Mappa della presenza delle organizzazioni criminali nella Bat
Mappa della presenza delle organizzazioni criminali nella Bat
Cronaca

Relazione semestrale Dia, Bisceglie è una "terra di mezzo" che fa gola ai clan

Preoccupa la recrudescenza dei furti d'auto e negli appartamenti

La criminalità organizzata ha smesso da tempo di considerare Bisceglie "zona franca". Le avvisaglie dell'inversione di tendenza, divenute eloquenti nel 2017 - anno caratterizzato dal compimento di ben due omicidi - non sembrano aver indotto la comunità a percepire diversamente lo "status" della propria città. I biscegliesi, malgrado la recrudescenza di alcuni fenomeni connessi ad un certo sistema criminale come il sensibile incremento dei furti di autovetture e negli appartamenti, finanche delle rapine all'interno di abitazioni e ville, sono ancora ben lontani dal considerarsi cittadini di un territorio nel quale i metodi mafiosi si palesano sempre più. Una "terra di mezzo" che fa gola.

La relazione del ministro dell'interno al Parlamento sull'attività svolta ed i risultati conseguiti dalla Dia (Direzione investigativa antimafia) nel primo semestre del 2021, diffusa in queste ore, si è concessa una deroga nel dare conto dell'iniziativa assunta dalla presidenza del consiglio comunale di Bisceglie, che il 26 giugno (quindi in un periodo extra rispetto all'arco temporale del documento diffuso dal Viminale) ha promosso l'incontro pubblico "Mafie in provincia. Su la testa", tenutosi allo Sporting Club (link) con la partecipazione del capo della Procura di Trani Renato Nitti, del sostituto procuratore della Direzione nazionale antimafia Giuseppe Gatti e di Sua Eccellenza Monsignor Leonardo D'Ascenzo, Arcivescovo di Trani-Barletta-Bisceglie. Emersero spunti di una certa sostanza, raccolti in riflessioni che andrebbero rilette a quasi dieci mesi di distanza.
«Tracciando le coordinate di un fenomeno criminale che si coniuga con quello delle limitrofe organizzazioni criminali baresi, foggiane e cerignolane sarebbe emerso come le mafie autoctone tendano a depauperare e a depredare il territorio portando alle estreme conseguenze la connotazione lucrativa delle mafie baresi» è quanto osservato nella relazione a proposito della Bat. «La complessità delle dinamiche delinquenziali mafiose e di quelle della malavita comune, nonché la percezione della potenziale permeabilità della cosa pubblica da parte della criminalità organizzata sarebbero alla base della decisione di insediare nel territorio la Questura ad Andria, il Comando provinciale dei Carabinieri a Trani e il Comando provinciale della Guardia di Finanza a Barletta».

Il nervo scoperto, a Bisceglie come nelle città più popolose della sesta provincia pugliese, è quello relativo all'eccellenza del tessuto economico-produttivo a rischio di ripercussioni negative anche a seguito dell'emergenza Covid, oggetto di «effervescenze operative» e «insaziabili "appetiti" della criminalità organizzata su questa particolare area geografica». La fascia costiera (Margherita di Savoia - Barletta - Trani - Bisceglie), sulla quale insistono le prevalenti attività turistiche e di ristorazione, è particolarmente "ambita" così come l'entroterra rurale «gravato da una forte incidenza di reati predatori, danneggiamenti ed estorsioni che affliggono soprattutto il settore agricolo. Il fenomeno della micro e macro criminalità è divenuto pressante e pericoloso per la stessa incolumità degli agricoltori vista la consumazione dei crimini con l'intimidazione ed il ricatto». Un quadro fosco al quale si aggiunge «il pericolo della pervicace interferenza della criminalità nell' impiego distorto dei fondi europei». La Dia ha rimarcato le «significative misure interdittive antimafia adottate dal Prefetto di Barletta-Andria-Trani nei confronti di società di consulenza imprenditoriale e finanziaria nei settori agricoli e industriali ritenute vicine al sodalizio criminale dei Delli Carri, costola della "macrostruttura mafiosa" Sinesi-Francavilla. Il consolidamento di alcuni dei sodalizi locali è conseguenza delle sinergie avviate con gruppi di altre province nella consumazione di specifiche attività illecite quali, in primis, quelle legate al traffico di stupefacenti, un settore che non accenna a subire contrazioni nonostante le limitazioni al movimento delle persone».

Le mani della criminalità andriese su Bisceglie? Sembrerebbe così. Gli arresti nel clan tranese Corda-Lamolino «potrebbero aver determinato l'accrescere delle mire espansionistiche di altri gruppi andriesi interessati a Bisceglie» è l'analisi contenuta nella relazione, alla luce dell'indebolimento di quel sodalizio criminale in favore del gruppo Colangelo. La mappa diffusa dalla Dia fa riferimento alla presenza di referenti del clan Capriati in città, dediti soprattutto al traffico di stupefacenti, mentre i responsabili dei furti di auto (e non solo di grossa cilindrata) agirebbero con il supporto logistico sul posto di alcuni fiancheggiatori biscegliesi ma sarebbero sempre provenienti dalle città di Cerignola, Andria e Bitonto.
  • Direzione Investigativa Antimafia
  • mafia
  • criminalità
  • emergenza criminalità
Altri contenuti a tema
Matteo Messina Denaro arrestato dai Ros in una clinica di Palermo Matteo Messina Denaro arrestato dai Ros in una clinica di Palermo Si è conclusa, dopo 30 anni, la latitanza del temuto boss mafioso
Questura Bat, i risultati operativi del 2022 Questura Bat, i risultati operativi del 2022 Circa 850 le denunce presentate nell'anno solare, 150 le autovetture rubate che la Polizia di Stato ha ritrovato e restituito ai legittimi proprietari
Nasce in Prefettura un osservatorio sulle tensioni economico-sociali Nasce in Prefettura un osservatorio sulle tensioni economico-sociali Sarà formalmente istituito nelle prossime settimane
Contrasto alle infiltrazioni criminali nelle grandi opere, incontro in Prefettura Contrasto alle infiltrazioni criminali nelle grandi opere, incontro in Prefettura Giornata promossa con l'obiettivo di rafforzare il monitoraggio antimafia nel settore delle infrastrutture
Boccia: «Uniamo le forze per sconfiggere criminalità e baby gang» Boccia: «Uniamo le forze per sconfiggere criminalità e baby gang» Le parole del senatore biscegliese a margine dell'incontro con il Prefetto Riflesso
Bisceglie nella tenaglia fra la criminalità del territorio e le mire dei clan baresi e foggiani Bisceglie nella tenaglia fra la criminalità del territorio e le mire dei clan baresi e foggiani È quanto emerge dalla relazione sull'attività svolta dalla Direzione investigativa antimafia nel secondo semestre 2021
Mafie nella Bat, il procuratore Nitti: «Clan aperturisti e tolleranti» Mafie nella Bat, il procuratore Nitti: «Clan aperturisti e tolleranti» «Non c'è controllo esclusivo del territorio»
Operazione "Zemra", ai domiciliari un 46enne biscegliese Operazione "Zemra", ai domiciliari un 46enne biscegliese Secondo l'ipotesi investigativa avrebbe fatto parte di un'organizzazione accusata di reati a vario titolo
© 2001-2023 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.