Edi Rama. <span>Foto Euractiv.com</span>
Edi Rama. Foto Euractiv.com
Alle porte dell'est

Il gigante Edi dà una severa lezione all'Europa dei pavidi

L'Albania del premier Rama accoglie venti migranti sbarcati dalla nave Diciotti

Un gesto di riconoscenza, di quelli che dovrebbero renderci orgogliosi di essere italiani. I media mainstream, com'era prevedibile, non hanno saputo gestire la portata epocale e storica della notizia. L'Albania ha assunto l'onere dell'accoglienza di venti fra i 177 che sono rimasti bloccati a bordo della nave Diciotti della marina militare.

I nostri fratelli albanesi hanno ancora una volta dimostrato di valere molto più di quanto si possa immaginare. Ci tendono quelle stesse mani che abbiamo stretto fino all'abbraccio nel 1991, soprattutto in Puglia, in particolare a Bisceglie. Ricambiano quel nostro orgoglioso e amorevole sostegno. Dovremmo andarne fieri.

Il primo ministro del paese delle aquile è l'ex giocatore di pallacanestro e già sindaco di Tirana Edi Rama. «L'anno in cui con la Scavolini giocammo i preliminari di Coppa dei Campioni a Tirana col Partizan mi fu affidato un giovane accompagnatore-interprete che parlava perfettamente italiano ed era un giocatore di basket alto e robusto» ha ricordato coach Valerio Bianchini, per tutti "il Vate".

«Per la sua vivace intelligenza e i suoi modi gentili diventammo amici per quelle poche ore che passammo insieme. Sapeva già tutto del basket italiano perché le telecronache di Aldo Giordani arrivavano fino a Tirana ma non gli bastava ed era curioso di tutto. Al nostro ritorno ci accompagnò fino all'imbarco e si leggeva nei suoi occhi una gran voglia di venire via con noi». Era il 1988.

Trent'anni più tardi, divenuto prima sindaco della capitale e poi premier del suo paese, Edi Rama si è rivelato un gigante in tutti i sensi, capace di impartire una severa lezione all'Europa dei pavidi. Questo però sembra sfuggire ai tanti commentatori impegnati nell'inutile linciaggio mediatico ai danni di Matteo Salvini.
  • Alle porte dell'est
Altri contenuti a tema
Lascia Nazarbaev, l'ultimo leader di epoca sovietica ancora al potere Lascia Nazarbaev, l'ultimo leader di epoca sovietica ancora al potere Era già alla guida del Kazakistan nel 1989, prima ancora che diventasse uno stato indipendente
Negazionisti da salotto Negazionisti da salotto Quella Bisceglie che continua a non voler ricordare le foibe
Benedetta Primavera Benedetta Primavera La fine del sogno di un socialismo dal volto umano
Pobeda o pobjeda? Pobeda o pobjeda? "Alle porte dell'est" come la goccia che scava nella roccia
Il 7 giugno, fra Berlinguer e Petrović Il 7 giugno, fra Berlinguer e Petrović Il blog di Vito Troilo
© 2001-2019 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.