Sfilata per la Festa della Liberazione
Sfilata per la Festa della Liberazione
Politica

Il 25 aprile del sindaco Angarano: «La memoria non basta, bisogna tornare a partecipare»

L'onorevole Galantino: «Rendiamo onore a quanti hanno lottato per consegnarci un'Italia libera e democratica»

Le tradizionali cerimonie per il 74° anniversario della Liberazione si sono svolte anche a Bisceglie nella mattinata di giovedì 25 aprile.

«Oggi è un giorno di Festa che dobbiamo vivere con gioia. Abbiamo il dovere di ricordare e trasmettere, soprattutto ai più giovani. Se oggi siamo uomini liberi, c'è stato un prezzo da pagare. Non dobbiamo dimenticarlo. Un prezzo che i nostri padri, i nostri nonni e i nostri bisnonni hanno pagato per noi» ha commentato il sindaco Angelantonio Angarano, partecipando alle manifestazioni organizzate dal comune insieme alle altre autorità civili, militari e religiose, ai componenti delle associazioni combattentistiche e d'arma, ai rappresentanti di altre associazioni e ad alcune decine di biscegliesi, compresi bambine e bambini che frequentano le scuole primarie della città.

Il corteo, partito come di consueto da Palazzo San Domenico con l'accompagnamento musicale del Gran Concerto Bandistico "Biagio Abbate" - Città di Bisceglie, si è fermato per alcuni minuti davanti alla lapide del Milite Ignoto in via Cardinale Dell'Olio e al cospetto del busto dedicato a Vincenzo Calace in piazza Regina Margherita per la deposizione di due corone di fiori, concludendosi ai piedi del monumento ai Caduti di piazza Vittorio Emanuele II. L'alzabandiera ha preceduto la liturgia della parola, officiata dal vicario zonale don Franco Lorusso, e della lettura di alcune lettere molto toccanti scritte da partigiani prima della condanna a morte.

«I partigiani lottarono fieramente per un'Italia unita, libera e democratica. Sacrificando la loro vita, ci hanno lasciato un'eredità preziosissima che ha consentito di ricostruire il Paese, dopo le macerie della guerra, su pilastri diversi: quelli della libertà di pensiero, di parola e di espressione, del rispetto, della dignità di tutte le persone, dell'uguaglianza. Valori sanciti e tutelati dalla Costituzione, la più bella del mondo, il nostro bene più prezioso» ha affermato Angarano nel corso del suo saluto istituzionale.

«La memoria non basta e rischia di essere fine a sé stessa se non è unita all'impegno quotidiano di ognuno di noi. Oggi sempre più spesso assistiamo ad una preoccupante deriva populista. Dobbiamo coltivare la politica dell'integrazione, del rispetto, dell'accoglienza, della solidarietà, dell'incontro tra culture diverse. Bisogna partecipare attivamente, tornare a fare politica nel senso più ampio del termine. Esprimendosi, dando il nostro punto di vista. Animando l'associazionismo, aumentando l'impegno civile. Questa è la migliore risposta al sovranismo e il modo più efficace per preservare le istituzioni democratiche che la Resistenza ci ha donato» ha concluso il sindaco.

«Partecipare alla Festa della Liberazione non significa essere di destra o sinistra. È una partecipazione di memoria e coscienza storica che dovrebbe coinvolgere tutti gli italiani. Oggi rendiamo onore a quanti, in passato, hanno lottato per consegnarci un'Italia libera e democratica, continuando a difendere questo Paese e i principi della nostra Costituzione» ha dichiarato il parlamentare biscegliese Davide Galantino.
  • Angelantonio Angarano
  • 25 aprile
Altri contenuti a tema
Bilancio annullato, Angarano contrattacca: «Opposizioni irresponsabili» Bilancio annullato, Angarano contrattacca: «Opposizioni irresponsabili» Il sindaco: «Non hanno mai accettato l'esito del voto. Ora spieghino ai biscegliesi il rallentamento di diverse attività»
Angarano alle opposizioni: «Prima di annunciare una conferenza a Palazzo San Domenico si deve chiedere l'autorizzazione» Angarano alle opposizioni: «Prima di annunciare una conferenza a Palazzo San Domenico si deve chiedere l'autorizzazione» Il sindaco: «Nessuno può ritenersi padrone del comune»
Angarano non è Pasquale Angarano non è Pasquale Tutta la sottovalutazione della sentenza del Tar tra «ipotizzati vizi procedurali» e «tecnicismi complessi»
1 Nuove piantumazioni in diverse zone della città per la Giornata nazionale dell'albero Nuove piantumazioni in diverse zone della città per la Giornata nazionale dell'albero Il sindaco Angarano: «Un bel passo avanti per una città sempre più verde»
"Il tempo dei bambini", l'amministrazione presenta l'Atlante dell'infanzia a rischio di Save the Children "Il tempo dei bambini", l'amministrazione presenta l'Atlante dell'infanzia a rischio di Save the Children Iniziativa in occasione della Giornata internazionale per i diritti dell’adolescenza
Bilancio di previsione annullato, l'amministrazione minimizza Bilancio di previsione annullato, l'amministrazione minimizza Il sindaco Angarano: «Non sussistono rischi di scioglimento del consiglio comunale»
Bilancio annullato, Russo: «L'amministrazione getti la spugna» Bilancio annullato, Russo: «L'amministrazione getti la spugna» Il consigliere comunale di opposizione invita sindaco, giunta e maggioranza alle dimissioni
Zes Adriatica, una chance in più per Bisceglie Zes Adriatica, una chance in più per Bisceglie Le opportunità del nuovo strumento illustrate in un convegno al Castello
© 2001-2019 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.