Antonio Savasta
Antonio Savasta
Cronaca

Savasta assolto in Cassazione per il caso del terreno adiacente a Masseria San Felice

L'ex magistrato non commise alcun reato nelle fasi dell'acquisto dal biscegliese Cosmai

Antonio Savasta, ex pubblico ministero di Trani, è stato assolto in Cassazione per una delle vicende riguardanti Masseria San Felice.

Il procedimento a suo carico, inerente l'acquisto del terreno confinante alla struttura appartenuto in precedenza al 71enne biscegliese Donato Cosmai, si è concluso al terzo grado di giudizio con le valutazioni dei componenti della VI sezione penale.

Secondo l'ipotesi dell'accusa, peraltro smontata dalle sentenze di primo e secondo grado, Savasta avrebbe ottenuto un prezzo molto conveniente per l'acquisto dell'appezzamento di terreno utilizzando il potere legato al suo ruolo nella magistratura (sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Trani) all'epoca della compravendita. Nelle varie fasi del processo è emersa la congruità della cifra versata da Francesco Paolo Savasta (il fratello dell'ex pm, acquirente) pari a 33 mila euro, al contrario di quanto sostenuto dal venditore, che nelle sue denunce ha sempre ritenuto il valore del terreno aggirarsi intorno ai 100 mila euro.

La Cassazione, chiamata in causa dall'impugnazione della sentenza di appello presentata da Cosmai, ha ritenuto il ricorso inammissibile, sancendo l'assoluzione e chiudendo, in pratica, la vicenda.

Savasta, arrestato il 14 gennaio del 2019 con l'accusa di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari e al falso, ha ottenuto gli arresti domiciliari lo scorso 29 marzo.

© riproduzione riservata
  • Antonio Savasta
  • Masseria San Felice
Altri contenuti a tema
Lorusso sul caso Masseria San Felice: «L'amministrazione non faccia come le "tre scimmiette"» Lorusso sul caso Masseria San Felice: «L'amministrazione non faccia come le "tre scimmiette"» Riflessioni "a voce alta" dell'ex sindaco di Bisceglie
Replica a Biagio Lorusso su Masseria San Felice Replica a Biagio Lorusso su Masseria San Felice Laura Alfarano, cognata del giudice Savasta: «Dov'erano le istituzioni quando quel luogo era abbandonato?»
Lettera aperta di Biagio Lorusso sul caso Masseria San Felice Lettera aperta di Biagio Lorusso sul caso Masseria San Felice L'ex sindaco: «Ritengo ci siano sufficienti motivi per procedere alla revoca-annullamento della variante e del relativo permesso a costruire»
Savasta, spunta il pignoramento dello stipendio per la questione Masseria San Felice Savasta, spunta il pignoramento dello stipendio per la questione Masseria San Felice I "mancati soci" del pm rivendicano la restituzione delle somme versate per la cessione - mai avvenuta - delle quote di proprietà della struttura
Savasta si avvale della facoltà di non rispondere, Nardi e Di Chiaro respingono le accuse Savasta si avvale della facoltà di non rispondere, Nardi e Di Chiaro respingono le accuse Il gip per tre ore sotto interrogatorio
1 In carcere due giudici già in servizio alla Procura di Trani In carcere due giudici già in servizio alla Procura di Trani Manette anche per un ispettore di polizia del Commissariato di Corato
2 Caso Masseria San Felice, rinviati a giudizio l'ex pm di Trani Savasta e i dirigenti comunali Losapio e Misino Caso Masseria San Felice, rinviati a giudizio l'ex pm di Trani Savasta e i dirigenti comunali Losapio e Misino Dovranno comparire presso il Tribunale monocratico di Lecce per rispondere delle accuse di lottizzazione abusiva e violazione del codice dei beni culturali e del paesaggio
© 2001-2019 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.