Agricoltura
Agricoltura
Economia e lavoro

Dalla vulnerabilità alla costruzione di una prospettiva di impiego

Mercoledì alle Vecchie Segherie la chiusura del percorso formativo riservato ad un gruppo di donne attraverso il progetto "Discrimination Free Puglia"

Le Vecchie Segherie Mastrototaro di Bisceglie ospiteranno l'evento di chiusura del corso per "Tecnico della commercializzazione dei prodotti agricoli ed agroalimentari" realizzato nell'ambito dell'avviso Discrimination free Puglia (Por Puglia 2014-2020 Asse IX - Promuovere l'inclusione sociale, la lotta alla povertà e ogni forma di discriminazione) promosso dalla Regione Puglia e rivolto ad azioni di contrasto alle discriminazioni di genere ma anche ad interventi concreti per favorire l'inclusione sociale e l'occupazione delle donne. L'appuntamento è fissato per le ore 18 di mercoledì 23 marzo. Prevista la partecipazione di rappresentanti istituzionali della Regione Puglia e dell'Ufficio di Piano Trani-Bisceglie, oltre che dei referenti delle aziende ospitanti.

Il corso è stato organizzato dall'ente di formazione Agromnia in collaborazione con l'Ufficio di Piano dell'Ambito territoriale sociale dei Comuni di Trani e Bisceglie, con partner come il centro antiviolenza Save di Trani e l'ente di formazione Omniapro. Ben 600 le ore di lezione svolte: 300 ore d'aula in modalità a distanza a causa della pandemia da Covid-19 e altre 300 di stage in imprese agroalimentari che si occupano della trasformazione, confezionamento/imbottigliamento e commercializzazione di prodotti del nostro territorio. Un percorso formativo di supporto a donne in stato di vulnerabilità, con l'obiettivo di realizzare un progetto di vita autonomo, concorrendo in diversa misura al reinserimento socio-lavorativo delle "donne fragili" coinvolte, in sinergia con le risorse della rete dei servizi territoriali.

Le corsiste hanno così potuto apprendere competenze sui temi specifici della professione agricola e della preparazione dei prodotti conservati, ed in particolare le fasi della produzione agricola e agroalimentare, delle caratteristiche organolettiche del prodotto e delle certificazioni d'origine, fino alla vendita del prodotto agricolo ed agroalimentare trasformato: ora sono pronte ad entrare nel mondo del lavoro come esperte in marketing delle produzioni agricole ed agroalimentari. Anzi: due di loro il lavoro lo hanno già trovato, dato che le aziende ospitanti (tra cui Mastrototaro Food) hanno già provveduto alla loro assunzione.
  • imprenditoria
  • agricoltura
Altri contenuti a tema
Lavoro, Coldiretti Puglia: «Bene i fondi Ismea, già 13 mila giovani nei campi» Lavoro, Coldiretti Puglia: «Bene i fondi Ismea, già 13 mila giovani nei campi» Il 15.3% della aziende agricole condotte da giovani in Puglia è bio
“Hey Sud”, la ricetta per il successo d’impresa made in Puglia “Hey Sud”, la ricetta per il successo d’impresa made in Puglia Talk con ospiti illustri per raccontare storie di successo, partendo dal Sud
"Colossi e giganti", martedì a Barletta torna Hey Sud "Colossi e giganti", martedì a Barletta torna Hey Sud Imprenditori e istituzioni a confronto sullo sviluppo economico della Puglia
Coldiretti plaude al riconoscimento dello stato di calamità naturale in Puglia Coldiretti plaude al riconoscimento dello stato di calamità naturale in Puglia Nonostante sia la regione meno piovosa d'Italia si registra una dispersione di addirittura l'89% dell'acqua piovana
13 mila i giovani pugliesi al vertice di aziende agricole 13 mila i giovani pugliesi al vertice di aziende agricole Pandemia e guerra hanno accelerato il fenomeno del "ritorno alla terra"
Il clima minaccia le colture: perso il 21% delle produzioni in Puglia Il clima minaccia le colture: perso il 21% delle produzioni in Puglia L'analisi di Coldiretti sull'andamento dell'annata agraria
Sicolo (Cia Puglia): «Sul Psr grande lavoro della Regione» Sicolo (Cia Puglia): «Sul Psr grande lavoro della Regione» Dall'organizzazione un auspicio: «Il 2023 sia l'anno del rilancio»
Aproli: «Da Bisceglie un percorso collettivo che ha bisogno di azioni concrete» Aproli: «Da Bisceglie un percorso collettivo che ha bisogno di azioni concrete» Si è discusso della gestione sostenibile nell'oliveto
© 2001-2023 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.