Scuola (repertorio)
Scuola (repertorio)
Attualità

Studenti delle superiori in classe dall'11, Italia tutta arancione nei weekend

Clima tesissimo nel Governo, si attende il decreto per l'ufficializzazione delle nuove misure

L'intesa sul prossimo decreto sarebbe stata trovata nella notte, al termine di animate discussioni all'interno della compagine governativa. Trapela l'indiscrezione secondo cui le studentesse e gli studenti delle scuole superiori non tornerebbero in classe giovedì 7 gennaio ma proseguirebbero con la didattica a distanza. Il rientro fra i banchi slitterebbe perciò a lunedì 11 gennaio, atteso che la situazione epidemiologica lo consenta e in ogni caso nella misura non eccedente al 50% della capienza degli istituti.

Scontro durissimo, sul tema della scuola e non solo, nel consiglio dei ministri che ha avuto inizio nella tarda serata di lunedì 4 gennaio ed è proseguito per diverse ore. Farà fede l'esito del monitoraggio dell'Istituto superiore di sanità, che sarà reso noto venerdì 8: l'intenzione è fermare la ripresa delle attività in presenza nelle regioni rosse anche se al momento, secondo gli indici Rt, né la Puglia né altri territori sembrerebbero trovarsi in una situazione del genere.

Scuole primarie e medie inferiori, al contrario, riapriranno regolarmente alla didattica in presenza giovedì 7 gennaio. Volano gli stracci tra le diverse componenti del Governo, in un clima da "tutti contro tutti" (sotto accusa il ministro dei trasporti De Micheli per la mancata riorganizzazione dei servizi pubblici), mentre il biscegliese Francesco Boccia, ministro per gli affari regionali e le autonomie, fatica non poco nel gestire il complesso rapporto coi presidenti di Regione: secondo i boatos, i governatori di Marche, Friuli Venezia-Giulia e Veneto avrebbero fatto sapere di essere pronti a ordinanze ancora più restrittive, con lo stop alla didattica in presenza fino al 31 gennaio.

L'ipotesi: zona arancione nei weekend

Zona gialla "rafforzata" nei giorni feriali, col divieto di spostamento fra regioni e la possibilità di spostarsi in massimo due persone verso un'altra abitazione nella stessa regione. Zona arancione nel fine settimana. Questa la soluzione di compromesso al vaglio dell'esecutivo. Un primo esperimento potrebbe essere effettuato nel periodo compreso tra il 7 e il 15 gennaio. Resterebbero consentiti gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità, o per motivi di salute, oltre che il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, con esclusione degli spostamenti verso le seconde case ubicate in altra regione o provincia autonoma.
Il testo prevede anche l'abbassamento della soglia dell'Rt che fa scattare il posizionamento nelle diverse fasce (1 per la zona arancione, 1.25 per la zona rossa) e che sarà in vigore da lunedì 11, come ha anticipato il ministro Boccia.
  • Francesco Boccia
  • scuole Bisceglie
  • governo
  • scuole biscegliesi
  • Giuseppe Conte
  • Covid
  • Dpcm
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti

1699 contenuti
Altri contenuti a tema
DF disco lancia l'iniziativa "Preserviamoci" DF disco lancia l'iniziativa "Preserviamoci" "Aiutiamoci oggi per assembrarci domani" è lo slogan utilizzato per sensibilizzare all'uso della mascherina
Quasi il 15% di positività ai test in Puglia nelle ultime 24 ore Quasi il 15% di positività ai test in Puglia nelle ultime 24 ore 1268 i pazienti guariti. Registrati anche 32 decessi
Covid, il 20% degli attualmente positivi a Bisceglie è minorenne Covid, il 20% degli attualmente positivi a Bisceglie è minorenne Preoccupante crescita dell'incidenza dei contagi fra i giovanissimi
Covid, risale il numero degli attualmente positivi a Bisceglie Covid, risale il numero degli attualmente positivi a Bisceglie Sabato 6 marzo nuovo step della campagna vaccinale
Quasi 150mila casi positivi in Puglia dall'inizio dell'emergenza Quasi 150mila casi positivi in Puglia dall'inizio dell'emergenza Sfondata quota 4000 decessi
Nuovo parametro, ecco perché le scuole di Bisceglie resteranno aperte Nuovo parametro, ecco perché le scuole di Bisceglie resteranno aperte L'analisi dei dati sui contagi in base alle nuove linee guida proposte dal Comitato tecnico scientifico al Governo
Draghi firma il nuovo Dpcm: tutte le novità in vigore dal 6 marzo Draghi firma il nuovo Dpcm: tutte le novità in vigore dal 6 marzo Prevista la riapertura di cinema, teatri e musei. Confermati lo stop degli spostamenti fra Regioni e la divisione dell'Italia per colori
Un altro giorno con più di mille nuovi casi positivi in Puglia Un altro giorno con più di mille nuovi casi positivi in Puglia 1432 ricoverati negli ospedali, 170 dei quali in terapia intensiva
© 2001-2021 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.