Lino Ricchiuti
Lino Ricchiuti
Politica

Fisco, Ricchiuti: «Si affronti il tema delle società pubbliche di riscossione»

«Non è possibile che gli evasori totali siano più tranquilli di coloro che detengono attività legali»

«Si torna nuovamente a parlare della riforma fiscale solo nell'ottica della riduzione di qualche punto di percentuale di Irpef, come se questo risolvesse un male atavico che vede nel sistema sanzionatorio un'arma di distruzione di interi comparti produttivi e che con la crisi in atto potrebbe risultare fatale per l'intera economia nazionale». È il parere del biscegliese Lino Ricchiuti, vice-responsabile nazionale imprese e mondi produttivi di Fratelli d'Italia.

«L'assurdità delle società pubbliche di riscossione ma in genere del fisco, è questa: chi presenta la dichiarazione dei redditi ha un'attività legale ma, al contempo, se si trova in difficoltà finanziarie viene perseguitato, e le iscrizioni a ruolo tra sanzioni e interessi triplicano il debito originario» ha spiegato. «Chi, invece, esercita attività economiche nella totale illegalità, ovvero nell'evasione totale, non solo fiscale ma in barba a qualsiasi legge e regolamento, può rimanere tranquillissimo: non può subire iscrizioni a ruolo per debiti erariali/contributivi non versati, in quanto manca proprio la dichiarazione, per cui non vi è la spontanea ammissione. Costui, quindi, non subirà fermi amministrativi, non dovrà chiedere rateizzazioni, non dovrà pagare un bel nulla» ha aggiunto.

«Come può lo Stato affermare, seppur non palesemente, che le sue leggi in materia fiscale sono solo un opuscolo di cattivi consigli? Praticamente una istigazione a lavorare in nero. Ed è risibile rispondere che ogni tanto qualcuno viene scovato, perché le pene sono risibili. Innanzitutto si può ricostruire induttivamente soltanto gli ultimi 5 anni di reddito e colui che viene colpito può patteggiare a un terzo, ammesso che abbia intestato qualcosa. Quindi, chi ha reso dichiarazione dei redditi e non ha sufficienti risorse per pagare dovrà pagare il triplo, chi ha evaso totalmente potrò patteggiare un terzo calcolato su 5 anni di reddito calcolato induttivamente. Questo sistema sarebbe una trama adatta a un film comico, se non avesse cagionato morti» ha concluso Ricchiuti.
  • Lino Ricchiuti
  • Economia
  • tasse
  • Fratelli d'Italia
Altri contenuti a tema
Galantino accetta la "sfida", test antidroga e analisi del capello in piazza Montecitorio Galantino accetta la "sfida", test antidroga e analisi del capello in piazza Montecitorio Il deputato biscegliese di Fratelli d'Italia replica al ministro Dadone: «Ora confidiamo che i parlamentari 5 Stelle facciano lo stesso»
«Dati Covid contrastanti». Fratelli d'Italia chiede un incontro al Generale Figliuolo «Dati Covid contrastanti». Fratelli d'Italia chiede un incontro al Generale Figliuolo Fitto, Gemmato e i sei consiglieri regionali: «Troppe domande senza risposta»
Galantino: «Lavoriamo per incrementare la presenza delle forze dell'ordine nella Bat» Galantino: «Lavoriamo per incrementare la presenza delle forze dell'ordine nella Bat» Il deputato biscegliese di Fratelli d'Italia: «Mi batto per questo fin dall'inizio del mandato»
Positivi al Covid deceduti in Puglia, Fratelli d'Italia: «Lopalco dà i numeri (dimenticati)» Positivi al Covid deceduti in Puglia, Fratelli d'Italia: «Lopalco dà i numeri (dimenticati)» Zullo: «In Sicilia hanno aperto un'inchiesta, qui lo si ammette come se fosse una cosa normale»
Prenotazione vaccini, Fdi: «La Puglia si affidi alla rete di Poste italiane» Prenotazione vaccini, Fdi: «La Puglia si affidi alla rete di Poste italiane» I consiglieri regionali del partito propongono di seguire l'esempio di altre sei regioni
Embedding: riaprire i porti Embedding: riaprire i porti La vera sfida è quella dell'intermodalità degli scambi
Vaccini, Lopalco: «Quasi 100mila le prenotazioni degli over 80» Vaccini, Lopalco: «Quasi 100mila le prenotazioni degli over 80» L'assessore: «Siamo già a metà del target atteso». Zullo (Fratelli d'Italia) chiede la vaccinazione per i soggetti con gravi patologie
Gelate 2018, otto milioni di euro per i frantoi pugliesi Gelate 2018, otto milioni di euro per i frantoi pugliesi Risorse trasferite all'Agea che diffonderà una circolare per la presentazione delle domande
© 2001-2021 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.