Il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri
Il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri
Cronaca

«Oltraggio alla memoria di Sergio Cosmai». In manette due agenti del carcere di Cosenza per concorso esterno in associazione mafiosa

La vedova del biscegliese, assassinato nel 1985: «Un'offesa gravissima e prevedibile»

L'accaduto ha assunto una rilevanza notevole anche a Bisceglie. La Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro e i Carabinieri hanno provveduto all'arresto di due agenti di polizia penitenziaria in servizio nel carcere di Cosenza, un 53enne e 56enne, con la pesantissima accusa di concorso esterno in associazione mafiosa.

Secondo quanto spiegato dal procuratore del capoluogo calabrese, Nicola Gratteri, i due, in cambio di denaro, si sarebbero messi a disposizione delle consorterie mafiose, garantendo ai detenuti di poter continuare a intrattenere contatti con l'esterno, e in particolare, con i sodali liberi. Gli esponenti di rilievo di alcune cosche cosentine ("Lanzino-Rua'-Patitucci", "Rango-Zingari", "Bruni-Zingari") sarebbe stati collocati di proposito in celle con affaccio sulla strada di modo da permettere loro di impartire ordini all'esterno attraverso persone appostate sotto il carcere.

La ricostruzione degli inquirenti riguarda anche l'arrivo sottobanco di stupefacenti, alcolici, generi alimentari e tutto ciò che potesse servire a rendere più confortevole la detenzione, oltre che episodi abietti di rappresaglie (come l'incendio dell'auto) a danno degli agenti ligi al dovere o sgraditi.

L'impressione che il sacrificio di Cosmai, ucciso dalla 'ndrangheta in un vile agguato il 12 marzo di 34 anni fa, sia stato vano, è purtroppo radicata. Questa vicenda è un oltraggio alla sua memoria.
«Un'offesa gravissima e prevedibile» l'ha definita Tiziana Palazzo. «L'assassinio di mio marito fu una vendetta e un'intimidazione allo stesso tempo che, evidentemente, ha avuto i suoi effetti: lasciare lo stato nelle mani della 'ndrangheta, così com'era da sempre, forse. Un motivo in più per affermare con orgoglio il suo grande valore di Uomo. Ai pavidi e corrotti resti l'onta del disonore. Sergio Cosmai vive».
© riproduzione riservata
  • Sergio Cosmai
Altri contenuti a tema
La Di Pinto Panifici alla prova Porto Sant’Elpidio. Scarica la fanzine Go Lions La Di Pinto Panifici alla prova Porto Sant’Elpidio. Scarica la fanzine Go Lions Gara delicata per il team di coach Gigi Marinelli, in piena lotta per il terzo posto. Iniziative per onorare la memoria di Sergio Cosmai
Francesco Spina ricorda Sergio Cosmai Francesco Spina ricorda Sergio Cosmai «Simbolo forte per la nostra comunità e le future generazione di coraggio nella lotta contro le mafie»
Un faro che si riaccende Un faro che si riaccende #sergiocosmaivive
Sindaco, assessori e consiglieri in un video per onorare la memoria di Sergio Cosmai Sindaco, assessori e consiglieri in un video per onorare la memoria di Sergio Cosmai Angarano: «Un messaggio chiaro e forte a nome della città. Ogni biscegliese ha il dovere di ricordare»
Nelmodogiusto commemora l'anniversario della morte di Sergio Cosmai Nelmodogiusto commemora l'anniversario della morte di Sergio Cosmai «e punta il dito contro mafia e atteggiamenti dello stesso stampo
I Lions ricordano Sergio Cosmai I Lions ricordano Sergio Cosmai Ricorre il 34° anniversario del brutale assassinio del direttore del carcere di Cosenza. Il club nerazzurro in prima linea per onorarne la memoria e tramandarne l’esempio
"Sergio Cosmai vive", iniziativa del Presidio Libera con diverse società sportive "Sergio Cosmai vive", iniziativa del Presidio Libera con diverse società sportive I calciatori del Cosenza e dell'Unione Calcio, i cestisti dei Lions, le calcettiste del Bisceglie Femminile e le pallavoliste di Sportilia indosseranno magliette commemorative
Dalla memoria all'impegno. La testimonianza di Sergio Cosmai Dalla memoria all'impegno. La testimonianza di Sergio Cosmai Incontro alla "Battisti-Ferraris" con la professoressa Tiziana Palazzo, vedova del direttore del carcere di Cosenza ucciso nel 1985
© 2001-2019 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.