Michele Emiliano
Michele Emiliano
Scuola

Scuola, Emiliano firma la nuova ordinanza: le novità dal 25 gennaio

Confermata la libera scelta per elementari e medie. Le superiori ritorneranno in classe al 50% dal 1 febbraio

Nel primo pomeriggio di venerdì 22 gennaio il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha firmato la nuova ordinanza relativa al tema scuola. Tante le novità inserite nel provvedimento, che ha validità da lunedì 25 fino al 6 febbraio.

Dal 25 fino al 30 gennaio

Confermata la didattica a distanza al 100%, per un'ulteriore settimana, negli istituti superiori. Elementari e medie restano in presenza, con la possibilità per le famiglie di richiedere espressamente di adottare la didattica digitale integrata.
  1. L'attività didattica ed educativa per i servizi educativi per l'infanzia, per la scuola dell'infanzia, per le elementari e le medie si deve svolgere integralmente in presenza (È obbligatorio l'uso di dispositivi di protezione delle vie respiratorie, fatta eccezione per i bambini di età inferiore ai 6 anni e per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l'uso della mascherina);
  2. Le istituzioni scolastiche del primo ciclo di istruzione nonché i Cpia garantiscono comunque il collegamento online in modalità sincrona per tutti gli alunni le cui famiglie, o loro stessi ove maggiorenni nel caso dei Cpia, richiedano espressamente di adottare la didattica digitale integrata, tenendo presente che agli studenti che hanno chiesto la didattica digitale integrata, non può essere imposta la didattica in presenza. Tale scelta è esercitata una sola volta e per l'intero periodo di vigenza delle presenti disposizioni, salvo deroga rimessa alle valutazioni del dirigente scolastico;
  3. Le Istituzioni Scolastiche secondarie di secondo grado, adottano forme flessibili nell'organizzazione dell'attività didattica ai sensi degli articoli 4 e 5 del decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275, in modo che il 100 per cento delle attività sia svolta tramite il ricorso alla didattica digitale integrata. Resta sempre garantita la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l'uso di laboratori o per mantenere una relazione educativa che realizzi l'effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, secondo quanto previsto dal decreto del Ministro dell'istruzione n. 89 del 7 agosto 2020, e dall'ordinanza del Ministro dell'istruzione n. 134 del 9 ottobre 2020, garantendo comunque il collegamento on line con gli alunni della classe che sono in didattica digitale integrata.

Dall'1 al 6 febbraio

Per le superiori ci sarà il ritorno in classe al 50% dell'intera popolazione scolastica. Le istituzioni scolastiche dovranno organizzare le attività, nell'ambito della propria autonomia. Resterà tutto invariato per l'infanzia, le elementari e le medie.
  1. L'attività didattica ed educativa per i servizi educativi per l'infanzia, per la scuola dell'infanzia, per le elementari e le medie si deve svolgere integralmente in presenza (È obbligatorio l'uso di dispositivi di protezione delle vie respiratorie, fatta eccezione per i bambini di età inferiore ai 6 anni e per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l'uso della mascherina);
  2. Le Istituzioni scolastiche del primo ciclo di istruzione, per i Cpia garantiscono comunque il collegamento online in modalità sincrona per tutti gli alunni le cui famiglie, o loro stessi ove maggiorenni nel caso dei Cpia, richiedano espressamente di adottare la didattica digitale integrata, tenendo presente che a coloro che hanno chiesto la didattica digitale integrata, non può essere imposta la didattica in presenza. Tale scelta è esercitata una sola volta e per l'intero periodo di vigenza delle presenti disposizioni, salvo deroga rimessa alle valutazioni del dirigente scolastico;
  3. Le Istituzioni Scolastiche secondarie di secondo grado, adottano forme flessibili nell'organizzazione dell'attività didattica ai sensi degli articoli 4 e 5 del decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275, in modo che l'attività didattica in presenza venga svolta nel limite del 50% della popolazione scolastica. A tal fine, nell'ambito della propria autonomia, le istituzioni scolastiche organizzano le attività scolastiche, applicando preferibilmente la percentuale ad ogni singola classe e garantendo comunque la didattica digitale integrata per tutti gli studenti le cui famiglie ne facciano richiesta, tenendo presente che a coloro che hanno chiesto la didattica digitale integrata, non può essere imposta la didattica in presenza. Tale scelta è esercitata una sola volta e per l'intero periodo di vigenza delle presenti disposizioni, salvo deroga rimessa alle valutazioni del Dirigente scolastico. Resta sempre garantita la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l'uso di laboratori o per mantenere una relazione educativa che realizzi l'effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, secondo quanto previsto dal decreto del Ministro dell'istruzione n. 89 del 7 agosto 2020, e dall'ordinanza del Ministro dell'istruzione n. 134 del 9 ottobre 2020, garantendo comunque il collegamento on line con gli alunni della classe che sono in didattica digitale integrata.
  • Regione Puglia
  • Michele Emiliano
  • didattica a distanza
Altri contenuti a tema
Covid, 1123 casi in Puglia nelle ultime 24 ore Covid, 1123 casi in Puglia nelle ultime 24 ore Torna a salire il dato degli attualmente positivi
Covid, terza rilevazione in Puglia: variante inglese nel 47.5% dei campioni Covid, terza rilevazione in Puglia: variante inglese nel 47.5% dei campioni Lopalco: «Confermata necessità di alzare il livello di attenzione»
La Puglia si conferma in zona gialla La Puglia si conferma in zona gialla Indice Rt pari a 0.95 e inferiore a quello nazionale
Un'altra giornata con oltre mille nuovi casi positivi in Puglia Un'altra giornata con oltre mille nuovi casi positivi in Puglia Resta significativo il numero di pazienti ricoverati negli ospedali del territorio
Ordinanza scuola, il Tar dà ragione a Emiliano Ordinanza scuola, il Tar dà ragione a Emiliano Respinto il ricorso presentato da un gruppo di genitori
Emiliano: «Se vogliamo la scuola aperta in presenza, dobbiamo vaccinarla» Emiliano: «Se vogliamo la scuola aperta in presenza, dobbiamo vaccinarla» Il governatore ai ministri Gelmini e Speranza: «Si decida di utilizzare la didattica a distanza in questa fase. Non farlo sarebbe un'omissione di misure di sicurezza sul lavoro»
Emergenza Covid, rimborso straordinario degli affitti per gli studenti universitari Emergenza Covid, rimborso straordinario degli affitti per gli studenti universitari Misura promossa dalla Regione col supporto dell'Adisu
Cala ancora il numero degli attualmente positivi in Puglia Cala ancora il numero degli attualmente positivi in Puglia Stabile invece il dato relativo ai ricoverati
© 2001-2021 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.