Franco Napoletano. <span>Foto Antonio Lopopolo</span>
Franco Napoletano. Foto Antonio Lopopolo
Politica

Napoletano: «Cosa festeggiano Angarano e Silvestris? Con quei voti non si va nemmeno al ballottaggio»

L'esponente comunista sembra avviato a una ricandidatura a sindaco

«Domenica 12 marzo si sono tenute le pseudo-primarie in salsa biscegliese tra il sindaco Angelantonio Angarano ed il suo alleato corresponsabile Sergio Silvestris». È la severa critica dell'ex primo cittadino di Bisceglie, Franco Napoletano, rispetto alla competizione interna alla coalizione che amministra la città dal 2018.

«Noi de "Il faro-Pci" siamo stati perfettamente neutrali in queste primarie, che abbiamo ritenuto secondarie rispetto ai problemi veri di Bisceglie, non parteggiando per nessuno dei contendenti, di cui siamo stati decisi, ma leali oppositori in questi 5 anni. D'altronde, il termine pseudo deriva dal greco pseudos, che significa "menzogna, falsità" e le primarie del duo Angarano-Silvestris solo apparentemente rassomigliano alle primarie propriamente dette» ha osservato.

«A furia di scimmiottare le usanze americane, da un po' di tempo a questa parte fare le primarie è diventata una moda. Il presupposto è che le primarie siano sinonimo di coinvolgimento democratico degli elettori nelle scelte dei candidati. Il problema è che negli Stati Uniti le primarie tradizionalmente si svolgono unicamente all'interno dei singoli raggruppamenti politici, laddove gli elettori o simpatizzanti sono iscritti in appositi elenchi. Chi appartiene o vota per un partito, in buona sostanza, non può partecipare alle primarie per designare il candidato di un altro partito» ha rilevato l'esponente comunista.

«In Italia, invece, c'è ampio spazio per le "truppe cammellate".
Coloro che appartengono o votano per un partito od una coalizione diversi da quelli che organizzano le primarie possono tranquillamente condizionare le designazioni dei candidati altrui, a seconda che un candidato sia ritenuto più utile di altri. Con annessa esaltazione della "partecipazione democratica". Se così non fosse stato, le recenti primarie del Partito Democratico avrebbero avuto un esito diverso» ha aggiunto.

«A Bisceglie, le primarie vanno addirittura oltre. Le primarie in salsa biscegliese non si limitano ad un partito o ad una coalizione, ma vengono estese a tutti gli elettori del Comune. Caso unico in Italia! Così com'è unico il caso di un sindaco uscente che accetta di fare le primarie con il suo principale alleato.
Hanno votato alle cosiddette primarie biscegliesi 4353 cittadini (meno 36 tra nulle e bianche).
Angarano ha dichiarato di essere "felice" per questa partecipazione e forse pensa ad una nuova edizione della lettera sulla felicità di Epicuro.
Silvestris, da sconfitto, è addirittura entusiasta per una così ampia ed inimmaginabile partecipazione, nonostante le proposte a dir poco assai fantasiose della sua campagna elettorale, che fa il paio con i 5000 posti di lavoro del 2018 e con il "pilu pe' tutti" di Cetto Laqualunque» ha attaccato Napoletano.

«La verità è che se le primarie fossero state limitate alla coalizione che ha malgovernato la città, 4353 votanti sarebbero stati un indubbio successo. Specie se rapportate allo striminzito numero di 1006 votanti delle recenti primarie del Partito Democratico. Ma poiché le primarie targate Angarano-Silvestris sono state estese a tutti i 48.698 elettori biscegliesi aventi diritto, i 4353 votanti delle pseudoprimarie non rappresentano neppure il 10% degli elettori biscegliesi.
Il che significa che Angarano e Silvestris hanno poco da essere felici ed entusiasti, perché con 4353 voti, a maggio, cioè alle elezioni vere, non andrebbero neppure al ballottaggio!» è l'analisi del consigliere comunale di opposizione.

«Devo, comunque, riconoscere che Angarano ha manifestato una buona dose di coraggio, se non di superficialità od incoscienza. Se avesse perduto le primarie, infatti, avrebbe dovuto non appoggiare il vincitore ma ritirarsi a vita privata. In quanto a Silvestris, è evidente che il sol fatto di proporre le primarie, tra lui ed il suo sindaco, implica un giudizio negativo sull'operato dell'educato ma inadatto Angarano. I due, infatti, con i rispettivi sostenitori, non si amano, anzi, si detestano. Ma sono costretti a stare insieme, come dettano le norme della peggiore politica e del fariseismo al potere.

Le conseguenze, naturalmente, le paga la città, che sta conoscendo un periodo di estremo degrado amministrativo, per la pochezza di chi la governa.
La nostra storia, quella di chi non ha mai cambiato bandiera e non si è mai venduto, ma che, nel contempo, ha già dimostrato di saper trasformare Bisceglie, dice che siamo e vogliamo essere diversi da costoro» ha concluso Franco Napoletano, la cui ricandidatura a sindaco appare sicura.
  • Franco Napoletano
  • Sergio Silvestris
  • Elezioni amministrative
  • elezioni comunali
  • primarie Angarano-Silvestris
  • elezioni amministrative 2023
  • elezioni comunali 2023
Altri contenuti a tema
Ricevuta a Palazzo San Domenico la ministra Delina Ibrahimaj - LE FOTO Ricevuta a Palazzo San Domenico la ministra Delina Ibrahimaj - LE FOTO Angarano: «Un incontro proficuo e una giornata all'insegna della collaborazione»
Bandiera Blu, Angarano: «Un grande orgoglio che condivido con tutti voi» Bandiera Blu, Angarano: «Un grande orgoglio che condivido con tutti voi» Bisceglie una delle poche città in Puglia ad aver ottenuto il doppio riconoscimento
Angarano: «Ecco come sarà il nuovo Calvario» Angarano: «Ecco come sarà il nuovo Calvario» In un video mostrato sui social il sindaco ha mostrato come apparirà la zona al termine dei lavori di riqualificazione
Bisceglie ricorda Aldo Moro e le vittime del terrorismo Bisceglie ricorda Aldo Moro e le vittime del terrorismo Angarano: «Un dovere civico ma anche e soprattutto un moto spontaneo, un gesto sentito e condiviso»
Bisceglie rende omaggio ad Aldo Moro e alle vittime del terrorismo e delle stragi Bisceglie rende omaggio ad Aldo Moro e alle vittime del terrorismo e delle stragi Giovedì 9 maggio alle ore 10 la deposizione di una corona di alloro in via Aldo Moro e, a seguire, in via Martiri di via Fani
Festa dei Lavoratori, Bisceglie onora Giuseppe Di Vittorio Festa dei Lavoratori, Bisceglie onora Giuseppe Di Vittorio Mercoledì 1° maggio alle ore 9.30 si terrà la deposizione di una corona di alloro al monumento dedicato al sindacalista cerignolano in piazza Vittorio Emanuele II
Il Torrione, Bisceglie Tricolore e Massimo Impegno: «Sostegno all’Amministrazione continua con coerenza e impegno» Il Torrione, Bisceglie Tricolore e Massimo Impegno: «Sostegno all’Amministrazione continua con coerenza e impegno» La nota di consiglieri e assessori comunali
Tonia Spina: «Sergio porterà la sua esperienza a supporto dell'opposizione» Tonia Spina: «Sergio porterà la sua esperienza a supporto dell'opposizione» La nota della coordinatrice cittadina di Fratelli d’Italia
© 2001-2024 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.