Sanità
Sanità
Attualità

Comitato ospedale unico nordbarese: «Dalla Carta di Ruvo nulla è stato fatto»

Il gruppo rilancia sulla necessità di maggiore sicurezza nei nosocomi

Il Comitato per l'ospedale unico del nord barese accende i riflettori sulla sicurezza nei nosocomi del territorio riferendo di un episodio accaduto a Ferragosto nell'area parcheggi dell'ospedale "Umberto I" di Corato.

«Dopo 18 ore di fila di turno a Ferragosto, il dottor (omissis) stava per smontare e tornare finalmente a casa dai suoi bambini. Non dalla moglie, però. Perché lei invece era appena arrivata per iniziare il suo turno nello stesso ospedale del marito, l'Umberto I di Corato, dove anche la signora lavora. Ed è stata proprio lei a notare tre individui che armeggiavano pesantemente contro l'auto del coniuge.
Ha cominciato a urlare contro i tre malviventi, ricevendone in cambio minacce mortali ("Se non stai zitta ti tagliamo la gola"). Incurante del pericolo, ha coraggiosamente continuato a gridare fino ad attirare l'attenzione e far scappare i tre.
Solo allora il dottor (omissis) ha potuto rendersi conto che in quello che sembrava un normale mattino di routine, aveva rischiato di perdere l'auto, se non la moglie"» è quanto sostenuto in una nota del Comitato.

«Tutto questo, incredibile a dirsi, succede a tre anni dalla Carta di Ruvo e dal Piano di riordino ospedaliero che aveva designato quell'ospedale, come i nostri lettori ben sanno, come ospedale di primo livello.
In realtà nulla è stato fatto da allora. E medici e operatori continuano a svolgere il loro lavoro, - per alcuni, come il dottor (omissis), la loro missione - senza un'adeguata sicurezza dentro e fuori le mura.

Vogliamo pertanto nuovamente invitare i vertici regionali a prendere atto della situazione insostenibile sul piano della sicurezza, e non solo - e a mettere celermente in atto quanto previsto dal Piano di riordino direttamente al presidente Michele Emiliano» hanno rimarcato dal Comitato per l'ospedale unico del nordbarese. «Abbiamo bisogno di ospedali di primo livello, non di ospedali insicuri al massimo livello. Ne va della serenità di medici e operatori e della salute dei pazienti di un intero territorio di 200mila abitanti. Il tempo è scaduto. Non sfidiamo ancora la sorte».
  • sanità
Altri contenuti a tema
Venerdì e sabato congresso regionale dell'Acoi Venerdì e sabato congresso regionale dell'Acoi Due giornate di alta formazione per i chirurghi biscegliesi e di tutta la Puglia
Pioggia di assunzioni in sanità: previsti 2500 OSS e duemila tra medici e infermieri Pioggia di assunzioni in sanità: previsti 2500 OSS e duemila tra medici e infermieri Il primo concorso unico regionale da bandire sarà quello per l'assunzione infermieri
«Così l'ospedale di Bisceglie mi ha salvato la vita» «Così l'ospedale di Bisceglie mi ha salvato la vita» La storia di una paziente
Curare è... curare anche i timori dell'anima Curare è... curare anche i timori dell'anima La riconoscenza di una cittadina biscegliese nei confronti del medico che l'ha seguita
Due giornate di formazione sull'uso del defibrillatore Due giornate di formazione sull'uso del defibrillatore Iniziativa al Nicotel con la partecipazione di 36 operatori sanitari
Prelievo di cornea a cuore fermo nella Asl Bt, il plauso di Nino Marmo Prelievo di cornea a cuore fermo nella Asl Bt, il plauso di Nino Marmo «Grazie a tutti gli operatori che stanno dando lustro alla sanità nostrana»
Costruire una comunità amica della demenza Costruire una comunità amica della demenza Tavola rotonda per la presentazione del progetto "Dementia friendly community"
I primi 100 giorni del Poliambulatorio Il buon samaritano I primi 100 giorni del Poliambulatorio Il buon samaritano 800 le visite mediche specialistiche erogate a titolo gratuito
© 2001-2019 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.