Pasquale De Toma
Pasquale De Toma
Politica

Pasquale De Toma è il nuovo presidente facente funzioni della provincia. Come cambia il consiglio

Nominato vicepresidente da Giorgino poche ore prima della caduta dell'amministrazione comunale di Andria, gli subentrerà

L'amministrazione comunale della vicina Andria è stata battuta nel voto sul bilancio di previsione 2019 durante il consiglio comunale di mercoledì 17 aprile (qui il resoconto di AndriaViva), ragione per cui il sindaco Nicola Giorgino è stato di fatto destituito e l'assemblea sarà sciolta, con l'imminente nomina di un Commissario prefettizio che guiderà la città (101 mila abitanti) fino a ottobre 2020.

La frattura interna al centrodestra andriese e il dissenso di cinque consiglieri di Forza Italia ha spostato gli equilibri politici determinando una situazione che ha delle ripercussioni anche sulla provincia Bat, che a termini di regolamenti non sarà più presieduta dallo stesso Giorgino, decaduto insieme ai quattro rappresentanti di Andria sui dodici componenti totali del consiglio (che peraltro non si riunisce dallo scorso 28 dicembre).

L'esponente ritenuto vicino alla Lega, intuendo il rischio di finire sotto nella votazione sul bilancio comunale, ha nominato un vicepresidente della provincia (da individuare fra i consiglieri) evitando così un clamoroso commissariamento anche della Bat. La scelta è ricaduta sul tranese Pasquale De Toma, consigliere comunale di Forza Italia, suscitando polemiche feroci a causa della parentela tra Giorgino e colui che in effetti sarà il suo successore.

Muta anche la composizione dell'assemblea provinciale: Giovanna Bruno e Lorenzo Marchio Rossi del Partito Democratico saranno rilevati da Barbara Costabile di Spinazzola e dalla barlettana Rosa Cascella; a Gennaro Lorusso di Insieme per la Bat (lista di centrodestra) subentrerà Giuseppe Arcangelo Di Paola di San Ferdinando mentre Laura Di Pilato di Fronte Democratico sarà rimpiazzata dal tranese Beppe Corrado. L'organo è formato anche dal dem Carlo Avantario (ex sindaco di Trani), dal barlettano Gigi Antonucci, dall'ex primo cittadino di San Ferdinando Michele Lamacchia, dal biscegliese Pierpaolo Pedone, da Cosimo Damiano Albore di Trinitapoli, Massimiliano Bevilacqua di Minervino Murge e Savino Tesoro di Margherita di Savoia. In definitiva: tre tranesi (compreso il nuovo presidente facente funzioni), due barlettani, due sanferdinandesi, un biscegliese, un trinitapolese, un minervinese, un margheritano e una spinazzolese. Andria, il comune più popoloso della provincia, perde la rappresentanza.
© riproduzione riservata
  • Provincia Bat
  • Nicola Giorgino
  • consiglio provinciale
  • Pasquale De Toma
Altri contenuti a tema
Salta la riunione del consiglio provinciale Salta la riunione del consiglio provinciale Situazione bloccata: manca il decreto di scioglimento del consiglio comunale di Andria
Controllo e manutenzione impianti termici, la protesta degli impiantisti contro la provincia Controllo e manutenzione impianti termici, la protesta degli impiantisti contro la provincia «Gravi inadempienze e nessuna informazione. Una farsa per la comunità»
Laura Di Pilato: «Che fine ha fatto il consiglio provinciale?» Laura Di Pilato: «Che fine ha fatto il consiglio provinciale?» L'esponente di Fronte Democratico: «Tutto tace. L'ultima riunione si è tenuta il 27 dicembre»
Lunedì il sorteggio dei componenti del collegio dei revisori dei conti della provincia Lunedì il sorteggio dei componenti del collegio dei revisori dei conti della provincia Seduta pubblica in Prefettura
Laura Di Pilato chiede una gestione oculata dei finanziamenti governativi per le scuole della Bat Laura Di Pilato chiede una gestione oculata dei finanziamenti governativi per le scuole della Bat Il consigliere provinciale di Fronte Democratico: «Eseguiti lavori urgenti all'istituto "Dell'Olio"»
Intesa sul salario accessorio per la provincia Bat Intesa sul salario accessorio per la provincia Bat Sottoscritto anche il contratto decentrato. La soddisfazione delle organizzazioni sindacali
Giorgino: «Regione e Parlamento insensibili alla crisi del settore olivicolo» Giorgino: «Regione e Parlamento insensibili alla crisi del settore olivicolo» Il presidente della provincia punta il dito contro deputati e senatori del territorio
La provincia replica a un intervento del dirigente scolastico del "Dell'Olio" La provincia replica a un intervento del dirigente scolastico del "Dell'Olio" «Siamo tutt'altro che assenti»
© 2001-2019 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.