Sultan Nazarbaev
Sultan Nazarbaev
Alle porte dell'est

Lascia Nazarbaev, l'ultimo leader di epoca sovietica ancora al potere

Era già alla guida del Kazakistan nel 1989, prima ancora che diventasse uno stato indipendente

La notizia delle sue improvvise e inaspettate dimissioni, a quasi 79 anni, non dovrebbe causare squilibri geopolitici ma è la conclusione di una lunga e controversa storia politica che vale la pena raccontare.

Nursultan Ábishuly Nazarbaev ha lasciato l'incarico di presidente del Kazakistan, una delle 15 repubbliche nate dalla dissoluzione dell'Urss. La decisione - i cui motivi non sono stati ufficialmente resi noti - ha un effetto storico notevole.

Nazarbaev è stato l'ultimo leader al potere senza soluzione di continuità in uno stato nazionale (seppur a quel tempo non ancora tale) già dall'epoca sovietica: subentrò a Gennady Kolbin, nel giugno 1989, alla guida del Partito comunista kazako, filiale locale del Pcus. L'unico altro detentore di questo particolare "primato" era il turkmenbashi (padre della patria del Turkmenistan) Saparmyrat Nyýazow, morto d'infarto nel 2006. Stessa sorte toccata a Islom Karimov, leader dell'Uzbekistan, scomparso nel 2016.

Il capo di stato più durevole dell'Asia centrale ex sovietica è ora Emomalī Rahmon, presidente del Tagikistan dal 1993, mentre in ambito europeo quello in carica da più tempo, ininterrottamente, è il discusso Aleksandr Lukašenko, presidente della Bielorussia (1994). Caso specifico quello dell'Azerbaigian, col passaggio del potere tra generazioni: al decesso del padre Heydar Alijev (1993-2003) è succeduto il figlio Ilham, ancora in carica. Nessuno, però, era stato così a lungo sulla cresta dell'onda come Nazarbaev, punto di riferimento del popolo kazako già prima che cadesse il Muro di Berlino.

Il processo di democratizzazione di gran parte dei 15 stati che si sono creati dal 1991 a seguito della frammentazione dell'Unione Sovietica appare ancora lontano dal completarsi.
  • Alle porte dell'est
Altri contenuti a tema
Negazionisti da salotto Negazionisti da salotto Quella Bisceglie che continua a non voler ricordare le foibe
Il gigante Edi dà una severa lezione all'Europa dei pavidi Il gigante Edi dà una severa lezione all'Europa dei pavidi L'Albania del premier Rama accoglie venti migranti sbarcati dalla nave Diciotti
Benedetta Primavera Benedetta Primavera La fine del sogno di un socialismo dal volto umano
Pobeda o pobjeda? Pobeda o pobjeda? "Alle porte dell'est" come la goccia che scava nella roccia
Il 7 giugno, fra Berlinguer e Petrović Il 7 giugno, fra Berlinguer e Petrović Il blog di Vito Troilo
© 2001-2019 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.