Presentazione del libro Foto Vito Troilo" />
Presentazione del libro "Spleen" di Antonio Galati. Foto Vito Troilo
Cultura

«Senza cultura, valori e conoscenze non si abbattono i dualismi»

Le parole di Antonio Galati, autore di "Spleen" a Libri nel borgo antico

La differenza fra passato e presente vista dagli occhi di uno studente universitario sognatore e viaggiatore, profondo conoscitore di posti all'avanguardia che sembrerebbero lontani da quelli che sono gli stereotipi italiani.

"Spleen" è un romanzo introspettivo e profondo scritto con emotività da Antonio Galati, trentenne salentino laureato in Lettere moderne, che ha così fatto il proprio ingresso nel mondo della letteratura. Pubblicato da Edizioni città futura il lavoro, inserito nella collana dei "Libri di Icaro", è stato presentato nell'ultima serata di Libri nel borgo antico avendo per sfondo l'inedito scenario di Largo Piazzetta.

Un racconto in cui si sviluppano in maniera parallela situazioni temporali differenti e che fa emergere un passaggio importante: ripristinare quel messaggio di amore, fratellanza, valore e rispetto che sembra sempre meno diffuso nella società d'oggi. Tutto questo emerso dalle vive esperienze dell'autore nei suoi lunghi periodi di lontananza da casa per gli impegni universitari in Portogallo ed in Inghilterra che hanno forgiato le sue convinzioni trasposte nel libro: «Eppure gran parte del racconto l'ho scritta prima della mia partenza per Lisbona» ha dichiarato Galati precisando che «l'avventura in Erasmus avuta mi ha consentito di aprire gli occhi su un mondo diverso, dove noi italiani dovremmo essere più positivi, guardare oltre e non restare inermi lamentandoci. Ciò comporta una infelicità globale ed un vincolo alla nostalgia di difficile uscita».

E proprio la nostalgia è il filo rosso che lega tutte le novantotto pagine del volume; difatti il termine che fa riferimento al titolo deriva dal greco "splen", sdoganato negli ultimi 150 anni attraverso la raccolta lirica "I fiori del male" di Charles Baudelaire, indicando la malinconia, la tristezza e la voglia di non vivere volgendo insistentemente lo sguardo al passato.

Eppure, secondo Galati, è possibile abbattere questo dualismo fra passato e presente, allo scopo di evitare l'inarcarsi di una profonda solitudine simile a quella di una foglia intenzionata a staccarsi da un ramo dell'albero: «Serve avere un legame forte con la famiglia, serve studiare, acculturarsi, muoversi, fare conoscenze, e non dico essere social coi telefonini in mano. Questo è l'unico rimedio che porterà ognuno di noi ad essere migliore ricercando la felicità perduta».
  • Libri nel Borgo Antico
  • cultura
Altri contenuti a tema
Masterclass di human beatbox alla Nuova Accademia Orfeo Masterclass di human beatbox alla Nuova Accademia Orfeo L'appuntamento domenica 31 marzo
L'associazione Borgo Antico: «Se i libri sono un rifiuto, a smaltirli ci pensiamo noi» L'associazione Borgo Antico: «Se i libri sono un rifiuto, a smaltirli ci pensiamo noi» Reazione perentoria degli organizzatori di Libri nel Borgo Antico all'apparizione di un 6x3 (poi parzialmente rimosso) a Corato
Libri nel Borgo Antico anche in Salento Libri nel Borgo Antico anche in Salento Le interviste agli autori partecipanti alla rassegna in onda su TeleRama. Tutte le indicazioni per seguire le trasmissioni
Riprende "Autunno libri" dell'associazione Borgo Antico Riprende "Autunno libri" dell'associazione Borgo Antico Primo appuntamento con Raffaello Mastrolonardo venerdì presso la libreria "Abbraccio alla vita"
"Cronache dal porto di Bisceglie" a Libri nel Borgo Antico "Cronache dal porto di Bisceglie" a Libri nel Borgo Antico Finalmente messo in luce uno dei luoghi più suggestivi e storici della Città del Dolmen
Aldo Moro: un uomo, uno statista assassinato per il suo ruolo e le sue idee Aldo Moro: un uomo, uno statista assassinato per il suo ruolo e le sue idee L'ultimo lavoro di Gero Grassi presentato a Libri nel Borgo Antico
Libri nel borgo dei piccoli, quando la cultura parla la lingua dei bambini Libri nel borgo dei piccoli, quando la cultura parla la lingua dei bambini Grande successo per le iniziative condivise tra laboratori, letture e presentazioni
1 "Alle radici del caos italiano" Paolo Mieli mette sotto accusa la borghesia senza valori civici "Alle radici del caos italiano" Paolo Mieli mette sotto accusa la borghesia senza valori civici Nella splendida cornice di largo Castello a Bisceglie il giornalista ha raccontato l'Italia di ieri e di oggi, fra attualità e storia che si fondono in un intreccio inscindibile
© 2001-2019 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.