Ospedale Covid (repertorio)
Ospedale Covid (repertorio)
Attualità

Ospedale di Bisceglie, le riflessioni e gli interrogativi di Rocco Prete

Osservazioni da semplice cittadino: «Perché aspettare che i posti letto siano interamente occupati per rafforzare le unità ausiliari?»

Le sue, lo specifica, sono osservazioni di semplice cittadino che ha a cuore le sorti di Bisceglie e nella fattispecie dell'ospedale «che qualcuno» è il suo timore «vorrebbe far chiudere definitivamente». Le riflessioni di Rocco Prete in merito all'ultima querelle riguardante il "Vittorio Emanuele II" suscitano comunque interrogativi interessanti.

«Scuserete la mia curiosità ma, dopo aver letto su BisceglieViva quanto dichiarato dal Commissario straordinario dell'azienda sanitaria locale Alessandro Delle Donne (clic per saperne di più) in risposta alle problematiche lamentate dalla Fials (clic per saperne di più) non posso che soffermami un attimo e pormi alcune domande. Perchè aspettare che i posti letto siano interamente occupati per rafforzare le unità ausiliari già in affanno?
Ma soprattutto, per quale motivo il nostro è stato individuato quale unico Covid hospital nella Bat? Chi lo ha deciso?
Perché non si sono calmierati un tot numero di "posti letto covid" anche nelle altre strutture ospedaliere della provincia al fine di poter continuare regolarmente lo svolgimento delle attività in tutti gli altri reparti? Bastava creare percorsi alternativi in ogni struttura, operazione eseguita tra l'altro in molti nosocomi di altre regioni, al fine di garantire la funzionalità integrale di ogni ospedale e di ogni reparto».

Prete ha ricordato come già tempo fa pose riflessioni analoghe (clic per saperne di più) e ha esrtoato il Sindaco di Bisceglie, Angelantonio Angarano, «ad intervenire con urgenza in merito, pur se temo che anche questa volta farà finta di non sapere nulla. Rivolgo lo stesso invito a tutti i consiglieri comunali della nostra città (sia di maggioranza che di minoranza) affinchè prendano posizione in merito perché il nostro ospedale è di interesse per l'intera comunità!». L'opportunità è propizia per «ringraziare i medici e tutti gli operatori sanitari impegnati in prima linea e che in questo momento particolare rischiano più di altri».

Quanto all'incidenza dei ricoveri per Covid sul totale dei posti letto a disposizione, Prete ha chiuso con un'altra riflessione: «Credo sia chiaro ai più come le notizie riportate spesso possano indurci a considerazioni errate. Un esempio pratico è che nella provincia Bat al momento pare ci siano 45 ricoverati su una popolazione di circa 400mila abitanti ovvero lo 0.0001%».
  • Asl Bt
  • Rocco Prete
  • Alessandro Delle Donne
Altri contenuti a tema
Ospedale, Fials Bat plaude alla riattivazione delle unità operative Ospedale, Fials Bat plaude alla riattivazione delle unità operative Somma e Di Liddo: «L'avevamo chiesta da tempo, considerata la netta diminuzione dei ricoveri per Covid»
Ospedale, Sasso: «Finalmente si riapre alle attività ordinarie» Ospedale, Sasso: «Finalmente si riapre alle attività ordinarie» Il segetario del Pd: grato a tutti coloro «che con grande sacrificio hanno sostenuto la dura battaglia contro il Covid»
L'ospedale di Bisceglie non sarà più esclusivamente dedicato ai casi Covid L'ospedale di Bisceglie non sarà più esclusivamente dedicato ai casi Covid Prevista la progressiva riapertura delle altre unità operative
Covid, attualmente positivi in Puglia vicini a scendere sotto quota 2000 Covid, attualmente positivi in Puglia vicini a scendere sotto quota 2000 Dati sulle ospedalizzazioni sostanzialmente invariati
Covid in Puglia, diminuisce il dato dei ricoverati Covid in Puglia, diminuisce il dato dei ricoverati Appena 42 nuovi casi positivi registrati nelle ultime ore
Bollettino Covid, dati stabili in Puglia nelle ultime ore Bollettino Covid, dati stabili in Puglia nelle ultime ore Registrato un decesso. Restano 152 i ricoverati
«Non hanno assolto agli obblighi vaccinali». Sospesi 21 operatori sanitari dell'Asl Bt «Non hanno assolto agli obblighi vaccinali». Sospesi 21 operatori sanitari dell'Asl Bt Delle Donne: «Atto dovuto»
Vaccini anti-Covid, il 78% dei giovani nella Bat ha ricevuto almeno la prima dose Vaccini anti-Covid, il 78% dei giovani nella Bat ha ricevuto almeno la prima dose Il 75% dell'intera popolazione vaccinabile ha già completato il ciclo. Terze dosi in somministrazione per i pazienti fragili
© 2001-2021 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.