La Procura di Lecce
La Procura di Lecce
Cronaca

Savasta si avvale della facoltà di non rispondere, Nardi e Di Chiaro respingono le accuse

Il gip per tre ore sotto interrogatorio

Ha deciso di non rispondere ai giudici il magistrato Antonio Savasta, l'ex pubblico ministero della Procura di Trani arrestato lunedì 14 gennaio con l'accusa di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari.

Savasta è stato il primo a comparire davanti al gip di Lecce Giovanni Gallo, insieme ai suoi difensori, per l'interrogatorio di garanzia. La scelta di avvalersi della facoltà di non rispondere, secondo quanto spiegato i legali Guido Calvi e Massimo Manfreda all'Ansa, deriva dalla necessità di guardare con attenzione tutte le carte dell'inchiesta.

Hanno invece risposto, respingendo tutte le accuse, il magistrato Michele Nardi e l'ispettore di polizia Vincenzo Di Chiaro.

Nardi, pubblico ministero a Roma ma all'epoca dei fatti contestati gip a Trani, ha risposto per circa tre ore alle domande del gip di Lecce Roberta Licci, respingendo tutte le accuse, fornendo spunti per verificare e riscontrare le dichiarazioni rese. Come riferito dall'Ansa, Nardi si è detto completamente innocente, attribuendo le accuse a dissidi di natura personale col suo principale accusatore, l'imprenditore di Corato Flavio D'Introno. Contrasti che Nardi avrebbe ricondotto alla vicenda della ristrutturazione di una villa di proprietà di sua moglie a Trani. Riguardo la presunta associazione per delinquere che lo vedrebbe coinvolto insieme all'ex pm di Trani Antonio Savasta Nardi ha riferito di non aver avuto con questi rapporti amicali, anzi. Quando entrambi erano in servizio a Trani i loro rapporti si sarebbero deteriorati per disparità di vedute e di comportamenti. Al termine dell'interrogatorio il gip Gallo si è riservato di decidere.

In merito alla deposizione di Di Chiaro, il legale Tiziana Tandoi ha riferito che il suo assistito ha accettato di rispondere ma non ha riferito alla stampa i contenuti della deposizione.
  • Antonio Savasta
Altri contenuti a tema
1 Savasta assolto in Cassazione per il caso del terreno adiacente a Masseria San Felice Savasta assolto in Cassazione per il caso del terreno adiacente a Masseria San Felice L'ex magistrato non commise alcun reato nelle fasi dell'acquisto dal biscegliese Cosmai
Lorusso sul caso Masseria San Felice: «L'amministrazione non faccia come le "tre scimmiette"» Lorusso sul caso Masseria San Felice: «L'amministrazione non faccia come le "tre scimmiette"» Riflessioni "a voce alta" dell'ex sindaco di Bisceglie
Replica a Biagio Lorusso su Masseria San Felice Replica a Biagio Lorusso su Masseria San Felice Laura Alfarano, cognata del giudice Savasta: «Dov'erano le istituzioni quando quel luogo era abbandonato?»
Savasta, spunta il pignoramento dello stipendio per la questione Masseria San Felice Savasta, spunta il pignoramento dello stipendio per la questione Masseria San Felice I "mancati soci" del pm rivendicano la restituzione delle somme versate per la cessione - mai avvenuta - delle quote di proprietà della struttura
1 In carcere due giudici già in servizio alla Procura di Trani In carcere due giudici già in servizio alla Procura di Trani Manette anche per un ispettore di polizia del Commissariato di Corato
2 Caso Masseria San Felice, rinviati a giudizio l'ex pm di Trani Savasta e i dirigenti comunali Losapio e Misino Caso Masseria San Felice, rinviati a giudizio l'ex pm di Trani Savasta e i dirigenti comunali Losapio e Misino Dovranno comparire presso il Tribunale monocratico di Lecce per rispondere delle accuse di lottizzazione abusiva e violazione del codice dei beni culturali e del paesaggio
© 2001-2019 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.