Abbigliamento (repertorio)
Abbigliamento (repertorio)
Economia e lavoro

«La comunicazione non positiva sulla pandemia influenza il calo delle vendite»

Consumi in picchiata, l'allarme di Fismo Confesercenti

Il percorso di uscita dall'emergenza Covid, sotto il profilo sanitario, sembra molto vicino. Gli operatori del settore commercio, pur condividendo la sensazione di sollievo generale per una pandemia che si spera volga al termine, restano molto preoccupati per il futuro delle loro attività, specie guardando al fardello di pagamenti arretrati (mutui, cartelle fiscali, tributi locali, fitti) che andranno presto a sommarsi ai costi attualmente sostenuti e che a rigor di logica dovranno essere smaltiti in brevissimo tempo.

La riflessione è maturata anche nel corso di una riunione promossa da Fismo Confesercenti Bat, l'organizzazione dei commercianti del settore moda e abbigliamento guidata da Tommy Leonetti, già presidente di Confesercenti Andria. Il coordinamento ha diffuso un documento piuttosto dettagliata a proposito delle principali criticità.

Il Governo non ha ancora deliberato i nuovi ristori per il periodo gennaio-marzo 2022 fermo restano la necessità di ampliarli alle mensilità precedenti novembre e dicembre 2021 mesi in cui il settore ha affrontato concretamente un lockdown di fatto.

Bisognerebbe, inoltre, rivedere i parametri per il calcolo dei sostegni, attualmente penalizzanti per molti commercianti, molti dei quali non hanno potuto accedervi perché al limite di quei criteri necessari per rientrarvi con i colleghi del settore ristorazione che hanno usufruito maggiormente dei ristori.
Altro tema evidenziato è la vendita a saldo, a loro dire inutile, perché costretta in un determinato periodi. Sarebbe auspicabile, invece, un cambio di rotta attraverso nuove normative che ne consentano l'effettuazione sulla base di decisioni autonome da parte di ogni commerciante. A tal proposito, purtroppo, si ha consapevolezza che difficilmente si cambierà a breve termine, perché la categoria non è unit.

Fismo Confesercenti Bat ha scritto ai Sindaci del territorio ed al Prefetto Maurizio Valiante, preannunciando una conferenza stampa alla presenza dei gruppi dirigenti dei settori pubblici esercizi, turismo e ambulanti.

«C'è troppa comunicazione improntata sulla paura che non fa per niente bene al settore commercio ed imprenditoriale in genere» hanno rimarcato i commercianti. «Le istituzioni dovrebbero spiegare con maggiore chiarezza che la variante Omicron non è virulenta ai livelli del virus nel primo periodo; di conseguenza dovrebbero invitare la gente a tornare alla normalità. Invece le istituzioni, continuando a parlare di "miglioramento" della situazione emergenziale e non specificando che siamo vicini alla fine dell'emergenza, non fannno altro che comunicare ancora messaggi di timore» hanno aggiunto.

«Questo tipo di comunicazione non positiva influenza le vendite a saldo che non stano producendo gli effetti sperati. La gente fatica ad uscire di casa per fare acquisti; la sera le città si svuotano mentre noi siamo costretti a rimanere aperti senza prospettive di guadagni, con la consapevolezza del macro aumento delle spese per le utenze energetiche».

La tematica saldi è particolarmente sentita dai commercianti con posizioni antitetiche. In molti sono per la liberalizzazione, perché, ormai, sono presenti on-line tutto l'anno, mentre gli esercenti sono costretti ad osservare regole regionali molto rigide che sembrano ormai anacronistiche.
  • Confesercenti
  • Confesercenti Bat
Altri contenuti a tema
Una delegazione di Confesercenti BAT ha incontrato il Prefetto Rossana Riflesso Una delegazione di Confesercenti BAT ha incontrato il Prefetto Rossana Riflesso L'incontro si è tenuto nei giorni scorsi a Barletta
Ottimo riscontro per il mercato serale di domenica 13 agosto Ottimo riscontro per il mercato serale di domenica 13 agosto Tante le iniziative collaterali che hanno coinvolto i visitatori
Confesercenti Bat: «Saldi invernali molto soddisfacenti» Confesercenti Bat: «Saldi invernali molto soddisfacenti» Il coordinamento imprenditoria giovanile traccia un bilancio e denuncia: «Alcuni furbetti continuano ad applicarli, nonostante il periodo sia terminato»
Turismo nella Bat, Landriscina: «Tutte le città devono fare rete» Turismo nella Bat, Landriscina: «Tutte le città devono fare rete» Intervento del direttore provinciale Confesercenti: «Bisceglie mostra un numero rilevante di arrivi e presenze»
Canfora: «Sulle concessioni balneari non si può agire in modo frettoloso» Canfora: «Sulle concessioni balneari non si può agire in modo frettoloso» Il presidente di Confesercenti Bat chiede una chiara mappatura della situazione
Sciopero benzinai, Confesercenti Bat invita i gestori a comunicare l'adesione Sciopero benzinai, Confesercenti Bat invita i gestori a comunicare l'adesione L'elenco delle stazioni aperte sulla rete autostradale per garantire i servizi minimi
Saldi, Confesercenti Bat: «Sosteniamo un cambio della normativa» Saldi, Confesercenti Bat: «Sosteniamo un cambio della normativa» Landriscina: «Bisogna lasciare liberi i commercianti di effettuare le promozioni in diversi periodi dell'anno»
Confesercenti Bat consegna una targa ricordo al Prefetto Valiante Confesercenti Bat consegna una targa ricordo al Prefetto Valiante «Punto di riferimento per le categorie produttive, commerciali e turistiche. Inimitabile figura istituzionale»
© 2001-2024 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.