Masseria San Felice
Masseria San Felice
Attualità

Replica a Biagio Lorusso su Masseria San Felice

Laura Alfarano, cognata del giudice Savasta: «Dov'erano le istituzioni quando quel luogo era abbandonato?»

Laura Alfarano, moglie di Francesco e cognata del giudice Antonio Savasta, ha inteso replicare alla lettera aperta inviata dall'avvocato Biagio Lorusso a BisceglieViva e pubblicata in esclusiva dal nostro sito il 18 febbraio scorso.

«Egregio avvocato Biagio Lorusso,
mi permetto di rispondere alla sua lettera aperta per ossequio di verità.
Mi sono occupata personalmente, dopo averla acquistata con mio cognato Antonio Savasta, del recupero di quella dimora, fino ad allora ignorata e abbandonata da privati ed istituzioni, la cui inerzia aveva reso un luogo di nobili origini anche un rifugio di contrabbandieri.

Tanti sforzi, fatica e risorse impiegate, oltre all'amore di tanti tra amici e familiari, avevano reso possibile ciò che sembrava non esserlo.
Poi la mia decisione di farne attività commerciale, inizialmente con lo scopo di aprire al pubblico un luogo affascinante e autentico ed in seguito, costretta a cederne la gestione, per liberarmi dalle pressioni di un fantomatico socio che un maledetto e maldestro accordo di mio cognato ne aveva nutrito le aspettative illegittime. E poi le vicende giudiziarie, la "fraudolenta donazione" che fraudolenta non era, e infine, la beffa della "accusa di lottizzazione abusiva", nonostante fosse stato seguito l'iter definito dagli Uffici preposti.

Violazioni di tutele ambientali e paesaggistiche inesistenti per ciò che solo oggi Lei ex sindaco definisce "monumentale". Pertanto, oggi mi sorgono i seguenti interrogativi: dov'era Lei e tutte le giunte che lo hanno preceduto quando quell'edificio veniva abbandonato come tutta la civiltà rurale del territorio? Dov'erano le istituzioni, quando si sono distrutti gran parte dei muretti a secco? Dov'erano le istituzioni e dove sono, considerando lo stato di abbandono di gran parte dei casali di cui esempio tangibile è il Casale dei Monaci? Dove sono le istituzioni che consentono che la campagna biscegliese diventi una discarica a cielo aperto?

E faccio le seguenti considerazioni personali: troppo comodo chiamare quella Masseria un monumento, dopo che dei privati cittadini, che avrebbero potuto anche abbatterla, si sono indebitati per restituire la bellezza originaria. Troppo comodo rievocare l'interesse pubblico quando il privato si è legittimamente sostituito alla colpevole inerzia delle amministrazioni. Troppo comodo parlare di investimenti per il turismo rurale e sfruttamento delle risorse agricole, quando chi lo fa si ritrova in un vero e proprio campo minato nel quale le insidie burocratiche vengono utilizzate per fini politici o giudiziari.

Riguardo alla narrazione dei fatti da Lei fatta, non credo sia necessario ricordare quanti mezzi ci siano per cogliere la flagranza di un reato, pertanto mi piace pensare più ad una memoria fallace che ad una scarsa capacità professionale. Ai vari soggetti che in questi ultimi giorni si aggirano intorno alla moribonda immagine pubblica di un Magistrato chiedo il rispetto del dramma che noi familiari stiamo vivendo e di non strumentalizzare le disgrazie altrui a fini propagandistici e di guardarsi la coscienza prima di "affrettarsi" a scagliare la pietra».

Laura Alfarano ha allegato anche il testo di un articolo giornalistico nel quale è descritto l'excursus storico del luogo.
  • Antonio Savasta
  • Masseria San Felice
  • Biagio Lorusso
Altri contenuti a tema
1 Savasta assolto in Cassazione per il caso del terreno adiacente a Masseria San Felice Savasta assolto in Cassazione per il caso del terreno adiacente a Masseria San Felice L'ex magistrato non commise alcun reato nelle fasi dell'acquisto dal biscegliese Cosmai
Lorusso sul caso Masseria San Felice: «L'amministrazione non faccia come le "tre scimmiette"» Lorusso sul caso Masseria San Felice: «L'amministrazione non faccia come le "tre scimmiette"» Riflessioni "a voce alta" dell'ex sindaco di Bisceglie
Lettera aperta di Biagio Lorusso sul caso Masseria San Felice Lettera aperta di Biagio Lorusso sul caso Masseria San Felice L'ex sindaco: «Ritengo ci siano sufficienti motivi per procedere alla revoca-annullamento della variante e del relativo permesso a costruire»
Savasta, spunta il pignoramento dello stipendio per la questione Masseria San Felice Savasta, spunta il pignoramento dello stipendio per la questione Masseria San Felice I "mancati soci" del pm rivendicano la restituzione delle somme versate per la cessione - mai avvenuta - delle quote di proprietà della struttura
Savasta si avvale della facoltà di non rispondere, Nardi e Di Chiaro respingono le accuse Savasta si avvale della facoltà di non rispondere, Nardi e Di Chiaro respingono le accuse Il gip per tre ore sotto interrogatorio
1 In carcere due giudici già in servizio alla Procura di Trani In carcere due giudici già in servizio alla Procura di Trani Manette anche per un ispettore di polizia del Commissariato di Corato
Biagio Lorusso rende omaggio a Gino Farace Biagio Lorusso rende omaggio a Gino Farace Il cordoglio dell'ex sindaco di Bisceglie per la scomparsa del già primo cittadino di Bari
2 Caso Masseria San Felice, rinviati a giudizio l'ex pm di Trani Savasta e i dirigenti comunali Losapio e Misino Caso Masseria San Felice, rinviati a giudizio l'ex pm di Trani Savasta e i dirigenti comunali Losapio e Misino Dovranno comparire presso il Tribunale monocratico di Lecce per rispondere delle accuse di lottizzazione abusiva e violazione del codice dei beni culturali e del paesaggio
© 2001-2019 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.