Anziani
Anziani
Attualità

I consigli dei carabinieri per evitare una truffa

Finto "maresciallo dei carabinieri" è la figura scelta dai truffatori per raggirare gli anziani

I reati di truffa ormai sono diventati sempre più frequenti in particolare protagonisti di questa brutta vicenda sono gli anziani che sono considerati bersagli di eccellenza da parte dei malfattori/truffatori.
Ma come ci si può accorgere in tempo ed evitare che la truffa vada in porto?
Ecco alcuni consigli a cui tutti possono fare riferimento.
Il truffatore non è mai solo, si avvale di due/tre validi complici che lo coadiuvano affinché il malcapitato caschi nella sua rete. In genere i malfattori pianificano il colpo da tempo seguendo la vittima in tutti suoi spostamenti, studiando le pagine social, soprattutto se anziani scoprono se hanno figli e nipoti, insomma eseguono un'attenta osservazione a 365 gradi.

In genere un truffatore è quello che per primo ha l'approccio con la vittima chiamandola per telefono cellulare o sul telefono fisso di casa, durante la conversazione si può presentare come "maresciallo dei carabinieri" e inventa la storia che suo figlio o suo nipote ha avuto un incidente ed è stato arrestato e che per evitare la prigione bisogna dare dei soldi. I truffatori "bravi" riescono addirittura a dire il nome vero del figlio/nipote rendendo ancora più credibile la storiella.
La vittima viene bombardata di falsità poiché il truffatore non le permette di chiudere la telefonata per chiamare parenti e verificare i fatti. Sempre al telefono con il finto maresciallo la vittima comunica che in casa possiede una cospicua somma di denaro oppure dei monili di valore, poco dopo si presentano a casa i complici del truffatore che si fanno consegnare il bottino e vanno via. Quando il truffatore chiude la conversazione telefonica, la vittima riesce a chiamare i parenti e scopre di essere stata truffata.
Può capitare inoltre che al posto della telefonata il truffatore invii un sms scrivendo per esempio "mamma sono XXX ho perso il telefono chiamami a questo numero". La persona che riceve questo messaggio chiamando il numero con il quale ha ricevuto il messaggio entra a far parte della truffa organizzata dai malviventi.

Ma cosa si può fare per evitare o per lo meno accorgersi in tempo che si è vittima di truffa? Analizziamo punto per punto:
  1. Non farsi prendere dal panico, bisogna cercare di rimanere lucidi e contattare subito i parenti e/o le forze di polizia.
  2. I carabinieri come le altre forze di polizie non chiedono mai soldi per estinguere reati, se si ha la possibilità chiamare subito i numeri di emergenza 112/113 e segnalare la truffa.
  3. Chiudere subito la telefonata e non rispondere più. Se non riuscite a chiudere la telefonata e vi trovate in casa chiedere aiuto al vicino, se siete per strada recatevi subito alla più vicina sede dei carabinieri o al commissariato di polizia.
  4. Non aprire la porta a chiunque si presenti. I militari dell'Arma indossano l'uniforme, portano sempre con sé il tesserino di riconoscimento e non chiedono/prendono soldi e/o oggetti di valore a casa delle persone.
  5. Recarsi subito in caserma per denunciare.
Per qualsiasi delucidazione e consiglio le caserme dei carabinieri sono aperte 24 h su 24 h e sono a disposizione di tutti i cittadini.
  • Carabinieri Bat
  • Comando provinciale Carabinieri
Altri contenuti a tema
Uova di Pasqua ai bambini del reparto pediatrico dell’ospedale di Bisceglie da parte dei Carabinieri​ Uova di Pasqua ai bambini del reparto pediatrico dell’ospedale di Bisceglie da parte dei Carabinieri​ Visita al reparto pediatrico per portare un po’ di allegria, fondamentale la collaborazione tra i carabinieri e l’associazione Work-aut
Anche l'ospedale di Bisceglie inserito dai Carabinieri nella vigilanza ai presidi ospedalieri dell'Asl Bt Anche l'ospedale di Bisceglie inserito dai Carabinieri nella vigilanza ai presidi ospedalieri dell'Asl Bt Rapporti di collaborazione tra Arma ed Asl Bt, una maggiore vicinanza da parte dei militari agli operatori sanitari
Arma dei carabinieri sempre più presente sul territorio dell'intera provincia Arma dei carabinieri sempre più presente sul territorio dell'intera provincia Azione preventiva e repressiva dei reati sulla violazione del codice della strada e traffico di stupefacenti: sono sorprendenti i risultati ottenuti dai Carabinieri
"Donne, vittime delle truffe, Come difendersi?" incontro dell'ANTES "Donne, vittime delle truffe, Come difendersi?" incontro dell'ANTES Un appuntamento organizzato presso il salone della Chiesa Santa Maria di Costantinopoli di Bisceglie
Intensificata la presenza dei militari dell’Arma per la ricerca dell’evaso e la sicurezza stradale del territorio anche a Bisceglie Intensificata la presenza dei militari dell’Arma per la ricerca dell’evaso e la sicurezza stradale del territorio anche a Bisceglie Mentre continua la caccia all’evaso si rafforzano i posti di controllo e le perquisizioni da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale BAT
10 Febbraio, Giorno del Ricordo: “Vittime con gli alamari” 10 Febbraio, Giorno del Ricordo: “Vittime con gli alamari” Bandiere a mezz’asta: così l’Arma dei Carabinieri ricorda tutte le vittime e i militari che sacrificarono la loro vita per la Patria
“Natale Sicuro”, impegno e consigli dei Carabinieri per la sicurezza “Natale Sicuro”, impegno e consigli dei Carabinieri per la sicurezza I Carabinieri del Comando Provinciale BAT hanno avviato un piano straordinario di controllo del territorio
Restart, i dettagli dell'operazione dei Carabinieri Restart, i dettagli dell'operazione dei Carabinieri Ampia operazione dei Carabinieri che ha portato all'arresto di 16 persone coinvolte in attività di traffico di droga e reati correlati in tutta la provincia
© 2001-2024 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.