Francesco Spina
Francesco Spina
Politica

Spina presenta in Consiglio una mozione sul Piano casa

Il segretario provinciale di Azione chiede il recepimento della delibera della Regione Puglia

«Nella qualità di consigliere comunale e capogruppo di "Difendiamo Bisceglie-Bisceglie Sportiva", nonché anche nella veste politica di Segretario provinciale di Azione, ho sottoposto oggi all'attenzione del Consiglio Comunale di Bisceglie, l'allegata mozione consiliare urgente, per il recepimento della deliberazione avente ad oggetto il "Piano Casa "della Regione Puglia».

Così il consigliere comunale Francesco Spina in una nota.

«La mia iniziativa si inserisce in un percorso di presentazione in tutti i Comuni della Regione Puglia, in sintonia con il Commissario regionale Fabiano Amati, con il Capogruppo consiliare Regionale di Azione Ruggiero Mennea e con il Consigliere regionale di Azione, Sergio Clemente, di identiche mozioni che promuovano e facciano immediatamente recepire e rendere operativo il piano casa, recentemente approvato dalla Regione Puglia, in tutti i Comuni pugliesi».

«Per quanto riguarda Bisceglie, ho già formalizzato al Presidente del Consiglio comunale, in considerazione dei benefici che una rapida deliberazione di Consiglio comunale di recepimento del "piano casa regionale" potrebbe avere in termini di legalità, rispetto dell'ambiente e sviluppo economico nella nostra città, l'eventuale presentazione dell'allegata mozione già nel prossimo consiglio comunale già convocato. Analoga iniziativa la assumeranno i colleghi degli altri comuni».

Di seguito il testo integrale della mozione.

Considerato che
• In data 12 dicembre 2023 il Consiglio Regionale ha deciso di rendere applicabile in Puglia l'innovata disciplina della ristrutturazione edilizia introdotta dal Decreto legge n. 76/2020 ai fini della rigenerazione urbana, contribuendo, di fatto, al perseguimento delle finalità della legge regionale n. 21/2008 "Norme per la rigenerazione urbana" ed al definitivo superamento della "stagione del Piano Casa", introdotta in Puglia con la legge n. 14/2009 e della legge n. 20/2022 "norme per il riuso e la riqualificazione edilizia" di cui è disposta l'abrogazione.

• La legge approvata, dà attuazione al dettato normativo del DPR n. 380/2001 "Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia", così come disciplina il DL n. 76/2020, convertito con modificazioni dalla L n. 120/2020, nel punto in cui prevede che gli interventi di ristrutturazione edilizia possono "prevedere altresì, nei soli casi espressamente previsti dalla legislazione vigente o dagli strumenti urbanistici comunali, incrementi di volumetria anche per promuovere interventi di rigenerazione urbana".

• Tutti gli interventi di ampliamento devono essere funzionali a conseguire il miglioramento, nei limiti del possibile, della classe energetica degli edifici. Gli interventi di demolizione e ricostruzione, invece, devono far conseguire la più alta classe energetica.

• A differenza del vecchio Piano casa applicabile in deroga agli strumenti urbanistici del comune, quello oggi in vigore prevede che i comuni approvino in consiglio comunale una variante agli strumenti urbanistici, sempre nel rispetto dei piani paesaggistici. Tale delibera non è soggetta ad alcuna approvazione successiva né ai vari procedimenti inerenti la VAS, salvo controlli a campione.
Ritenuto che

• Il nostro paese, in linea con gli altri paesi di Puglia, esprime, soprattutto nel centro storico ma anche nelle zone B, un patrimonio edilizio esistente generalmente in classe energetica G, ciò significa che lo stesso spreca 160 kWh a metro quadro rappresentando un potenziale inquinante più di tanti camini di imprese e di aziende così come si intendevano fino a qualche anno fa. Nelle zone C, che hanno visto la loro realizzazione negli anni settanta, gli immobili sono prevalentemente di classe F e quindi consumano tra i 121 e i 160 kWh al metro quadrato

• Che l'impegno, anche in linea con la direttiva europea "case green", è quello di raggiungere entro il 2030, ovvero, entro il 2050, il traguardo "emissione carbonica zero" ed occorre quindi incentivare la riqualificazione edilizia convertendo l'esistente o realizzando edifici in classe D.
Visto che

