Ulivi
Ulivi
Economia e lavoro

Xylella nella Bat, Flai Cgil esprime preoccupazione

I segretari provinciali e regionali chiedono subito un monitoraggio approfondito del territorio

Il riscontro della presenza di Xylella fastidiosa anche nel territorio della sesta provincia ha suscitato le inevitabili reazioni dei rappresentanti delle organizzazioni sindacali. Non fa eccezione la Flai Cgil. «Apprendiamo dalla stampa della presenza della Xylella anche nella Bat, un fenomeno che seppur limitato al momento ad un focolaio riscontrato in un vivaio di Canosa di Puglia ci preoccupa molto perché temiamo che se non si intervenga immediatamente e se non si facciano subito le scelte giuste si potrebbe mettere a rischio il comparto olivicolo del nostro territorio che, è inutile persino ricordarlo, tra i più olivetati d'Italia» ha dichiarato Gaetano Riglietti, segretario provinciale Flai Cgil Bat.

«Chiediamo che si faccia senza indugi un intervento immediato per il monitoraggio di tutto il territorio della provincia perché non possiamo permetterci malauguratamente di vedere infettate altre piante, a rischio ci sarebbe una fetta importante dell'economia della nostra provincia, tanto già duramente provata da tutto ciò che sta accadendo. Oltre al fatto che l'olivicoltura è non solo la nostra vocazione territoriale ma è anche la caratteristica del nostro paesaggio, la storia e la cultura stesse di questo lembo di Puglia» ha aggiunto Riglietti.

Antonio Gagliardi, segretario generale Flai Cgil Puglia, ha evidenziato: «Temevamo che questa avanzata potesse accadere e così è stato. Non possiamo non ricordare anche gli effetti nefasti della batteriosi da Xylella anche sull'occupazione in agricoltura dove il settore olivicolo risulta fondamentale: solo nelle due province interessate in maniera più importante dalla pestilenza, Brindisi e Lecce, tra il 2017 e il 2019, sono andati in fumo secondo quanto certificato dagli elenchi anagrafici dell'Inps, l'iscrizione di circa 3750 operai agricoli; 2680 e la perdita di 223mila giornate di lavoro solo se consideriamo il 2019. Sono numeri allarmanti che non devono e non possono crescere ancora. Per questo la Regione si attivi subito con tutti i mezzi a disposizione per bloccare l'avanzata del batterio».
  • xylella
  • Flai Cgil
  • Cgil Bat
Altri contenuti a tema
Luigi Marzano nuovo coordinatore del settore comunicazione Cgil Bat Luigi Marzano nuovo coordinatore del settore comunicazione Cgil Bat «Molte sfide ci aspettano a tutela dei lavotori del settore»
Fermo pesca più lungo, Flai Cgil Bat esprime preoccupazione Fermo pesca più lungo, Flai Cgil Bat esprime preoccupazione I referenti dell'organizzazione sindacale: «Tegola su un settore già in difficoltà»
«Di questo passo ci vorranno anni» «Di questo passo ci vorranno anni» Vaccini anti-Covid, Spi e Cgil Bat chiedono di accelerare
Spi e Cgil Bat: «Emergenza sociale degli anziani richiede soluzioni» Spi e Cgil Bat: «Emergenza sociale degli anziani richiede soluzioni» Pelagio e D'Alberto: «La pandemia ha causato il loro impoverimento, incrementando solitudine e marginalizzazione»
Vertenza Oss, Cgil Bat esorta l'intervento del Prefetto Vertenza Oss, Cgil Bat esorta l'intervento del Prefetto Il segretario della Funzione pubblica Ilena Remini si è rivolto anche al presidente della Regione Emiliano
Igiene urbana, Fp Cgil ne ha sia per il gestore che per l'amministrazione comunale Igiene urbana, Fp Cgil ne ha sia per il gestore che per l'amministrazione comunale «L'azienda non ha mantenuto un solo impegno, è ora che il Comune intervenga per verificare il rispetto dell'appalto»
Contrasto alla Xylella, Ventola: «Utilizzare chi beneficia del reddito di cittadinanza» Contrasto alla Xylella, Ventola: «Utilizzare chi beneficia del reddito di cittadinanza» La proposta del consigliere regionale per l'esecuzione dei lavori di piccola manutenzione
Oss in scadenza, corsa contro il tempo per le stabilizzazioni Oss in scadenza, corsa contro il tempo per le stabilizzazioni Cgil Bat chiede una proroga «almeno al 31 marzo al fine di non generare precariato su precariato»
© 2001-2021 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.