Solidarietà
Solidarietà
Economia e lavoro

Covid, Spi-Cgil: «Non abbassare la guardia nelle Rsa»

Pelagio: «Importante garantire sostenibilità al sistema sanitario pubblico per garantire il diritto alla salute»

La situazione nelle Rsa del territorio è costantemente seguita e monitorata con attenzione dallo Spi, il sindacato pensionati della Cgil Bat, i cui referenti hanno espresso preoccupazione specie per quelle strutture che sono state coinvolte, durante l'emergenza, da focolai epidemici da Covid-19, e in alcuni casi risultano ancora chiuse o ridimensionate.

«In questi mesi, quanto avvenuto nelle residenze socio-sanitarie per anziani ha suscitato scalpore dal nord al sud del Paese, in particolare per i decessi e drammi che si sono consumati a danno delle persone più fragili quali gli anziani, soprattutto in quelle strutture coinvolte nella diffusione del contagio, che attualmente, non sono percepite "sicure", avvertendo nella popolazione un senso di paura non ancora sopito» ha rimarcato il segretario provinciale dello Spi Felice Pelagio.

«Col picco della pandemia nel nostro Paese si è generato un allarmismo incontrollato nelle strutture socio sanitarie, accusate di non essere ancora in grado di mettere in sicurezza i propri assistiti. Mentre i casi e focolai aumentavano, si intensificavano i sospetti di una minaccia per l'intero territorio e in tanti hanno dovuto rinunciare ai ricoveri dei propri cari, dei propri familiari anche nelle strutture sanitarie, soprattutto per patologie acute che richiedono cure urgenti, costanti e costose» ha aggiunto. «Case di riposo e strutture socio sanitarie dovrebbero avere maggiore controllo da parte del pubblico, se ciò avvenisse si delineerebbe un avvio in sicurezza dei servizi socio sanitari rispetto ai bisogni di salute e assistenza delle persone anziane che continuano a vivere situazioni di incertezza e disagio. Servirebbe una vera riorganizzazione dei servizi socio sanitari, rispondente ai reali bisogni degli anziani rispetto ai percorsi di cura, assistenza e presa in carico» ha evidenziato il sindacalista.

«Questa emergenza, per la verità, ha fatto riscoprire l'importanza di garantire sostenibilità al sistema sanitario pubblico per garantire il diritto alla salute come bene sociale e universale. Rispetto a quanto accaduto ai nostri anziani, si avverte il bisogno di qualificare sempre più il servizio pubblico e accreditato, in quanto l'emergenza, come da decreti, ordinanze regionali, disposizioni, ecc. sta di fatto dettando l'agenda delle scelte sanitarie e socio-sanitarie, prevedendo maggior sicurezza per gli ospiti-assistiti ma anche tutela per gli operatori, le cui strutture devono necessariamente utilizzare spazi per garantire il necessario distanziamento tra assistiti e maggior filtro per l'accesso di visitatori.

Questo significa adeguamento della modalità di prevenzione e di controllo, igienizzazione e sanificazione degli ambienti, sicurezza degli operatori e assistiti, ecc. in quanto l'emergenza non è ancora terminata. Per il sindacato dei pensionati e per la Cgil la priorità è rispondere e tutelare la fragilità delle persone anziane facendo prevalere il diritto alla salute e soddisfazione dei bisogni della persona anziana anziché rispetto al profitto e alle esigenze private degli enti gestori anche se accreditati. Per queste ragioni riteniamo utile e necessario sollecitare le istituzioni ed organismi preposti, a partire dalle aziende sanitarie locali, a un costante monitoraggio che consideri anche l'altro aspetto che riguarda la gestione e la tenuta economica delle strutture stesse e la fruibilità del servizio qualificato» ha concluso Pelagio.
  • CGIL
  • sindacato
  • Cgil Bat
  • Covid
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti

1156 contenuti
Altri contenuti a tema
Dipendente positivo al Covid, locale biscegliese chiude precauzionalmente Dipendente positivo al Covid, locale biscegliese chiude precauzionalmente Tutti coloro che sono entrati in contatto con lui saranno sottoposti ai test
Coronavirus, tre nuovi positivi nella Bat Coronavirus, tre nuovi positivi nella Bat Quasi 7000 i casi in Puglia dall'inizio dell'emergenza
Covid, Angarano: «15 gli attualmente positivi a Bisceglie» Covid, Angarano: «15 gli attualmente positivi a Bisceglie» Secondo la nota diffusa dal Sindaco, sarebbero 31 le persone in isolamento domiciliare
1 Coronavirus, per la mappa regionale più di 20 positivi a Bisceglie Coronavirus, per la mappa regionale più di 20 positivi a Bisceglie Nove casi fra giovedì e sabato oltre ai 12 annunciati nell'ultimo aggiornamento del Sindaco
Covid, 11 nuovi casi nella Bat Covid, 11 nuovi casi nella Bat Quasi 2000 gli attualmente positivi in Puglia
Covid, altri due biscegliesi positivi nelle ultime ore Covid, altri due biscegliesi positivi nelle ultime ore Undici i ricoverati - da varie città della Bat e da altri territori - al "Vittorio Emanuele II"
Covid, 12 gli attualmente positivi a Bisceglie Covid, 12 gli attualmente positivi a Bisceglie 36 persone in isolamento domiciliare
Covid, 11 nuovi casi positivi nella Bat Covid, 11 nuovi casi positivi nella Bat In Puglia 103 contagi nelle ultime ore
© 2001-2020 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.