• Il nuovo piano casa, tra le altre, è applicabile nelle zone A (centri storici): i comuni possono approvare i piani di recupero con procedura semplificata (solo la delibera comunale), presentati anche dai privati e pur limitati a un unico compendio, attribuendo le premialità volumetriche del Piano Casa, esclusivamente su immobili non vincolati o tutelati

• Gli immobili ricadenti all'interno di tutti gli ambiti scelti dalla delibera comunale possono ricevere una premialità fino al 20% in caso di ampliamento e fino al 35% in caso di demolizione e ricostruzione. Nel caso di ampliamento, qualora per motivi tecnici o per motivi di tutela non sia possibile l'ampliamento stesso, la volumetria premiale può essere realizzata all'interno della stessa area di pertinenza

• Per quanto riguarda le aree a standard, generate dagli ampliamenti o dalle demolizioni e ricostruzioni, si potrà procedere alla monetizzazione in caso di impossibilità nel reperirle.
Rilevato infine che

• Il Piano Casa, oltre a riguardare la sfera urbanistica, incide fortemente sulla legalità, sull'ambiente, sulla salute delle persone, sostenendo sia comparto edilizio, settore trainante per l'economia del paese già in forte difficoltà a causa dell'imminente scadenza della stagione dei bonus edilizi, che intere famiglie.

• Il nostro paese ha assolutamente bisogno di adottare il Piano Casa per garantire e sostenere la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio aiutando anche le famiglie

• Tutto ciò comporta, inoltre, l'ingresso di nuove risorse per le casse comunali da sempre in difficoltà anche a causa dei minori sostegni dello Stato

Tutto ciò premesso, Il Consiglio Comunale impegna il Sindaco e la giunta comunale a dare celere indirizzo agli uffici competenti affinché predispongano specifica delibera di Consiglio Comunale volta ad adottare il Piano Casa per il Comune di Bisceglie.
  • Francesco Spina
Altri contenuti a tema
Spina: «Per un errore della giunta comunale, addio ai lavori alla scuola “De Amicis”» Spina: «Per un errore della giunta comunale, addio ai lavori alla scuola “De Amicis”» La nota del consigliere comunale
Carlo Calenda presenta ad Andria il libro "Il Patto" Carlo Calenda presenta ad Andria il libro "Il Patto" Francesco Spina: «Questo valorizza la nostra azione politica ed il nostro radicamento nel tessuto sociale della Provincia Bat»
Bilancio, Francesco Spina: «Alcuni dati preoccupanti» Bilancio, Francesco Spina: «Alcuni dati preoccupanti» La nota del consigliere comunale di opposizione
Calo presenze turistiche, Francesco Spina richiede un consiglio comunale Calo presenze turistiche, Francesco Spina richiede un consiglio comunale «Divulgati i dati di Pugliapromozione: preoccupante calo di presenze turistiche a Bisceglie registrato in questi anni»
Priorità programmatiche del gruppo consiliare Difendiamo Bisceglie-Bisceglie Sportiva nel quadro del DUP Priorità programmatiche del gruppo consiliare Difendiamo Bisceglie-Bisceglie Sportiva nel quadro del DUP Il consigliere Francesco Spina ha presentato alcune emendazioni nel corso dell'ultimo consiglio comunale
Rifacimento pavimentazione area mercatale, Spina interviene Rifacimento pavimentazione area mercatale, Spina interviene Francesco Spina: «Chi pagherà queste spese per rifare a distanza di un anno le stesse opere?»
Spina: «Proposta di modifica del piano strategico del commercio recepita» Spina: «Proposta di modifica del piano strategico del commercio recepita» La nota: «Tante nuove attività potranno ora essere aperte e dare ossigeno economico e occupazionale alla città»
Spina: «Manovra di fine anno approvata in consiglio dalla maggioranza: solo favori a clientele politiche» Spina: «Manovra di fine anno approvata in consiglio dalla maggioranza: solo favori a clientele politiche» Nuovo attacco del consigliere comunale di opposizione
© 2001-2024 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.