Salerno
Re Arturo Re Arturo Rubrica a cura di Liliana Salerno
Nella riserva Nella riserva Rubrica a cura di Liliana Salerno
Mara la slava Mara la slava Rubrica a cura di Liliana Salerno
La vittoria del giunco La vittoria del giunco Rubrica a cura di Liliana Salerno
La terrorista La terrorista Rubrica a cura di Liliana Salerno
Torna in stampa "Colloquio con l'assente" di Liliana Salerno Torna in stampa "Colloquio con l'assente" di Liliana Salerno La raccolta poetica ripubblicata a distanza di 21 anni
Randagio e la luna Randagio e la luna Rubrica a cura di Liliana Salerno
© 2001-2021 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.