Casa della Divina Provvidenza
Casa della Divina Provvidenza
Cronaca

Crac Cdp, undici condanne

Pene comprese fra gli 8 mesi e i 7 anni di reclusione. Un anno e tre mesi - con pena sospesa - all'ex parlamentare Antonio Azzollini

Undici imputati condannati a pene comprese fra gli 8 mesi e i 7 anni di reclusione nel processo sul crac della Casa della Divina Provvidenza di Bisceglie.

Antonio Azzollini, già sindaco di Molfetta e parlamentare, è stato condannato a un anno e tre mesi di reclusione, con pena sospesa, per il reato di concorso in bancarotta semplice e per mancata tempestiva richiesta di fallimento, con l'aggravante del danno patrimoniale di rilevante gravità.

Presidente della Commissione bilancio del Senato all'epoca dei fatti, Azzollini è stato invece assolto dai reati di induzione indebita a dare o promettere utilità e di bancarotta fraudolenta patrimoniale «perché il fatto non sussite». Fra le pene accessorie comminategli, l'ex esponente di Forza Italia è stato dichiarato inabilitato all'esercizio di un'impresa commerciale per sei mesi e incapace per la stessa durata a esercitare uffici direttivi presso qualsiasi impresa.

Le condanne più pesanti - a vario titolo - sono state comminate a suor Assunta Puzzello (sette anni), Dario Rizzi e Antonio Battiante (sei anni), Antonio Albano (cinque anni e sei mesi). Tre anni a Giuseppe D'Alessandro; due anni e sei mesi ad Augusto Toscani; due anni e quattro mesi a Adriana Vasiljevic; un anno e sei mesi (pena sospesa) al commercialista biscegliese Rocco Di Terlizzi, un anno (sempre per con pena sospesa) all'ex presidente del consiglio comunale di Bisceglie Angelo Belsito; otto mesi (pena sospesa) a Lorenzo Lombardi.

Arturo Nicola Pansini, revisore contabile, è stato invece assolto. Il collegio ha dichiarato, infine, di non doversi procedere nei confronti di due imputati che, nel corso del processo, sono deceduti: suor Marcella Cesa e Giuseppe De Bari. Tra le disposizione della sentenza, anche la condanna per alcuni imputati al risarcimento del danno alla congregazione delle Ancelle della Divina Provvidenza, che gestiva l'ente psichiatrico e si era costituita parte civile con l'amministrazione straordinaria. Per quest'ultima è stata decisa una provvisionale immediatamente esecutiva di cinquecentomila euro. Disposta inoltre la trasmissione degli atti alla Procura di Trani, per il reato di falsa testimonianza, a carico di quattro persone.

La sentenza è stata letta in Tribunale, a Trani, nella tarda mattinata di mercoledì 29 gennaio.
  • Casa Divina Provvidenza
  • CDP
  • ex Cdp
Altri contenuti a tema
Coronavirus, terzo caso positivo a Bisceglie Coronavirus, terzo caso positivo a Bisceglie È un altro paziente dell'Opera Don Uva
Il Coronavirus non ferma la celebrazione eucaristica a Universo Salute Il Coronavirus non ferma la celebrazione eucaristica a Universo Salute Il cappellano don Pasquale Quercia continua a portare conforto, seppure a distanza, agli ospiti della struttura
Un parco pubblico sul mare dedicato a don Pasquale Uva Un parco pubblico sul mare dedicato a don Pasquale Uva Proposta presentata da Sergio Silvestris, presidente dell'Associazione Borgo Antico, in un affollato incontro a Palazzo Tupputi
Sentenza Cdp, il legale di Azzollini: «Riconosciuta l'insussistenza delle accuse più gravi» Sentenza Cdp, il legale di Azzollini: «Riconosciuta l'insussistenza delle accuse più gravi» Sulla condanna per bancarotta semplice: «Proporremo appello»
Un bando di cessione degli immobili ex Cdp non funzionali all'attività sanitaria Un bando di cessione degli immobili ex Cdp non funzionali all'attività sanitaria Due dei tre lotti localizzati a Bisceglie
Crac Cdp, chiesta la restituzione del tesoretto di 28 milioni di Casa di Procura Crac Cdp, chiesta la restituzione del tesoretto di 28 milioni di Casa di Procura Il legale di parte civile ha presentato una provvisionale per l'importo di cinque milioni di euro
Processo per il crac Cdp, sentenza entro due mesi Processo per il crac Cdp, sentenza entro due mesi Cosa rischiano i dodici imputati in primo grado
Crac Cdp, l'accusa chiede la condanna di tutti gli imputati Crac Cdp, l'accusa chiede la condanna di tutti gli imputati Conclusa la requisitoria del pubblico ministero
© 2001-2020 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.