Francesco Caringella
Francesco Caringella
Cultura

Francesco Caringella, un giudice in tasca

Vizi e difetti della giustizia italiana spiegati al cittadino comune

Il problema più grosso della giustizia italiana è quello di totalmente incomprensibile alla popolazione, che nella maggior parte dei casi ritiene perciò di non essere adeguatamente protetta e difesa. I processi mediatici - dove l'unica regola che vige è l'assenza di regole - contribuiscono ogni giorno ad aumentare la confusione ed il senso di ingiustizia diffuso.
Il giudice Francesco Caringella ha voluto dare il suo contributo alla causa della chiarezza, con un libro, quasi tascabile, che apre la mente dell'italiano medio in materia di giustizia.

Delle "10 lezioni sul tema della giustizia" si è parlato anche a Bisceglie, nell'appuntamento fuori cartellone di Libri nel Borgo Antico organizzato presso il Mondadori Bookstore alle Vecchie Segherie Mastrototaro, con la conduzione del giornalista Rai Fulvio Totaro.

Ad aprire il dibattito sulla giustizia, il paragone fra l'Italia - dove sono attualmente pendenti circa 10 milioni di processi - e la Germania - dove i processi in corso sono solo 800.000 e durano mediamente 8 mesi a differenza. Dieci volte in meno che da noi.

Lo scrittore riflette su un fatto: come mai i giudici in Italia, pur avendo la stessa preparazione, pure avendo superato gli stessi esami e gli stessi concorsi, sono spesso in disaccordo su determinate sentenze?
Caringella non ha dubbi: molto dipende dalle leggi, scritte in modo da dare adito a interpretazioni differenti: «Sembra che usiamo la lingua del diritto più per nascondere che per spiegare».

L'autore paragona il giudice ad uno storico. Infatti al pari di uno storico il giudice non ha vissuto i fatti, non era sul luogo di un delitto nel momento dell'accaduto, quindi deve valutare tutto in base alle prove che gli vengono presentate e solo in funzione di queste può emettere una sentenza, oltre ogni ragionevole dubbio, né su convinzioni personali né sull'onda di emozioni particolari. Non essendovi altro che le prove per stabilire la verità processuale, capita che questa sia in contrasto con la verità dei fatti, come in quel caso in cui l'imputato di omicidio fu assolto in virtù delle prove esibite dalla difesa e non fu possibile - perché la prova era stata raccolta senza autorizzazione del giudice, quindi era illegale - acquisire la registrazione telefonica nel corso della quale si dichiarava colpevole del fatto.

Altro tema caldo, quello relativo alla durata dei processi: «Le lungaggini - spiega Caringella - si trasformano in vantaggi per chi ha torto e rendono quasi inefficaci le pene. Per questo è indispensabile una revisione di tutto il sistema processuale», riforma che non può prescindere dalla riforma carceraria, dato che l'Italia vanta un record di sovraffollamento dei penitenziari tale da rendere inefficace o inesistente la riabilitazione dei reclusi.
«Un detenuto maltrattato, che può fare solo una telefonata di 10 minuti a settimana, uscirà dal carcere ancor più incattivito ed ostile verso la società, quindi pronto a delinquere ancora».

In Italia da fare c'è molto. Innanzitutto c'è da fare prevenzione e quindi educazione. Per Caringella bisogna parlare di giustizia nelle scuole, bisogna insegnare ai ragazzi il rispetto delle regole se si vuole che il numero di reati commessi diminuisca.
«Oggi un docente che rimprovera l'alunno è passibile di denuncia. Ai miei tempi di scolaro un rimprovero dai prof. poteva generare un solo ricorso da mio padre: quello al pronto soccorso».
E poi c'è da modernizzare la giustizia, a maggior ragione se si parla di lotta alle mafie: «Oggi la mafia non è più quella della lupara, ma quella dei colletti bianchi, che invece dei pallettoni usano le corruzioni. La giustizia italiana questo lo deve ancora capire».
  • Vecchie Segherie Mastrototaro
  • Francesco Caringella
Altri contenuti a tema
Nuova installazione sul Ponte dei Pescatori, un omaggio alla "poesia" del mare e a Bisceglie Nuova installazione sul Ponte dei Pescatori, un omaggio alla "poesia" del mare e a Bisceglie Il dono alla città di Mastrototaro Food e Vecchie Segherie Mastrototaro
Claudia Durastanti presenta "Missitalia" alle Vecchie Segherie Mastrototaro Claudia Durastanti presenta "Missitalia" alle Vecchie Segherie Mastrototaro La presentazione si terrà giovedì 16 maggio
“Un uomo di poche parole”: racconto dell’amicizia tra Lorenzo e Primo “Un uomo di poche parole”: racconto dell’amicizia tra Lorenzo e Primo Successo per la presentazione del nuovo libro di Carlo Greppi tenutasi martedì 7 maggio alle Vecchie Segherie Mastrototaro
Carlo Greppi presenta alle Segherie la storia dell’ “Uomo di poche parole” che salvò Primo Levi Carlo Greppi presenta alle Segherie la storia dell’ “Uomo di poche parole” che salvò Primo Levi Stasera 7 maggio alle 19 l’evento con ANPI Bisceglie
Emanuele Trevi, Premio Strega 2021, presenta il suo nuovo libro alle Vecchie Segherie Emanuele Trevi, Premio Strega 2021, presenta il suo nuovo libro alle Vecchie Segherie L'appuntamento è fissato per venerdì 3 maggio alle 19
Gli incontri di maggio alle Vecchie Segherie Mastrototaro Gli incontri di maggio alle Vecchie Segherie Mastrototaro Ricco calendario di eventi nella libreria per tutto il mese
Il celebre traduttore russo Paolo Nori presenta “Una notte al Museo Russo” alle Vecchie Segherie di Bisceglie Il celebre traduttore russo Paolo Nori presenta “Una notte al Museo Russo” alle Vecchie Segherie di Bisceglie L'incontro giovedì 18 aprile alle 20.30
Another Coffee Stories Editore porta i party letterari di New York alle Vecchie Segherie Mondadori Another Coffee Stories Editore porta i party letterari di New York alle Vecchie Segherie Mondadori Il primo incontro si terrà domenica 14 aprile alle ore 19
© 2001-2024 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.