Cataste di legno nelle vicinanze della parrocchia di Santa Maria di Costantinopoli
Cataste di legno nelle vicinanze della parrocchia di Santa Maria di Costantinopoli

«Annullare il falò dell'Immacolata nei pressi della parrocchia Santa Maria di Costantinopoli»

Un lettore: «Le autorità dispongano la bonifica dei suoli»

Un lettore ha deciso di esprimere - attraverso una lettera firmata - il suo punto di vista a BisceglieViva riguardo il pericolo che fra le cataste di legno pronte a bruciare sabato nel tradizionale falò del 7 dicembre siano compresi anche rifiuti di dubbia provenienza e contenute sostanze potenzialmente dannose per la pubblica incolumità.

«Sono un comune cittadino che abita nei pressi della scuola "Riccardo Monterisi di Bisceglie e mi sento in obbligo di spendere qualche parola e qualche immagine dinnanzi allo scempio che si sta consumando in questi giorni di "preparazione" al tradizionale falò della vigilia dell'Immacolata.
I fotogrammi immortalano quanto sta accadendo nel terreno antistante la parrocchia Santa Maria di Costantinopoli.
Di parole, per la verità, non ce ne sarebbe nemmeno bisogno: le immagini, ahimè, parlano da sole… Ma, osservandole, qualche considerazione sento il dovere di farla.
Si tratta di un comportamento, deprecabile, che prende sempre più piede da un po' di anni a questa parte, un po' ovunque, non solo qui a Bisceglie.

Già a partire dall'inizio di novembre, sempre più gente ritiene di depositare nei luoghi del futuro falò mobili, sedie, porte, infissi e quant'altro andrebbe conferito come rifiuto ingombrante alla nettezza urbana, magari anche con la certezza di aver dato il proprio contributo meritorio alla realizzazione del falò e dunque di aver operato per il bene della collettività.
Con la festa dell'Immacolata si celebra la concezione di Maria (e non del Cristo), esattamente nove mesi prima dell'8 settembre in cui si celebra appunto la Natività della Beata Vergine.

Il fuoco, come è noto, è simbolo di purificazione; richiama anche le origini ancestrali dell'uomo che lo utilizzava per scacciare le bestie feroci, la paura, il male.
In tutti i casi, il fuoco per millenni è stato generato per combustione di pura legna ed è diventato simbolo dell'unità familiare, da cui appunto l'espressione "focolare domestico"; ma era anche ricondotto alla nascita e alla rinascita: non occorre essere cristiani per riconoscerli come valori universali.
Si può riconoscere, invece, in questi rifiuti indifferenziati qualche simbolo di buon uso e costume tramandato di generazione in generazione? I nostri nonni ci hanno forse consegnato queste usanze?

Trasformare il folclore del falò in una becera gara al quartiere che lo realizza più imponente degli altri - ed ogni mezzo è lecito al fine - induce sempre più persone a sentirsi autorizzate ad approfittare dell'occasione, come le foto mostrano, per liberarsi di ogni genere di vecchie suppellettili: sedie imbottite e non, assi da stiro, scarpiere, tavoli, vecchi mobili e divani e persino qualche elettrodomestico!

È evidente che creare, in pochi giorni, vere discariche a cielo aperto in piena città non ha nulla a che fare con la tradizione millenaria del falò.
Qualcuno addurrebbe a giustificazione (ipocrita) di certe condotte una breve chiusura delle isole ecologiche avvenuta qualche giorno fa nel comune di Bisceglie.

Sarebbe invece auspicabile che ciascuno si sentisse responsabile di ogni sua azione, da chi comincia a chi continua.
Si chiama etica. Prima ancora di invocare le sanzioni (opportune) e di valutare, come io stesso mi riservo di fare, se presentare un esposto all'autorità giudiziaria, sarebbe utile che ogni cittadino si chiedesse se sta facendo il suo dovere fino in fondo: se così fosse, ciascun vandalo sarebbe indotto a sentirsi responsabile, avvertendo la disapprovazione crescente e civile anziché l'indifferenza altrui.

È anche Papa Francesco, nell'enciclica sulla cura della casa comune "Laudato sii", a ricordarci che: "È molto nobile assumere il compito di avere cura del creato con piccole azioni quotidiane".

Quest'anno, qui a Bisceglie, credo che si sia raggiunto il culmine, come le immagini testimoniano, e sarebbe auspicabile che le autorità, sia civili che religiose, avessero il coraggio di annullare l'organizzazione dell'evento e disporre la bonifica dei suoli.

Oserebbero evitare la combustione di legno verniciato e suppellettili che può sprigionare nel fumo sostanze tossiche che nulla hanno a che vedere con il profumo di rami d'ulivo bruciati della nostra tradizione.

Oserebbero anche offrire alla collettività un sano segnale di educazione civica.

Altrimenti il fuoco purificatore, anziché scacciare il male e le bestie feroci, finirà con l'allontanare le stesse famiglie, o almeno quelle dei genitori che hanno a cuore la propria salute e quella dei propri figli e mai farebbero loro correre il rischio di inalare, per qualche ora, diossina e altre sostanze "impure"».
9 fotoCataste di legno nelle vicinanze della parrocchia di Santa Maria di Costantinopoli
Cataste di legno nelle vicinanze della parrocchia di Santa Maria di CostantinopoliCataste di legno nelle vicinanze della parrocchia di Santa Maria di CostantinopoliCataste di legno nelle vicinanze della parrocchia di Santa Maria di CostantinopoliCataste di legno nelle vicinanze della parrocchia di Santa Maria di CostantinopoliCataste di legno nelle vicinanze della parrocchia di Santa Maria di CostantinopoliCataste di legno nelle vicinanze della parrocchia di Santa Maria di CostantinopoliCataste di legno nelle vicinanze della parrocchia di Santa Maria di CostantinopoliCataste di legno nelle vicinanze della parrocchia di Santa Maria di CostantinopoliCataste di legno nelle vicinanze della parrocchia di Santa Maria di Costantinopoli
  • Parrocchia Santa Maria di Costantinopoli
  • Santa Maria di Costantinopoli
  • falò Immacolata
Altri contenuti a tema
I falò dell’Immacolata a Bisceglie I falò dell’Immacolata a Bisceglie Le immagini più belle raccontano di una tradizione che si perde nella notte dei tempi
Palio della Quercia, il racconto delle ultime edizioni Palio della Quercia, il racconto delle ultime edizioni Santa Maria di Costantinopoli detentrice del titolo
Palio della Quercia, le squadre protagoniste: Santa Maria di Costantinopoli Palio della Quercia, le squadre protagoniste: Santa Maria di Costantinopoli Le dichiarazioni di don Giuseppe Rizzo e del vicecapitano Domenico Valente
Il torneo di Nardino è un grande successo Il torneo di Nardino è un grande successo 22 squadre impegnate nelle competizioni sul sintetico della parrocchia Santa Maria di Costantinopoli
Lo spettacolo dei falò del 7 dicembre Lo spettacolo dei falò del 7 dicembre In migliaia per le strade e i quartieri della città
Biciliæ propone il tour "In bici per i falò" Biciliæ propone il tour "In bici per i falò" Simpatica iniziativa dell'assocazione
1 Settimana Santa: la tradizione dei Sepolcri Settimana Santa: la tradizione dei Sepolcri Le suggestive immagini raccolte nelle chiese biscegliesi
Le mille lingue di fuoco della vigilia dell'Immacolata Le mille lingue di fuoco della vigilia dell'Immacolata Migliaia in strada per rinnovare la tradizione popolare del 7 dicembre
© 2001-2020 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.