Vaccino anti-Covid
Vaccino anti-Covid
Un pediatra sul web

Scusate il ritardo

Rubrica di pediatria a cura del dottor Antonio Marzano - pediatra di famiglia

«Dottore ma voi cosa ne pensate di questo vaccino? Perché io, non so, ho letto che... E mi hanno detto che... E poi non avete sentito anche voi che...»
«Signora, ma chi ve le dice tutte queste cose?»
«Perché mio fratello e mia nipote con il compagno se lo sono preso ma mia sorella niente: negativa. E stanno tutti bene. Guardate...» e mi porge l'onnipresente smartphone col referto di un laboratorio che scrive: "Debolmente positivo l'antigenico, deve fare il molecolare". «Lo vede dottore? Mo' sono tutti positivi. Lo scrivono loro».
«Cioè?»
«Cioè, comunque stanno bene, non so. E voi?»
«Chi, io?»
«Sì, voi» mi fa con un sorriso "a caricatura". «E voi, dottore, lo farete il vaccino?»
«Certo!» ho risposto.

Maria mi guarda incuriosita: «Se, se..»
«Come "Se..."? Certo che lo farò e pubblicherò le foto anche whatsapp come potrai vedermi, e anche su Facebook, tanto sono diventato social tecnologico anch'io!»
«Mah...». Non è convinta, e così la nonna. Si allontanano sbattendo la porta.

E così Elena: mi ripete la stessa tiritera di Maria, a fotocopia.

Non riesco a dare una spiegazione razionale e logica a questa - come la vogliamo chiamare ? - preclusione? Eccezione? Dubbio? Sospetto? Mah...
Ma che altro doveva succedere affinché almeno i miei pazienti maturassero la giusta compliance verso il vaccino?


Non ho una risposta. Ho un sospetto, che nasce dal fatto che negli ultimi anni i vaccini si siano ridotti da privilegio a obbligo, oserei dire "condanna". Magari il motivo è che se n'è parlato molto, perché molti - forse troppi - ne hanno discusso e scritto: sarà che il troppo stroppia...

È mancata e continua a mancare la comunicazione corretta, quella sapiente, fatta dalle persone giuste. Sarà sufficiente per un'inversione radicale di tendenza? Forse. O forse no, probabilmente perché la nostra, la mia figura di pediatra di famiglia non esercita più come alcuni anni fa la stessa condivisione.

Non conosco la risposta! E se dipendesse dall'osservazione del fatto che in Italia, nonostante tutti i solleciti, i divieti, gli obblighi di distanziamento, abbiamo avuto migliaia e migliaia di morti? Che tutto ciò che si è fatto dai primi giorni di marzo si sia rivelato - agli occhi di molti - inutile?
E noi, come categoria che comunque ha pagato un caro prezzo in termini di vite umane, che figura abbiamo fatto e continuiamo a fare?

Sarà la sfiducia che alimenta il dubbio o è il dubbio che alimenta la sfiducia... Sono trascorsi dieci mesi e qualche giorno fa una Serena in studio un po' stizzita ha esclamato: «Dotto', ma questo virus non muore mai? È immortale?»
«E sì - ribatto -, si trasforma per non soccombere».
«Ma può essere?» mi chiede la sua amica Francesca. Non so rispondere a questa domanda! «Intanto la nonna è morta dopo 35 giorni di ricovero e mo' sta il nonno: non credo che ce la farà» aggiunge.

Diego, di sei anni, ascolta e gli occhi tradiscono la sofferenza: abbraccia le gambe della madre.
«Diego, stai tranquillo. Vedrai, il nonno guarirà e verrà a prenderti e ti porterà in al Palazzuolo con la bicicletta».
Diego ora piange: le mie parole non lo sfiorano, non lo rassicurano.
Diego soffre, e io non posso fare niente per lui, se non porgergli una caramella alla frutta...
Mi guarda e leggo il dubbio anche nel suo sguardo di bambino.

In questi dieci mesi ho visto, incontrato, tentato di parlare con tanti Diego.
Vedremo e capiremo in seguito se tutta questa storia abbia inciso sulla coscienza, sulla consapevolezza dei più piccoli. Questi bambini, se è vero che clinicamente non sono ammalati nel fisico, sono stati provati nell'anima e noi tutti, a qualsiasi livello, non siamo stati in grado di fare nulla per loro: nulla!

Lunedì 28 dicembre si parte con le vaccinazioni... Vedremo. Speriamo bene.
  • vaccini
  • Un pediatra sul web
  • Covid
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti

2617 contenuti
Un pediatra sul web

Un pediatra sul web

Rubrica di pediatria a cura del dottor Antonio Marzano - pediatra di famiglia

Indice rubrica
Altri contenuti a tema
Covid, oltre 50 mila attualmente positivi in Puglia Covid, oltre 50 mila attualmente positivi in Puglia Il dato dei ricoverati supera quota 350
«La beffa oltre il danno. Lavoratori in area Covid senza indennità di rischio» «La beffa oltre il danno. Lavoratori in area Covid senza indennità di rischio» Gli ausiliari pulitori in servizio nel reparto di malattie infettive del "Vittorio Emanuele II" lamentano di non poter usufruire dell'infortunio in caso di contagio
Covid in Puglia, oltre 6500 casi positivi nelle ultime ore Covid in Puglia, oltre 6500 casi positivi nelle ultime ore Attualmente contagiati e ricoverati in crescita
Covid in Puglia, dati preoccupanti: quasi un test su due è positivo Covid in Puglia, dati preoccupanti: quasi un test su due è positivo Sale ancora il dato dei ricoverati
Pronto soccorso, confronto proficuo tra Asl Bt e Usppi Pronto soccorso, confronto proficuo tra Asl Bt e Usppi Le rassicurazioni dell'azienda sanitaria su alcune questioni sollevate dal sindacato
Covid in Puglia, oltre 300 pazienti ricoverati Covid in Puglia, oltre 300 pazienti ricoverati Superati i 40 mila attualmente positivi nelle ultime ore
Covid in Puglia, impennata di casi positivi nelle ultime ore Covid in Puglia, impennata di casi positivi nelle ultime ore Tasso superiore al 30%: dati preoccupanti
Covid in Puglia, attualmente positivi sopra quota 35 mila Covid in Puglia, attualmente positivi sopra quota 35 mila Registrati 3 decessi nelle ultime ore
© 2001-2022 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.