Aldo Papagni. <span>Foto Luca Ferrante</span>
Aldo Papagni. Foto Luca Ferrante
Buongiorno

"Nemo propheta in patria", il caso Papagni

Il tecnico biscegliese paga dazio con un allontanamento da molti ritenuto ingiusto e inutile

Lo sport è metafora della vita di tutti i giorni: si passa improvvisamente da salvatori della patria a capri espiatori. Le modalità fulminee del repentino cambio alla guida tecnica del Bisceglie calcio dimostrano quanto alcuni valori come la riconoscenza e la gratitudine o innate qualità, tipo la pazienza e la lungimiranza, non risiedano più da tempo nel sistema sportivo (non solo calcistico).

Sono "bastate" quattro sconfitte consecutive, alcune delle quali frutto della malasorte, per indurre il sodalizio nerazzurro a un ribaltone inatteso: ben pochi avrebbero potuto immaginare un brusco esonero - per giunta ad appena quattro turni dalla conclusione della regular season - di Aldo Papagni, accolto da demiurgo e definito senza mezzi termini un simbolo della biscegliesità finalmente al timone della prima squadra.

Molto meno comprensibile appare e apparirà, agli occhi dei tifosi, la decisione di richiamare Giovanni Bucaro: tanto corretta sotto il profilo finanziario (il trainer siciliano è ancora sotto contratto con la società) quanto priva di senso sul piano sportivo e umano. Le "macerie" lasciate da colui che si è seduto sulla panchina nerazzurra a inizio stagione di Serie C, rilevando il testimone da Sergio La Cava che era stato ingaggiato per la D, sono ancora fumanti: più che i risultati inferiori alle aspettative (15 punti in 20 gare, media di 0.75 identica a quella fatta registrare da Papagni con 9 punti in 12 incontri) hanno fatto male certi atteggiamenti evitabili dentro e fuori dal campo. L'espulsione rimediata nella sfida col Catania e le 7 giornate di squalifica, poi ridotte a 5; le incaute dichiarazioni in sala stampa a proposito della presunta indisponibilità di non meglio precisati calciatori ad accettare di giocare per il Bisceglie; l'insofferenza mai nascosta nei confronti di alcune considerazioni di giornalisti e osservatori "colpevoli" di non aderire in tutto e per tutto alla sua visione del calcio.

Bucaro ha ritrovato, martedì pomeriggio, una squadra a pezzi mentalmente in un contesto ambientale tutt'altro che idilliaco: quale reazione possa scaturire questo mix di sensazioni non è dato di conoscere. Le quattro partite ancora in calendario andranno onorate e interpretate nel miglior modo possibile: credere nella possibilità di mettersi la Paganese alle spalle per disporre di due risultati su tre nei playout è un dovere e nemmeno un discutibilissimo avvicendamento tecnico potrebbe fornire alibi di alcun tipo al gruppo.

Vito D'Addato è intanto uscito di scena con una perentoria dichiarazione pubblica, rilanciando - seppure involotariamente - la tematica della situazione societaria. La scelta di richiamare Bucaro sembra quasi "orfana" benchè i meglio informati la intestino al presidente Vincenzo Racanati. Del resto, non è chiaro chi altri avrebbe potuto assumere una decisione di tale portata.
A proposito: una rapida ricerca è stata sufficiente a ricordarmi dell'avvocato Giovanni Palma, presentato appena lo scorso 17 novembre (link all'articolo) quale vicepresidente del Bisceglie e di cui non si è saputo più niente, finché in gennaio è comparso sul web un articolo riguardante l'acquisizione della proprietà del Giugliano (link). Palma non compare (e forse non è mai comparso) sull'organigramma del sito ufficiale stellato, eppure poco meno di sei mesi fa è stato introdotto all'opinione pubblica quale numero 2 di fatto. Mah...

Il ritorno di Aldo Papagni al timone del Bisceglie si è ridotto così a una fugace parentesi che rappresenterà, alla lunga, una prova a supporto di chi ritiene calzante l'espressione "Nemo propheta in patria". È vero, la squadra ha vissuto di pochissimi acuti anche nel periodo in cui è stata allenata dal trainer biscegliese e i quattro stop consecutivi sono lì a certificare i limiti di un vestito tattico 3-5-2 (talvolta 3-4-1-2) scomodo a gran parte dei componenti dell'organico, anche perché i minuti trascorsi a 5 in difesa non sono stati pochi...

Questo esonero lascerà irrisolto per sempre un interrogativo che era lecito porsi già lo scorso 1 febbraio: non sarebbe stato opportuno puntare fin da inizio stagione sull'allenatore "del posto"? Ciascuno terrà la sua opinione a riguardo. Il Bisceglie dovrà conservarlo in C qualcun altro, non quell'Aldo Papagni che appena due mesi e cinque giorni orsono si assunse la responsabilità dell'impresa. Buona fortuna a lui, uomo integerrimo ma soprattutto alla vecchia stella del sud. La salvi chi può.
  • Aldo Papagni
  • Lega Pro
  • Serie C
Bisceglie calcio

Bisceglie calcio

Tutti i contenuti

1713 contenuti
Altri contenuti a tema
Bisceglie, sarà Serie D Bisceglie, sarà Serie D Domanda di riammissione non accolta, il posto del rinunciatario Gozzano al Picerno
Bisceglie, la strada verso la riammissione Bisceglie, la strada verso la riammissione Quotazioni dei nerazzurri in netto rialzo nelle ultime ore
Serie C, il Bisceglie presenta domanda di riammissione Serie C, il Bisceglie presenta domanda di riammissione La società nerazzurra ha depositato tutta la documentazione necessaria
Bisceglie, silenzio totale Bisceglie, silenzio totale Nessuna conferma ufficiale, al momento, da parte del club riguardo l'intenzione di chiedere la riammissione in C
Ecatombe di società in C, il Bisceglie adesso ha più possibilità Ecatombe di società in C, il Bisceglie adesso ha più possibilità Sei i posti vacanti, situazione sempre più ingarbugliata
Replica della Paganese a Bucaro: «Poco sportivo, accetti il verdetto del campo» Replica della Paganese a Bucaro: «Poco sportivo, accetti il verdetto del campo» Il club campano, tirato in ballo dalle dichiarazioni dell'ex tecnico del Bisceglie, gli ha risposto per le rime
Bisceglie iscritto al campionato di Serie D Bisceglie iscritto al campionato di Serie D La società ha formalizzato la procedura necessaria
Lo sfogo di Bucaro: «Il Bisceglie ha perso i playout contro chi ha debiti col fisco» Lo sfogo di Bucaro: «Il Bisceglie ha perso i playout contro chi ha debiti col fisco» L'ex tecnico nerazzurro sull'esclusione della Paganese: «Non ritengo regolare la loro vittoria contro di noi»
© 2001-2021 BisceglieViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BisceglieViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.