Sede del consiglio regionale pugliese
Sede del consiglio regionale pugliese
Politica

Consiglio regionale, il Tar soffia due seggi alla maggioranza: La Notte rischia

Accolti i ricorsi del centrodestra, il biscegliese potrebbe essere estromesso dall'assemblea. Si deciderà a luglio

L'intricata e controversa vicenda della ripartizione dei seggi nel consiglio regionale pugliese è forse a un passaggio decisivo. Il Tar di Bari ha accolto i ricorsi presentati da Vito De Palma e Antonio Scalera, due candidati in liste di centrodestra pretendenti all'elezione e soprattutto quello di Domenico De Santis, esponente del Partito Democratico. Gli effetti sulla composizione dell'assemblea di via Gentile potrebbero essere concreti solo a partire dal prossimo 8 luglio, data per la quale è stata fissata un'apposita udienza per la modifica sostanziale dei risultati del voto del settembre 2020 e la differente proclamazione degli eletti.

Le motivazioni della sentenza dei giudici amministrativi saranno pubblicate successivamente ma nel dispositivo è stato chiarito che «il premio di maggioranza va ricalcolato al netto dei voti ottenuti dalle liste che all'interno della coalizione vittoriosa non hanno superato la soglia del 4%».

I contenuti delle rimostranze accolte dal Tribunale amministrativo regionale sono eloquenti: la coalizione vincitrice, formata dalle liste a supporto di Michele Emiliano, scenderebbe da 29 a 27 seggi (senza contare naturalmente quattro dei cinque eletti nelle fila del Movimento 5 Stelle che hanno scelto in seguito di entrare in maggioranza). Secondo i nuovi calcoli, pertanto, Il Partito Democratico guadagnerebbe un consigliere mentre "Con" scenderebbe da 7 a 6 e "Popolari con Emiliano" da 7 a 5 eletti. Ecco perché rischierebbero Peppino Longo (Con), Mario Pendinelli e il biscegliese Francesco La Notte (Popolari con Emiliano). Pronti a entrare sarebbero appunto il dem De Santis, Vito De Palma di Forza Italia e Antonio Scalera della lista civica "La Puglia domani".

Toccherà al Prefetto di Bari, nominato commissario ad acta, suddividere i 27 seggi all'interno della coalizione di maggioranza: il Tar ha accettato anche un ricorso incidentale presentato da Michele Mazzarano del Pd, teso a ottenere un ricalcolo delle assegnazioni per singole province.

Pendono infine altri due ricorsi, che saranno discussi nel mese di maggio: Blasi e Cicolella, entrambi del Pd, hanno chiesto il ricalcolo interno alle circoscrizioni provinciali. Un eventuale accoglimento metterebbe in pericolo i seggi attualmente occupati da Michele Mazzarano e dal barlettano Ruggiero Mennea.
  • Regione Puglia
  • ruggiero mennea
  • Michele Emiliano
  • Tar
  • Francesco La Notte
Altri contenuti a tema
Cala il dato degli attualmente positivi in Puglia Cala il dato degli attualmente positivi in Puglia Oltre 1500 guariti e 46 decessi nelle ultime 24 ore
Campagna vaccinale, ancora troppa confusione Campagna vaccinale, ancora troppa confusione Sospesa la possibilità di vaccinarsi "a sportello" ma ignari utenti, convocati nei giorni scorsi da un call center, si sono presentati comunque al PalaCosmai
Allerta meteo gialla per pioggia e temporali sul territorio biscegliese Allerta meteo gialla per pioggia e temporali sul territorio biscegliese L'ha disposta la Protezione Civile regionale
La campagna vaccinale anti-Covid prosegue a Bisceglie e nella Bat La campagna vaccinale anti-Covid prosegue a Bisceglie e nella Bat I dati aggiornati dall'azienda sanitaria locale
Più guariti che nuovi casi nelle ultime ore in Puglia Più guariti che nuovi casi nelle ultime ore in Puglia Sono ancora oltre duemila i ricoverati negli ospedali
Lopalco: «Puglia in zona rossa per i contagi nel weekend di Pasqua» Lopalco: «Puglia in zona rossa per i contagi nel weekend di Pasqua» L'assessore alla sanità spiega l'andamento della curva in Puglia, sottolineando: «Il virus si controlla coi nostri comportamenti»
Campagna vaccinale, la Protezione Civile in cerca di volontari Campagna vaccinale, la Protezione Civile in cerca di volontari Presteranno servizio su tutto il territorio pugliese
«Un cittadino su tre desidera la riapertura dei ristoranti in Puglia» «Un cittadino su tre desidera la riapertura dei ristoranti in Puglia» L'analisi di Coldiretti: «La situazione ha tagliato pesantemente i redditi degli operatori, con un crollo del fatturato del 42% solo nel 2020»
© 2001-2021 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.