Settimana Santa. <span>Foto Francesco Vallarella</span>
Settimana Santa. Foto Francesco Vallarella
Religioni

I riti e le tradizioni della Settimana Santa al tempo del Coronavirus

Sebastiano Marchese, priore della Confraternita del Sacro Cuore di Gesù, fa il punto della situazione

Le processioni alla Via Crucis potranno essere rinviate «a giudizio del vescovo diocesano in altri giorni convenienti, ad esempio il 14 e 15 settembre», quando la Chiesa celebra la festa dell'Esaltazione della Croce e della Madonna Addolorata. Sono questi i «suggerimenti» e le «indicazioni generali» contenuti nel decreto "In tempo di Coronavirus" del 19 marzo scorso, inviato alle Conferenze episcopali dalla Congregazione vaticana per il culto divino e la disciplina dei sacramenti e diffuso dal Cardinale prefetto Robert Sarah su mandato di papa Francesco, che hanno scatenato un dibattito social negli ultimi giorni tra i fedeli ed appassionati dei riti della Settimana Santa.

Abbiamo quindi contattato Sebastiano Marchese - imprenditore locale e priore della Confraternita del Sacro Cuore di Gesù in Bisceglie, tra le più attive ed antiche della città - che si fregia di portare in processione durante la Settimana Santa il Simulacro del Gesù Morto, per chieder un suo pensiero in merito.

«Per noi la Settimana Santa non è affatto un momento folkloristico ma soprattutto dal punto di vista spirituale è un percorso di fede interiore che trova il culmine proprio nella giornata della morte del Signore il venerdì che precede la domenica di Pasqua.
Immaginare a questo punto poter far svolgere la Via Crucis cittadina in un clima festoso qual è la vigilia della festa patronale in onore della nostra Compatrona Madonna Addolorata, è pura utopia» ha affermato.

La Confraternita del Sacro Cuore nasce ufficialmente il 28 febbraio del 1884 ma era già stata costituita in forma di associazione nel 1780 per volere dell'Abate Bruni, allora parroco di San Matteo. Da allora la Confraternita, oltre a festeggiare il Sacro Cuore, è impegnata nell'organizzazione dei riti della Settimana Santa e della relativa processione del Venerdi Santo.

Cosa avevate organizzato per la Settimana Santa 2020?
«C'è innanzitutto da sfatare un mito. Organizzare le celebrazioni e gli eventi annessi alla Settimana Santa produce una mole di lavoro immane, soprattutto perché non è visibile in quanto spalmato in parecchi mesi che anticipano il periodo quaresimale. Un lavoro che richiede anche il dispiego di risorse finanziarie. La Confraternita cerca di aggiungere ogni anno, budget permettendo, qualcosa di più, mai per folklore ma esclusivamente per fede.

Quest'anno le iniziative in programma erano incentrate sulle celebrazioni per i 130 anni del Simulacro del Gesù Morto.
Il Simulacro, commissionato dal priore dell'epoca Demetrio Martucci, fece il suo ingresso nella chiesa di San Matteo il 26 marzo 1890.
Per questo, domenica 29 marzo avevamo programmato e terremo comunque una solenne celebrazione eucaristica presieduta dal nostro padre spirituale don Giuseppe Abbascià» che peraltro sarà trasmessa in simulcast sulle pagine Facebook della Confraternita del Sacro Cuore, della Basilica Concattedrale, di BisceglieViva e sul nostro sito internet.

«Altro appuntamento completamente nuovo sarebbe stato la Statio Quaresimale presso la Parrocchia Stella Maris in programma dal 13 al 15 marzo scorso. Qui sarebbe rimasto in sosta il simulacro del Gesù Morto in una zona parrocchiale nuova ma in evidente espansione. Purtroppo non sarà possibile, come anche la ritirata della Processione del Venerdì Santo al termine della Via Crucis cittadina trasmessa nel passato in diretta televisiva».

Ci sarebbero state altre manifestazioni in corso d'opera?
«Non sarebbero mancate nemmeno le tradizionali note della passione tramite il seguito della processione nei concerti con la nostra banda cittadina. Poi un'ennesima idea era quella di una mostra multimediale con proiezioni su alcuni edifici di alcuni video e immagini di processioni passate, insieme alla possibilità di esposizione in alcune attività commerciali cittadine che avevamo coinvolto, di quadri del Gesù Morto. Purtroppo per questo anno dovremo accontentarci dei bei ricordi degli scorsi anni».

Come si affronta questa situazione dopo i tanti mesi di duro lavoro organizzativo?
«Sono molto fortunato perché ho un direttivo giovane e dinamico oltre a poter contare sulla collaborazione da parte di molti non confratelli che sono poi diventati amici, e quindi questo ripaga dei sacrifici. Lo stato d'animo non è dei migliori visto il periodo che stiamo attraversando ma è proprio in queste occasioni che il cammino della tradizione, su cui si basa la pietà popolare, deve andare di pari passo con quello della fede.
È proprio la fede che permette di alimentare la passione per la realizzazione di eventi che devono sostenere il momento di preghiera nel periodo della Passione di Cristo.
Ma siamo d'accordo con il consiglio direttivo di riproporre il prossimo anno tutte le attività che non potremo svolgere ora, in questo terribile momento che stiamo vivendo».

Intervista di Benedetto Grillo - Foto di Francesco Vallarella

  • Chiesa Cattolica
  • settimana santa
  • Covid
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti

1606 contenuti
Altri contenuti a tema
Lopalco: «Vaccini a insegnanti e personale scolastico nella fase 2» Lopalco: «Vaccini a insegnanti e personale scolastico nella fase 2» Pronta una bozza della delibera regionale per un rientro in classe in sicurezza
1224 guariti in Puglia nelle ultime 24 ore 1224 guariti in Puglia nelle ultime 24 ore Continua a scendere il numero degli attualmente positivi
Si riduce il numero di attualmente positivi e ricoverati in Puglia Si riduce il numero di attualmente positivi e ricoverati in Puglia Cala anche la percentuale di contagiati rispetto ai tamponi effettuati nelle ultime ore
Emiliano: «Vaccinare gli insegnanti per una scuola sicura» Emiliano: «Vaccinare gli insegnanti per una scuola sicura» Il presidente della Regione Puglia: «Il loro sacrificio ci sta permettendo di tenere bassa la curva dei contagi»
«Chi vaccinerà gli italiani nel momento cruciale della pandemia?» «Chi vaccinerà gli italiani nel momento cruciale della pandemia?» Il sindacato Nursing up: «Decine di infermieri liberi professionisti hanno risposto al bando del Governo e oggi sono totalmente ignorati»
Torna a scendere il dato degli attualmente positivi in Puglia Torna a scendere il dato degli attualmente positivi in Puglia 403 casi e 26 decessi nelle ultime 24 ore
«Siamo finiti a dover chiedere di poter mandare a scuola i nostri figli» «Siamo finiti a dover chiedere di poter mandare a scuola i nostri figli» L'amara riflessione del Coordinamento regionale dei presidenti dei consigli d'istituto
«L'Eccellenza deve ripartire». Il grido dei capitani di 20 squadre «L'Eccellenza deve ripartire». Il grido dei capitani di 20 squadre Tra i firmatari della lettera Vincenzo Bufi dell'Unione Calcio Bisceglie
© 2001-2021 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.