Emporio eco-solidale Caritas
Emporio eco-solidale Caritas
Territorio

L'emporio eco-solidale Caritas avamposto efficiente della lotta alla povertà

La struttura è già un punto di riferimento per circa 150 nuclei familairi

Un avamposto efficiente della lotta alla povertà. Questa la definizione più calzante per l'emporio eco-solidale aperto da alcuni mesi dalla Caritas di Bisceglie in via professor Mauro Terlizzi, a pochi passi da Recuperiamoci.

La coordinatrice Gabriella Sabetta ha sottolineato: «Molti utenti si affacciano all'emporio dopo essere andati proprio ad approvvigionarsi di viveri presso Recuperiamoci».

Le cifre sono in crescita. Purtroppo, per amara contraddizione, dato che sarebbe stato molto più confortante registrare un'inversione di tendenza. I 146 nuclei familiari italiani e stranieri assistiti quasi quotidianamente significano, secondo le statistiche, oltre 500 persone residenti in Bisceglie costrette a ricorrere al sostegno concreto dell'emporio. Il lodevole impegno dei volontari è la cartina tornasole delle condizioni economiche tutt'altro che rosee di una fascia sempre più consistente della popolazione: impossibile ignorarne le esigenze, preoccupante la constatazione che per una famiglia che si avvicina all'emporio eco-solidale molto probabilmente ce ne saranno tre che non lo fanno. Ragioni culturali (il timore di chiedere aiuto su tutte) e la mancata conoscenza del servizio lasciano presagire che, in realtà, il fenomeno sia decisamente più esteso.

«Necessitano di tutto; una richiesta scarsamente soddisfatta è di asciugamani e lenzuola. Anche se non hanno ancora ricevuto la tessera-punti magnetica con la quale si ha diritto di "acquistare" merci per 180 punti a testa, coloro che si affacciano all'emporio sono assistiti da un volontario nella scelta degli oggetti di cui necessitano, poi viene inserito il punteggio relativo nell'apposita scheda personale. I 180 punti si rinnovano col cambio di stagione (estate – inverno). E si effettuano anche i "saldi" nel senso che, a fine stagione, il valore in punti di ogni capo viene abbassato» ha spiegato la coordinatrice Sabetta.

«Il valore degli oggetti è modificato anche per altri motivi cioè in base alla quantità donata e arrivata all'Emporio, e in base alla maggiore o minore richiesta dello stesso. E i biscegliesi si sono mostrati veramente generosi».

«Purtroppo, con la fine di settembre, il progetto è chiuso dal punto di vista amministrativo con i contributi ricevuti che sono stati spesi integralmente» ha aggiunto Carmine Panico, responsabile di I Care, uno dei partner dell'emporio insieme all'associazione Terre Solidali. «Le risorse hanno permesso di assumere un disoccupato per il magazzino abbigliamento, un'altra persona per la funzionalità del magazzino e un giovane per la gestione elettronica dell'immagazzinamento dei dati degli utenti. Ora questi giovani proseguono il lavoro volontariamente con la speranza che il progetto sia rifinanziato per i prossimi due anni e possa permettere loro di continuare il lavoro retribuito».

La miriade di volontari provenienti dalle varie parrocchie cittadine e la sinergia tra Caritas parrocchiali ed emporio contribuisce a una gestione efficiente. Sono solo quattro le parrocchie che continuano la distribuzione di abbigliamento: San Lorenzo, Madonna di Passavia, San Matteo e San Silvestro. Le altre parrocchie inviano il materiale ricevuto all'emporio. Qui inizia il lavoro dei volontari: cernita, lavaggio, stiratura e prezzamento dei capi e degli oggetti ricevuti. I biscegliesi hanno compreso che la donazione deve essere di capi ben tenuti (anche se l'Emporio ha un proprio smaltimento di capi poco riutilizzabili): ciò che si espone deve essere dignitoso anche per chi li riceve.

L'auspicio dei responsabile è che il prossimo finanziamento possa permettere la realizzazione dei laboratori previsti di sartoria e falegnameria. Lo spazio disponibile non è sufficiente per ritirare i tanti mobili offerti. Si è ovviato al problema con le foto dei mobili che vengono mostrate ai richiedenti e poi ritirate quando gli utenti li richiedono col furgone della Caritas.

La novità più interessante è la proposta del Liceo Scientifico di scienze umane di Trani: è stato progettato l'intervento di propri studenti nell'emporio per un monte ore di alternanza scuola-lavoro. La richiesta potrebbe presto essere estesa anche a istituti biscegliesi. I giovani potranno così constatare di persona il clima di familiarità e di gioia che si è creato tra i volontari presenti e di vera solidarietà tra volontari ed utenti: questo ha permesso la crescita di una bella realtà che fa bene a tutti, volontari ed utenti, e si è potuta incrementare l'apertura dell'emporio secondo i seguenti orari: per gli utenti ed i donatori dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 12:00 e dalle 17:30 alle 19:30. Per i donatori anche il sabato ed il giovedì pomeriggio (che sono chiusi per gli utenti).

Chi volesse cimentarsi nel volontariato prestando anche solo qualche ora della propria vita a favore della comunità, sperimentando così che c'è " più gioia nel dare che nel ricevere" può rivolgersi al centro di ascolto Caritas il martedì mercoledì giovedì dalle 18:00 alle 20:00 o alle Caritas parrocchiali o a Sergio (3356373728) e Michele (3282814938).
  • Caritas Bisceglie
  • RecuperiAmoCi
Altri contenuti a tema
Restituita parte del maltolto alla Caritas Restituita parte del maltolto alla Caritas I volontari hanno ritrovato quasi metà dei capi d'abbigliamento rubati nei giorni scorsi
Furto Caritas, il sindaco Angarano: «Facciamo sentire la nostra vicinanza ai volontari» Furto Caritas, il sindaco Angarano: «Facciamo sentire la nostra vicinanza ai volontari» Il primo cittadino: «Non ci si fa scrupoli neanche dinanzi a chi dedica tempo ed energie per aiutare chi è più in difficoltà»
Furto Caritas, Galantino: «Episodio sgradevole» Furto Caritas, Galantino: «Episodio sgradevole» Il parlamentare biscegliese: «Do la mia disponibilità. Cittadini e politica si uniscano contro la delinquenza»
Increscioso furto ai danni della Caritas Increscioso furto ai danni della Caritas Magazzino merci svaligiato con una tronchese, rubati mille capi d'abbigliamento
Tradizionale pranzo di Natale promosso dalla Caritas alle Vecchie Segherie Mastrototaro Tradizionale pranzo di Natale promosso dalla Caritas alle Vecchie Segherie Mastrototaro Momento di condivisione e solidarietà
Il laboratorio sartoriale "Storie&Stoffe" aperto ai visitatori Il laboratorio sartoriale "Storie&Stoffe" aperto ai visitatori Tra giovedì 19 e venerdì 20 dicembre
Pranzo di Natale Caritas alle Vecchie Segherie Mastrototaro: una consuetudine che si rinnova Pranzo di Natale Caritas alle Vecchie Segherie Mastrototaro: una consuetudine che si rinnova Organizzazione al lavoro, c'è la possibilità di affiancare i volontari
La sartoria sociale Caritas apre alle scuole La sartoria sociale Caritas apre alle scuole Le volontarie "Storie e stoffe" nelle classi della "Edmondo De Amicis" e della "San Giovanni Bosco"
© 2001-2020 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.