Tommaso Depalma, sindaco di Giovinazzo
Tommaso Depalma, sindaco di Giovinazzo
Politica

Critiche all'idea degli assistenti civici. Depalma scrive a Boccia: «Sono atterrito»

Il sindaco di Giovinazzo: «Persone buttate in pasto al caos di questi giorni ma a noi servono le forze dell'ordine»

Elezioni Regionali 2020
La proposta illustrata dal ministro per gli affari regionali e le autonomie Francesco Boccia e dal presidente dell'Anci - nonché sindaco di Bari - Antonio Decaro, riguardo il reclutamento di 60 mila assistenti civici che supporterebbero i Comuni nello svolgimento di varie attività sociali compresa la collaborazione al rispetto del distanziamento, ha suscitato reazioni contrastanti.

Emerge, tra le voci critiche, l'opinione del sindaco di Giovinazzo Tommaso Depalma, che si è rivolto all'esponente biscegliese del Governo per rimarcare le sue perplessità.

«Caro ministro, caro Francesco, ti ho sempre considerato una delle menti più illuminate in un Governo dove esiste il deserto del pensiero e della visione. Ma questa cosa qui, è veramente inaccettabile. È un dialogo fra sordi.
Non esiste Comune in Italia che non stia chiedendo l'esercito per gestire al meglio il controllo della gente per strada e voi pensate a tutt'altro tipo di esercito. Quello di persone prese dalla strada e buttate in pasto al caos di questi giorni.
Francamente sono atterrito» ha affermato il primo cittadino giovinazzese.

«Dopo di che, caro ministro, se a questo punto si è deciso di mettere in campo un altro "esercito disarmato", meglio farlo con chi percepisce il Reddito di cittadinanza. Quello è un esercito di milioni di cittadini in attesa delle famigerate e pentastellari proposte di lavoro (a proposito del deserto dei cervelli) che mai sono arrivate e che mai arriveranno.
Ogni Comune da qualche settimana ha finalmente potuto conoscere i fruitori del Reddito di cittadinanza sul proprio territorio e quindi potrebbe al limite utilizzarli per "piazzarli" per strada e nei posti di aggregazione. Ma nulla di più.
E già mi immagino le liti che ne verranno fuori, per via dell'inciviltà di tanti e del fatto che gli assistenti civici non potranno far altro che essere coperti di insulti e non poter elargire neanche un verbale.
Perché senza i verbali e le sanzioni, purtroppo in tanti non capiscono quello che avrebbero il dovere di fare» ha rimarcato.

«Mi spiace che il presidente Anci Decaro abbia condiviso questa iniziativa, che tra l'altro in tanti Comuni (compreso il nostro) stavamo già ipotizzando senza bisogno di tanto spolvero mediatico.
Ma a noi servono le forze dell'ordine, quelle con le stellette per capirsi, quelle con le divise, con i mezzi e soprattutto con il potere di fare qualcosa di concreto. Ma in Italia, come sempre, si preferisce la fuffa alla sostanza.
Scusami tanto ministro, scusami tanto Francesco.
Con la stima di sempre» ha concluso Depalma.
  • Francesco Boccia
  • Tommaso Depalma
  • Covid
  • Fase 2
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti

1029 contenuti
Altri contenuti a tema
Nicola Ambrosino - Le sènde... a le tèimbe du covid decennóve Nicola Ambrosino - Le sènde... a le tèimbe du covid decennóve L'appuntamento con la poesia in vernacolo
Coronavirus, tre nuovi contagi in Puglia Coronavirus, tre nuovi contagi in Puglia 2036 i test effettuati. Non si rilevano decessi
Coronavirus, un nuovo caso nella vicina Corato Coronavirus, un nuovo caso nella vicina Corato Lo hanno comunicato da Palazzo di Città
Coronavirus, nessun ulteriore contagio in Puglia Coronavirus, nessun ulteriore contagio in Puglia Non si sono registrati decessi nelle ultime ore. Scende ancora il dato degli attualmente positivi
Il Coronavirus rallenta ancora: 112 gli attualmente positivi in Puglia Il Coronavirus rallenta ancora: 112 gli attualmente positivi in Puglia Nessun decesso, nessun ulteriore contagio. Bisceglie a un passo dal diventare Covid free
Coronavirus, due decessi nel foggiano Coronavirus, due decessi nel foggiano Nessun ulteriore contagio, gli attualmente positivi scendono a 129
Coronavirus, terzo giorno consecutivo senza contagi in Puglia Coronavirus, terzo giorno consecutivo senza contagi in Puglia Non si registrano ulteriori decessi
Coronavirus, zero casi e decessi in Puglia nelle ultime ore Coronavirus, zero casi e decessi in Puglia nelle ultime ore Restano 27 le persone ricoverate. Nessuno in terapia intensiva
© 2001-2020 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.