Agricoltura e paesaggio (repertorio)
Agricoltura e paesaggio (repertorio)
Economia e lavoro

«Braccianti, i conti non tornano»

L'analisi di Riglietti (Cgil): «Le giornate lavorarive dichiarate crescono ma il numero degli occupati scende»

Un calo di 124 unità: tanti sono i braccianti in meno iscritti nel 2020 agli elenchi anagrafici Inps nel territorio della Provincia di Barletta-Andria-Trani. Dato in controtendenza rispetto a quello inerente le giornate lavorative dichiarate, che nel 2020 sono salite a 68031.

Secondo le statistiche, nel quadriennio 2017-2020 il numero dei lavoratori agricoli nella Bat sarebbe sceso di ben 1657 portandosi a 19256. Eppure, nell'ultimo anno solare, la media sarebbe salita a 3.5 giornate dichiarate per addetto.

«Poca cosa» è quanto sostenuto dal segretario generale della Flai Cgil Bat Gaetano Riglietti, che nella sua analisi sul lavoro agricolo dipendente nella provincia passa al setaccio anche la situazione analitica dei comuni. «Il maggior aumento di giornate dichiarate riguarda Andria con un +30.873 e a seguire Canosa di Puglia, Bisceglie e Barletta con numeri di gran lunga inferiori. Ma è da sottolineare il fatto che un terzo del totale (il 31.48%) ne ha massimo 50, si tratta dunque di addetti che non avranno neanche diritto alle prestazioni previdenziali» ha aggiunto.

Circa il 14% degli iscritti negli elenchi anagrafici 2020 è composto da una platea straniera, di cui oltre il 60% di nazionalità rumena che oramai è stanziale da anni nel territorio. Questa è la fotografia del lavoro agricolo dipendente nella Bat, come riportata negli elenchi anagrafici annuali pubblicati dall'Inps per l'anno 2020 lo scorso 31 marzo. Nel dettaglio, lo scorso anno i braccianti agricoli residenti nei comuni della Bat, iscritti negli elenchi, sono stati 19256, un numero inferiore rispetto al 2019 quando erano 19380 e meno ancora del 2018 e 2017. Sono state poco più di 1 milione e 755 mila l'anno scorso le giornate di lavoro dichiarate all'Inps a fronte di 1 milione e 687 mila nel 2019. I lavoratori agricoli immigrati iscritti nel 2020 sono stati 2681, in calo rispetto al 2019 di 289 iscritti.

«Questo cosa vuol dire? Forse che sono andati via o che è aumentato il sommerso? La maggior parte sono di nazionalità rumena (1622), poi marocchina (180), albanese (130), bulgara (108) e quindi altre nazionalità a seguire. Circa il 12% dei lavoratori agricoli iscritti negli elenchi anagrafici del 2020 ha un'età tra i 60 e i 67 anni e oltre. Mentre il lavoro femminile in agricoltura certificato negli elenchi anagrafici 2020 nella Bat per il 2020 si attesta al 14.03%, a differenza di altre province pugliesi dove la percentuale di lavoro femminile in agricoltura arriva a toccare il 50%» ha osservato ancora Riglietti.

«L'incidenza delle giornate dichiarate ai lavoratori agricoli di nazionalità straniera sul totale 2020 è pari al 11,71%, poca cosa. Inoltre, quando si dice che non si trova la manodopera per via della mancanza dei braccianti immigrati, riteniamo che non si stia dicendo la verità perché questi numeri dimostrano che la percentuale di lavoratori stranieri è davvero residuale (se si considera che quelli di nazionalità rumena ormai abitano nelle nostre città). Il fatto che siano aumentate le giornate dichiarate e il numero dei lavoratori iscritti sia diminuito, riteniamo, dunque, che sia dovuto a diversi fattori, uno dei quali può essere un'emersione di alcune irregolarità. Ma nonostante il numero di giornate sia cresciuto, nella provincia Bat i lavoratori che superano le 151 giornate rappresentano solo il 22.19%, mentre chi supera le 181 giornate rappresenta solo il 3.07%. E questo sempre in un territorio ad alta vocazione agricola» ha sottolineato il segretario provinciale Flai Cgil.

«A noi tutto ciò sembra una grande contraddizione, è evidente che i conti non tornano. Anche per questo proseguiamo con la nostra azione di rivendicazione sul territorio per la difesa dei diritti dei braccianti che tra l'altro in questo momento sono stati anche dimenticati nel Dl Sostegni nonostante tutto l'impegno profuso e le ripercussioni subite anche da questo comparto nella difficile situazione derivante dalla pandemia» ha concluso Riglietti.
  • agricoltura
  • Cgil Bat
Altri contenuti a tema
Cgil: «Diritti dei lavoratori lesi mentre l'Ambito va a convegno con la cooperativa» Cgil: «Diritti dei lavoratori lesi mentre l'Ambito va a convegno con la cooperativa» Il segretario generale Fp Cgil Bat ha scritto a Emiliano e ai Sindaci di Bisceglie e Trani
Cgil sul potenziamento della rete ospedaliera pugliese: «Si valuti la situazione della Bat» Cgil sul potenziamento della rete ospedaliera pugliese: «Si valuti la situazione della Bat» I dirigenti sindacali D'Alberto e Remini si sono rivolti al Commissario straordinario Delle Donne
Bonus di 800 euro per gli operai agricoli Bonus di 800 euro per gli operai agricoli ENAPA Bisceglie illustra l’opportunità presente nel Decreto Sostegni bis
Mercoledì a Bisceglie "Nello", il pullmino dei diritti Spi-Cgil Mercoledì a Bisceglie "Nello", il pullmino dei diritti Spi-Cgil Pelagio: «Importante rendere i pensionati consapevoli»
La Puglia perde il coordinamento degli assessorati regionali all'agricoltura La Puglia perde il coordinamento degli assessorati regionali all'agricoltura L'ira di Fratelli d'Italia nei confronti di Emiliano
Primo maggio, D'Alberto: «Il lavoro che cambia mette a rischio le tutele» Primo maggio, D'Alberto: «Il lavoro che cambia mette a rischio le tutele» Le parole del segretario Cgil Bat: «La sfida del sindacato è salvaguardare gli strumenti per la difesa di tutti i lavoratori»
Primo maggio, Angarano: «Vicini a chi ha perso il lavoro» Primo maggio, Angarano: «Vicini a chi ha perso il lavoro» Commemorazione davanti al monumento dedicato a Giuseppe Di Vittorio
Sindaco e assessori di Andria si tagliano l'indennità, paragone inevitabile con Bisceglie Sindaco e assessori di Andria si tagliano l'indennità, paragone inevitabile con Bisceglie Gli oppositori di Angarano rimarcano la mancata applicazione, al momento, della promessa di restituzione della metà del compenso da primo cittadino
© 2001-2021 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.